Il ponte tra me e te di Arizona Ross | Recensione di Deborah

C’era qualcosa nei suoi occhi verdi che mi colpì. Aveva l’espressone di una persona buona ma allo stesso tempo vissuta, ferita dalla vita.

 

Genere: Romance contemporaneo
Editore: Youcanprint Self-publishing
Pagine: 288 pagine
Prezzo: Cartaceo 15,90 € ; ebook 1,99 €
Acquistalo subitoIL PONTE TRA ME E TE

Percorrendo il ponte di Brooklyn, Rose ricorda il primo anno in cui ha vissuto a New York, nel quale ha conosciuto l’amore, le prime soddisfazioni professionali, ma anche la sofferenza più devastante. È il 2000 quando Rose, diciottenne, si trasferisce a Manhattan per studiare architettura alla Columbia University. Una sera Rose salva Eric Jones, un ragazzo affascinante e al tempo stesso tormentato, dall’accusa di rissa. Eric, schivo e misterioso, si rivelerà in seguito un forte punto di riferimento per la vita di Rose, riuscendo a comprenderla dal profondo e spronandola a dedicarsi a ciò che desidera fare realmente: l’autrice di canzoni. I due vivranno una intensa storia d’amore sullo sfondo della Grande Mela, destinata a scontrarsi con numerose avversità, come la sofferenza di Eric per la storia della sua famiglia, le insicurezze di Rose e i rapporti che la ragazza crea con altri amici più affini a lei, fino a quando le vite dei due giovani si imbattono in un imprevedibile e tragico evento, destinato a cambiare per sempre la storia contemporanea.

Lettori, benvenuti!

Il nostro viaggio di oggi ci porterà a New York, conosceremo la storia di Rose ed Eric, i protagonisti di Il ponte tra me e te scritto da Arizona Ross. Vi anticipo che si tratta di un romanzo dolce e romantico, una storia davvero piacevole che mi ha coinvolta molto, unica nota stonata che mi ha fatto cadere il romanzo è il finale. Vediamo nei dettagli, pronti a partire?

Non possiamo sempre infischiarcene dei problemi degli altri per non essere coinvolti in situazioni che potrebbero essere spiacevoli.

 

Eccoci atterrare a Manhattan per conoscere la storia d’amore di Rose ed Eric. Prima di addentrarci nel romanzo ci tenevo a dire che lo stile di scrittura di Arizona Ross mi è piaciuto. Nel complesso è ben strutturato e molto scorrevole, il lettore viene piacevolmente coinvolto nelle vicende. L’ambientazione è suggestiva, infondo si tratta di New York, la metropoli che quasi tutti sognano di visitare. Riprendiamo il volo con la protagonista Rose, alla sua prima esperienza nei cieli è diretta verso la grande città per frequentare l’università. Rosa è una semplice ragazza proveniente da una comune città, non particolarmente attenta alle ultime tendenze. Inizia la sua avventura con l’obbiettivo di laurearsi in architettura, un lavoro che le permetterebbe di esprimere la sua vena creativa.

 

Il cuore tamburellava nel mio petto. Mi chiesi se fosse così che ci si sentiva quando si prendeva una cotta per qualcuno.

 

Quando era una ragazzina, Rosa ha avuto la passione per comporre canzoni, questo sogno non lo ha mai abbandonato. Insieme alla sua migliore amica componevano e cantavano, ma qualcosa andrò storto ad un’esibizione e mise la propria passione sotto il tappeto. Arrivata al dormitorio conobbe Olivia, la sua esuberante compagnia e glamour di stanza. Quella sera stessa Olivia fece conoscere a Rose i suoi amici: Brandon, con il quale aveva una storia di letto, Aaron e l’egoista Dawson. Trascorsero una piacevole serata, che continuò il un locale dove Olivia conosceva il proprietario e non fece problemi ai ragazzi per bere. Rose uscì e in lontananza scorse un attraente ragazzo dagli occhi verdi, che fu presto coinvolto in una rissa. Rose volle andare il giorno dopo in centrale a deporre in favore del ragazzo, fu accompagnata da Aaron che fece la stessa cosa, avendo assistito alla scena.

 

Mi faceva male vederlo in quello stato, ma cercai di sembrare naturale per non metterlo in imbarazzo.

