Passengers | Recensione di Deborah

 

 

 

PASSENGERS

 

Titolo originale: Passengers

Anno: 2016

Data di uscita: 30 dicembre

Durata: 116 minuti

Genere: drammatico, fantascienza, avventura, sentimentale

Regia: Morten Tyldum

 

Interpreti e personaggi:

  • Jennifer Lawrence: Aurora Lane
  • Chris Pratt: Jim Preston
  • Michael Sheen: Arthur
  • Laurence Fishburne: Gus Mancuso
  • Andy Garcia: capitano Norris

 

Trama:

Durante un viaggio verso una nuova casa su un altro pianeta, due passeggeri vengono svegliati 90 anni prima del previsto per un guasto della nave spaziale. Jim (Chris Pratt) e Aurora (Jennifer Lawrence) si ritrovano con la prospettiva di passare il resto della loro vita a bordo, pur con tutti i comfort possibili, e si innamorano ma scoprono che l’astronave è in grave pericolo. La vita di 5000 passeggeri addormentati dipende da Jim e Aurora, solo loro possono salvarli

 

Recensione:

Oggi veniamo ad un film, Passengers, che devo ammettere mi ha abbastanza delusa. Arriva la rara opportunità di organizzare una serata cinema completamente a casa, con junk food da consumare direttamente sul divano di fronte alla tv, e già qui è un evento raro. Ho condiviso l’esperienza con mia sorella, facendo scegliere a lei la pellicola protagonista e mi propone il nuovo film della Lawrence, sottolineando la presenza di Pratt *eheh*. Che dire mi sono subito lasciata convincere perché leggendo la trama sembrava un film davvero interessante, avvincente e ricco di azione come verrebbe da supporre di fronte allo scenario snocciolato dalla trama. In effetti sì, il contesto è interessante, un frammento di umanità ibernato alla conquista di un nuovo mondo. Bello cercare di capire cosa ha spinto 5000 persone a dire addio al proprio mondo cercando di sopravvivere al congelamento e alla vita su un pianeta alieno. Il film è completamente ambientato nello spazio, a bordo di una navicella molto grande, moderna e lussuosa. Jim, il protagonista, alias il nostro fighissimo Chris, si sveglierà con ben novant’anni di anticipo a causa di un guasto alla sua capsula di congelamento. Resterà per più di un anno solo a cercare di riparare il danno e ibernarsi nuovamente, in compagnia dei robot presenti sulla nave. Incontrerà Aurora, avvenente ragazza anch’essa congelata in una capsula, si innamorerà perdutamente di lei tanto che prenderà la decisione di interrompere il suo algido sonno. Inizierà così la vita di coppia di Aurora e Jim che piano piano si innamoreranno, fino a che lei non apprenderà la terribile verità riguardo il suo risveglio. Quando già i due non saranno più in sintonia inizieranno ad accadere strane cosa a bordo della navicella, guasti a destra e a sinistra che andranno a comporre il tragico futuro di distruzione della stessa. Riusciranno i due a salvare loro stessi e la vita delle altre persone? “Azione e adrenalina” presente solo negli ultimi venti minuti finali. Consigliato? Non molto sinceramente!

 

 

 

 

Comments

comments

Film / , , , , , , ,

Informazioni su La Stamberga d'Inchiostro

Benvenuti, lettori! Siamo Deborah e Sandy, due insaziabili divoratrici di libri con un’ossessione compulsiva per serie tv e non dimentichiamoci della nostra passione seriale per i film. Con questo potrete immergervi nelle nostre più disparate avventure, un mondo costruito con inchiostro e pellicole. Abbiamo tradito l’onore Jedi e ci siamo schierate al fianco di Anakin al servizio dell’imperatore Palpatine, giurando solennemente di non avere buone intenzioni abbiamo attraversato la statua della strega orba con la gobba sbucando alla tavola calda di Granny a Storybrooke. Siete pronti per accompagnarci nel prossimo viaggio?

2 commenti su “Passengers | Recensione di Deborah