Anomalisa | Recensione di Sandy

17

Anomalisa

 

Dettagli:

  • Titolo originale: Anomalisa
  • Anno: 2015
  • Data di uscita: 25 febbraio 2016
  • Durata: 90 minuti
  • Genere: Animazione , Commedia , Drammatico
  • Regia: Charlie Kaufman, Duke Johnson

Interpreti e personaggi:

  •     David Thewlis: Michael Stone
  •     Jennifer Jason Leigh: Lisa Hesselman
  •     Tom Noonan: altri personaggi

Trama:

Michael Stone, marito, padre e apprezzato autore del libro “How May I Help You Help Them?” (Come posso aiutarvi ad aiutarli?) è un uomo paralizzato dall’ordinarietà della sua vita. In occasione di un viaggio d’affari a Cincinnati dove deve tenere una conferenza ad un congresso di professionisti del settore servizio clienti, pernotta al Fregoli Hotel. Lì scopre, con sua grande meraviglia, una possibile via di uscita dalla sua disperazione nei panni di una rappresentante di una ditta di dolci di Akron di nome Lisa, una donna senza grandi pretese che potrebbe essere o meno il grande amore della sua vita.

Recensione:

Anomalisa. Un film di animazione per adulti che racconta la storia di un uomo – scrittore di successo- “alienato” dalla propria vita e da ciò che lo circonda. Questa è stata la mia primissima impressione, la stessa che è mutata via via nel corso del film fino a quando non mi sono imbattuta nella dura e triste verità del protagonista.

Il soggetto in questione, Michael Stone, scrittore di successo, atterra a Cincinnati per tenere una conferenza sulla gestione dei servizi clienti. Stone però è irrequieto, turbato e addirittura stanco. Tra le mani continua a rileggere la lettera di un’ amore perduto, le cui parole riecheggiano nella sua mente, in continuazione, aumentando il suo malessere. Sarà lo stesso a portarlo alla deriva.

In un mondo omologato, dominato dagli stessi visi e voci, Michael, non si sente più lo stesso. Sa che qualunque cosa faccia le cose non cambieranno, irrimediabilmente avrà successo e sua moglie non farà che stargli accanto, incrementando quella sensazione di vuoto interiore che sembra aver messo radici profonde nello stomaco. Il vero problema di Michael è che crede di non avere un posto in questo mondo ed è per questo che, quando trova Lisa, cerca disperatamente di aggrapparsi a lei. La sua voce del tutto diversa dalla massa la rende unica e per un momento Stone crede di aver trovato il Graal. Le imperfezioni di Lisa sono i suoi punti di forza e saranno questi a farlo innamorare di lei.

In questo clima sereno, quasi idilliaco, arriva l’ennesima battosta. Come se ci fosse un bug, anche Lisa cambia. Come se il destino volesse rendere Michael infelice, lei diventa uno di loro ed è allora che l’incantesimo si spezza.

Durante la conferenza saranno le stesse parole a tradire Michael, a rivelare che dietro un uomo di successo si nasconda in realtà una personalità fragile e disturbata che grida aiuto e teme la solitudine.

Non c’è bisogno di dirvelo, ma ho amato intensamente questo film. A farmi innamorare innumerevoli elementi tra cui la scelta dello stop motion. L’abbinamento fra quest’ultimo e la storia rende l’atmosfera surreale, ma allo stesso tempo è un potente mezzo per sottolineare certi aspetti complessi della trama.

Ve lo consiglio vivamente.

 

 

 

Premi e riconoscimenti:

 

  • 2016 – Premio Oscar

Nomination Miglior film d’animazione

  • 2016 – Golden Globe

Nomination Miglior film d’animazione

  • 2016 – Satellite Awards

Nomination Miglior film d’animazione o a tecnica mista

  • 2015 – Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia

Leone d’argento – Gran premio della giuria a Charlie Kaufman e Duke Johnson

Future Film Festival Digital Award a Charlie Kaufman e Duke Johnson

Nomination Leone d’oro a Charlie Kaufman e Duke Johnson

  • 2016 – Independent Spirit Awards

Nomination Miglior film

Nomination Miglior regista a Charlie Kaufman e Duke Johnson

Nomination Miglior sceneggiatura a Charlie Kaufman

Nomination Miglior attrice non protagonista a Jennifer Jason Leigh

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Lascia un commento