BLOGTOUR: “#NellaRete” di Georgia Manzi – Recensione

Illustrazione di Carlo

Benvenuti alla terza tappa del blogtour dedicata al romanzo “#NellaRete” di Georgia Manzi, edito Pelledoca Editore.

Grazie a Carlo di The Room Tales per i bellissimi banner.
Siete pronti a cominciare?

IL ROMANZO

Acquistalo subito: Nellarete

Amelia e Dino non si piacciono granché, ma quando un hacker, sotto le spoglie di un imbattibile giocatore online, entrerà nel computer di Fulvio, si ritroveranno a indagare insieme. Dino, ossessionato da complotti e violenze, è sicuro si tratti di un terrorista. Fulvio, poco convinto di questa teoria, vuole scoprire chi si cela dietro il nome del giocatore. La faccenda si fa più oscura quando strane cose cominciano a capitare. L’indagine continua e si riesce a trovare un indirizzo: la casa dell’anonimo hacker si trova non lontano dalla scuola. La persona che vi abita, però, è una donna misteriosa. Cosa nasconde la casa verso cui sembrano concentrarsi tutte le ricerche? Perché Tarzan, il cane di Amelia, sembra impazzire ogni volta che ci si avvicina? E chi è la donna che ci abita? Un romanzo giallo dove il mondo della Rete e dei videogiochi online fa da sfondo a un mistero da risolvere, alla richiesta d’aiuto di un hacker misterioso e al rapimento di un bambino. Tre ragazzi sapranno affrontare le loro paure e una donna pazza di dolore che da vittima diventa carnefice. 

Let’s talk about “#NellaRete”

 

Lo so, ma posso trovarti comunque. Abbiamo una missione da compiere insieme.”

Per questo blogtour lasciate che vi presenti un romanzo della neo casa editrice Pelledoca Editore, che si propone come obiettivo quello di aiutare i ragazzi ad affrontare le loro paure attraverso le loro storie, fatte di ansia, terrore e angoscia, che portano chi legge a capire che, a volte, i mostri chiusi nell’armadio sono immaginari o quelli sotto il letto non sono altro che lupi trasvetiti da agnelli.

L’esempio calzante è #NellaRete di Georgia Manzi, un romanzo pieno di suspense e mistero che si fondono egregiamente per dare vita ad un libro che insegna quanto sia fondamentale fare attenzione ai pericoli della rete. Oggigiorno veniamo bombardati da informazioni e pop up pubblicitari, che impediscono di effetturare ricerche e di finire nelle mani di identità nascoste.

È a metà del vialetto e cammina a testa bassa, con le spalle che quasi le toccano il mento. Sembra portare un peso che le fa stringere i denti e aggrottare la fronte.”

Fulvio è un ragazzino come tanti altri, appassionato di videogiochi, il quale – per ironia della sorte-, finisce “intrappolato” nel suo stesso videogame, perseguitato da un hacker. Nessuno gli crede, neanche sua madre, per questo motivo rischia di impazzire. Non dorme bene, non vive bene.

La vita virtuale che tanto ammirava diventa un incubo che ha il nome di fa**gen. Non gli è ancora chiaro che cosa voglia questo strano tipo da lui, ma comincia lentamente a capire che non ne uscirà inerme. Il suo amico Dino pensa possa trattarsi di qualche terrorista, ma andando a fondo nelle ricerche scoprono che il segnale proviene da una delle case dietro la loro scuola. Tremendamente in ansia, Fulvio, non sa cosa fare. Ha chiuso con tutto, i Pucks, internet, l’hacker. 

Anche il vento si ghiaccia e si spacca in mille pezzi.”

Quando si tocca il fondo è difficile risalire, ma una volta che ci si trova lì ci si rende conto che niente potrebbe essere peggio di quello che si sta vivendo in quel momento. Questo motiva Fulvio a saperne di più su quella casa e l’hacker che lo sta tormentando. Amelia, Dino, Fulvio e Tarzan, il loro simpatico cane, andranno a smascherare questo individuo una volta per tutte.

Carichi di adrenalina sono pronti a fargliela pagare, ma quando arrivano, si rendono conto che la realtà è ben diversa da come se l’erano immaginata. Una donna, un’orribile donna, sorveglia la dimora con minuziosa attenzione, impedendo ai tre di andare al suo interno. È solo quando riescono ad irrompere che emerge una triste e agghiacciante verità. Quale sarà?

Il viso della donna si piega su di me, avvicina la lama alla mia guancia e tira indietro il bambino con un mugolio.”

“#NellaRete” è un romanzo che parte spensierato, creando quella finta sicurezza e quiete, che poi viene stroncata dal mistero celato dietro la rete, un luogo virtuale immenso e apparentemente innocuo e che spesso porta con sè terribili verità. Nel caso di Fulvio, questa ha permesso di restituire una vita ad un bambino, ma dopo anni di reclusione, riuscirà realmente ad averla? 

Questo però non significa che sia così ogni giorno, sempre più ragazzi finiscono preda di internet, attirati da persone e cose che finiscono per portarli da predatori seriali, i quali fingono di essere loro coetanei o nei peggiori dei casi loro amici, instaurando così un rapporto di fiducia che come ben sappiamo finisce nel peggiore dei modi. Per questo è indispensabile sensibilizzare i ragazzi riguardo ai danni del mondo virtuale.

Georgia Manzi ci insegna che le apparenze ingannano. Talvolta è la paura ad alimentare le nostre paranoie, ma è solo andando incontro alla paura che riusciremo ad uscirne vincitori. Il protagonista della Manzi è un ragazzo comune, alle prese con i drammi della vita e le preoccupazioni di ogni tipico ragazzo della sua età, eppure, quando c’è bisogno di tirare fuori gli artigli, è capace di mettere da parte il timore, dimostrandosi anche in grado di aiutare il prossimo.

 

Siamo giunti alla fine.
Non vi resta che procurarvi una copia di “#NellaRete”
Vi lascio il calendario con le prossime tappe del blogtour!
Non lasciatevene scappare neanche una!

 

Salva

Lascia un commento