 

Rose ed Eric si conoscono, subito la ragazza è molto attratta da quel bel giovane sconosciuto e sente di volerlo conoscere. Si scambiano i numeri ma Rose non viene richiamata, aspetta con ansia una telefonata che sembra non arrivare. I due si rincontrano per caso ed inizia la discussione che li porterà poi a frequentarsi. I protagonisti mi sono piaciuti molto, entrambi li trovo molto veri ed adorabili. La loro storia d’amore è davvero molto dolce e romantica, si innamorano piano piano l’uno dell’altra ed insieme fanno tante esperienze. Trovo che la loro sia proprio una storia dolce che porta il lettore a sognare e a staccare dalla realtà. Infatti prima del finale, ho davvero apprezzato l’autrice nell’aver scelto di creare un amore senza drammi ogni due per tre come spesso accade nei romance. È bello leggere di una storia d’amore semplice, tra due ragazzi che si amano, senza che dietro ogni roccia ci sia una tragedia impossibile, rende il tutto più vero e sentito. Non mi sono dispiaciuti neanche gli amici di Rose, Olivia è molto simpatica e frizzante, Dawson ci sta come figura negativa ed Aaron inizialmente lo trovavo adorabile! Dico così perché durante la storia pare sia innamorato di Rose, ero già preparata psicologicamente al classico clichè del triangolo noo, non lo avevo considerato!

 

Come avrei voluto sgattaiolare da lui, nel cuore della notte, e raggomitolarmi accanto al suo corpo, confortata dalla sua vicinanza.

 

L’autrice mi aveva piacevolmente sorpresa rivelando che Aaron fosse innamorato di Olivia, e che quella con Rose fosse una sincera e splendida amicizia. Rose incoraggia l’amico a farsi avanti con Olivia e quando riesce, iniziano una storia. Olivia decide di organizzare una mega festa di capodanno in un capannone. Le risate si trasformano prima dell’arrivo del nuovo anno in urla di terrore, un corto circuito e tutto prende fuoco mietendo tante vittime. Dawson avrebbe dovuto essere tra quelle ma Eric lo salva dalle fiamme scoprendo la propria strada. Il ragazzo inizia l’iter per diventare vigile del fuoco. Olivia è molto spaventata per e addolorata per quello che è successo, rivela all’amica di amare Brandon. Poco dopo la rottura con Olivia, Aaron si dichiara follemente innamorato di Rose. Questa scelta non mi è piaciuta, sembra che questo ragazzo debba per forza accoppiarsi con qualcuno, peccato perché era un bel personaggio! Comunque Eric tiene molto che Rose continui ad inseguire i propri sogni e la spinge a riprende in mano carta e penna per comporre.

 

Tu forse non hai idea di quanto io ti ami, ma quando ti vedo o ti penso tra le fiamme mi manca il respiro…

 

Tutto sembra andare per il meglio tra Eric e Rose. Hanno avuto qualche problema come ogni coppia, ma niente che non possa essere risolto con amore. Rose sta riuscendo a riappropriarsi della propria passione, si esibisce in prima persona ma sogna di scrivere canzoni per qualcuno. Proprio in quel maledetto giorno di settembre ha un appuntamento di lavoro, mentre si sta esercitando dal tetto del loro appartamento vede un aereo volare troppo basso. Appena ho letto quella frase ho già capito cosa sarebbe successo nel 2% finale. Ed è qui che il romanzo mi è proprio caduto. Purtroppo, come potrete immaginare, Eric sarà una vittima dell’attentato. Questo accade davvero nelle ultime pagine del romanzo, fino all’ultimo non credevo che succedesse veramente ed invece ecco la tragedia finale risolta in 3 pagine di numero praticamente.

 

E mentre guardo la croce di Ankh tatuata sul mio polso, dico a me stessa che lui è in un posto migliore, dove sta bene e dove lo raggiungerò.

Lettori, il romanzo mi è piaciuto molto fino all’epilogo finale, infatti non tenendo conto di questo meriterebbe 4 macchine da scrivere. Non voglio giudicare in senso stretto le scelte dell’autrice, ma devo esprimere le sensazioni personali che mi ha suscitato. Avevo apprezzato tantissimo il romanzo proprio perché sembrava una storia innocente, sincera, e vera, che permettesse al lettore di ritagliarsi una angolino tranquillo di felicità nel mondo della lettura. Proprio la semplicità con la quale l’autrice ci ha raccontato la storia di Eric e Rose mi ha catturata, il fatto di non cadere nel cliché del solito triangolo o dei soliti super drammi. Già la realtà è difficile e dura, se leggo un romance di questo tipo mi aspetto almeno di chiudere il libro con un sorriso. Comunque nel complesso questo viaggio mi è piaciuto molto, sono contenta di aver conosciuto Eric e Rose.

voto sin finale:

voto con finale

 

Alla prossima avventura!

 

Lascia un commento
Precedente Chi cerca trova – Day #11: Viaggio sull'isola che non c'è Successivo Top of the month #8: I preferiti del mese di ottobre di Deborah