La donna dei fiori di carta di Donato Carrisi | Recensione di Sandy

4

 

«C’è una bellezza nascosta in ogni cosa», disse il dottore. «Anche nella più tremenda.»

Dettagli:

  • Titolo originale: La donna dei fiori di carta
  • Genere: Thriller
  • Editore: Longanesi
  • Collana: La piccola Gaja scienza
  • Pagine: 170
  • Prezzo: € 9,00

Il Libro – Trama:

Il monte Fumo è una cattedrale di ghiaccio, teatro di una battaglia decisiva. Ma l’eco dei combattimenti non varca l’entrata della caverna in cui avviene un confronto fra due uomini. Uno è un prigioniero che all’alba sarà fucilato, a meno che non riveli nome e grado. L’altro è un medico che ha solo una notte per convincerlo a parlare, ma che ancora non sa che ciò che sta per sentire è molto più di quanto ha chiesto e cambierà per sempre anche la sua esistenza. Perché le vite di questi due uomini che dovrebbero essere nemici, in realtà, sono legate. Sono appese a un filo sottile come il fumo che si leva dalle loro sigarette e dipendono dalle risposte a tre domande. Chi è il prigioniero? Chi è Guzman? Chi era l’uomo che fumava sul Titanic? Questa è la storia della verità nascosta nell’abisso di una leggenda. Questa è la storia di un eroe insolito e della sua ossessione. Questa storia ha attraversato il tempo e ingannato la morte, perché è destinata al cuore di una donna misteriosa.

Recensione:

Buonasera, lettori!
La settimana prosegue all’insegna dello studio, una vera e propria full immersion in vista degli imminenti esami. Aiuto! Ritagliarsi un angolino per leggere sta diventando difficile, ciò nonostante non riesco a rinunciare alla lettura e dunque eccomi con un nuovo libro per il nostro consueto appuntamento del martedì. Se non si era capito dalle recensioni, sono una vera amante del genere thriller. Non mi reputo una esperta tuttavia quando leggo romanzi di questo genere mi sento a “casa” e nonostante non mi faccia intimidire da altri generi, in qualche modo, torno sempre e comunque al thriller. Il lupo perde il pelo ma non il vizio, hehe. Lasciamo le chiacchiere un momento da parte, tendo a dilungarmi e perdere il filo facilmente. Dove eravamo rimasti? Non avevo neanche cominciato, credo. Perfetto. Dunque, dunque, dunque. Ah, si, partiamo dal principio. Sono venuta a conoscenza di Donato Carrisi tramite “Il suggeritore” (giunto a me molto tardi, purtroppo), che consiglio vivamente e credetemi quando vi dico che é dura staccarsi dalle pagine. Ad ogni modo, l’apprezzamento è soggettivo. Mi direte poi voi cosa ne pensate delle sue opere.

Era da tempo che volevo leggere “La donna dei fiori di carta”. In primis per il titolo e in secondo luogo per la copertina, un mix perfetto. È valso la pena attendere. Donato Carrisi lascia l’immagine che aveva dato di sé, quella di un abile scrittore di thriller psicologici per far emergere una sfumatura a noi ancora sconosciuta, quella di un bravo storyteller, deliziando il lettore con una storia carica di fascino. La storia è ambientata sul Monte Fumo durante la prima guerra mondiale.

Questa storia comincia con un fiammifero, disse l’italiano. È breve e fragile, la vita di un fiammifero, come quella di tutti noi.

Le tre domande fondamentali ( Chi è Guzman? Chi sono io? E chi era l’uomo che fumava sul Titanic?) faranno da filo conduttore alla narrazione e sono le stesse che pone un soldato italiano catturato dalla fazione nemica all’avversario austriaco. Enigmi che il lettore cercherà di decifrare per tutta la durata del racconto. Carrisi con uno stile che non ha nulla da invidiare a Zafón ci ricorda che ogni storia vale la pena di essere raccontata perché è desiderio dell’uomo essere ricordato e il mio voto non può che essere il più alto.

Stamberga - Voto 5

 

 

 

Note sull’autore – Donato Carrisi:

È nato nel 1973 a Martina Franca e vive a Roma. Dopo la laurea in Giurisprudenza, si è specializzato incriminologia e scienza del comportamento per poi diventare sceneggiatore di serie televisive e per il cinema. È una firma del Corriere della Sera ed è l’autore di romanzi bestseller internazionali Il suggeritore, Il tribunale delle anime, La donna dei fiori di carta, L’ipotesi del male e Il cacciatore del buio, tutti pubblicati da Longanesi.
Ha vinto prestigiosi premi fra cui il Bancarella in Italia, il Prix Polar e il Prix Livre de poche, il più importante premio dei lettori in Francia.

 

Salva

Salva

Lascia un commento
Precedente Book Tag #3 – Totally should’ve Successivo Hotel Transylvania | Recensione a cura di Deborah