Recensione: Lo strano caso di Michael Farner di Lorenzo Sartori

Lo strano caso di Michael Farner di Lorenzo Sartori

“Lipford si sarebbe accontentato di sparire a metà storia. Qualsiasi cosa pur di non morire. Fosse stato semplicemente dimenticato dal narratore tra una pagina e l’altra sarebbe vissuto in eterno da qualche parte nelle pieghe del romanzo”.

Dettagli:

  •     Titolo originale: Lo strano caso di Michael Farner
  •     Genere: Racconto, Surreale, Noir
  •     Editore: Nativi Digitali Edizioni
  •     Collana: Storie
  •     Pagine: 134
  •     Acquistalo subito: Michael Farner

Il Libro – Trama:

Per Michael Farner sono lontani i tempi in cui era uno scrittore di bestseller: oggi è sovrappeso, depresso, dimenticato dal pubblico e bistrattato dal proprio editore. Il motivo? Non riesce più ad uccidere i propri personaggi, bel problema per un autore di thriller. Quando Michael “uccide” un personaggio nelle sue bozze se lo ritrova infatti davanti in carne ed ossa, intenzionato a dargli il tormento fino a che non verrà “riportato in vita”. Ma questo è solo l’inizio dei guai per il povero scrittore…

“Lo strano caso di Michael Farner” è un racconto che ironizza su cliché e consuetudini del mondo dell’editoria spiazzando continuamente il lettore, portandolo a ribaltare più volte la sua prospettiva e suggerendogli che ci sono tanti modi diversi per osservare una realtà solo apparentemente lineare. Sarà lo scrittore ad avere l’ultima parola, uno dei suoi personaggi…o chi altro?

Recensione:

Vi è mai capitato di scegliere un libro a caso? Una scelta non accuratamente pensata e che, per ironia della sorte, si è rivelata intrigante?

È il libro che sceglie il lettore, signor Potter. Non era proprio così… lasciamo stare.

Michael Farner è uno scrittore di gialli caduto nel dimenticatoio, che tenta disperatamente di riemergere con un nuovo romanzo, ma quello che nessuno sa è che appena uccide un suo personaggio, tempo qualche ora, quest’ultimo prende vita ed inizia a tormentarlo, criticando persino il suo lavoro. Questo è il caso di Lipford, personaggio che non accetta di morire.

Alle prese con le scadenze del suo editore, deve cercare di spremersi le meningi per concludere qualcosa. Il suo più grande rimpianto è quello di aver ucciso Greg Merchant, personaggio della trilogia “Il sonno della Medusa”, che gli aveva permesso di scalare le classifiche, piazzandosi ai primi posti.

La sua vita si complica quando decide di rimpiazzare Lipford con un’affascinante scrittrice di nome Valery Sinclair e questo sarà solo l’inizio dei guai per lo scrittore.

Sartori ironizza sul mondo dell’editoria, mettendo in scena uno spettacolo che, per quanto divertente, spinge a riflettere. Cosa accade a uno scrittore una volta che il suo momento è passato? Un po’ come i tormentoni estivi, la fama arriva e poi svanisce. Questo è il caso di Farner, che disposto a rivedere la gloria si spreme le meningi, rischiando di far esplodere la testa. Una cosa è certa, è che nonostante la fama, ci saranno altri fortunati sul trono. Lo vediamo oggi, uno scrittore passa lo scettro ad un altro e quest’ultimo ad un altro ancora, creando così una catena senza fine. Quello che conta ormai non è più tanto il genere ma l’idea.

Oggigiorno chiunque può diventare scrittore, ma è davvero così? Avere buone idee può portare lontano? Dipende. Milioni di copie vendute vogliono dire poco in confronto a chi ha talento, ma agli occhi del mondo quello che conta è la persona che si trova ai primi posti. Questo oscura chi ce la sta mettendo tutta per emergere e non solo, attraverso il racconto dell’autore, vediamo che è difficile stare al passo anche per chi ha già toccato la vetta.

L’editoria punta tutto sulle vendite, che siano capolavori o lavori mediocri. Esempio calzante Hennings, l’editore di Farner e del suo acerrimo nemico Pierce. Fortunatamente non è sempre così, ci sono realtà indipendenti che cercando ancora di spingere il talento al guadagno.

“Lo strano caso di Michael Farner” si presenta come una catena di eventi dinamici, ricchi di colpi scena e di esilaranti situazioni che strappano il sorriso. È la storia nella storia di personaggi divenuti autori e viceversa. Un racconto nel quale è difficile dire che sia tutto scontato. Su questo bisogna dare una nota di merito allo scrittore, che ha saputo rendere stuzzicante le peripezie di Michael Farner. 

Aspettate un momento! Non è finita qui. Rimettete il cursore a posto, le avventure di Michael Farner continuano, ma per sapere la mia opinione dovrete attendere fino a venerdì. Ringrazio Nativi Digitali Edizioni per la bella scoperta. Intanto voi potete acquistare la dilogia qui.

 

 

 

Note sull’autore – Lorenzo Sartori:

Lorenzo Sartori, giornalista, vive tra Crema e Milano. La sua produzione letteraria spazia dal genere fantasy al thriller, dall’horror alla fantascienza. Ha pubblicato le seguenti opere: Con l’ultimo respiro (Gainsworth Publishing, 2014), Il segreto di Bima (Gainsworth Publishing, 2015), Home Run (Sad Dog Project, 2015), Sonata per violino (Sad Dog Project, 2016), Memory Download, La Sindrome di Proust (Alcheringa Edizioni, 2016), Michael Farner (Nativi Digitali Edizioni, 2016), La Millesima Luna (Gainsworth Publishing 2016), L’ombra del primo re (Gainsworth Publishing 2016).
Blog: lorenzosartori.blogspot.com
Pagina facebook: www.facebook.com/lorenzosartoriscrittore

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Lascia un commento
Precedente #Segnalazione: La Vita è un tiro da tre punti di Marco Dolcinelli Successivo #Segnalazione: "La Gente della Marea" e "Terreno di Sepoltura" (Nero Press Edizioni)