Perfect 2 – I nostri cuori imperfetti di Alison G. Bailey | Recensione di Deborah

4

 

PERFECT 2

I nostri cuori imperfetti

 

Mentre fa qualche passo indietro, i suoi occhi azzurri si riempiono di lacrime, paura e rabbia.

 

Titolo originale: Past Perfect
Autore: Alison G. Bailey
Serie: Perfect
Editore: Deagostini
Pagine: 384
Prezzo: 14.90 €

Acquistalo subito: Perfect 2: Le imperfezioni del cuore

 

Trama: 

Brad Johnson può avere ogni ragazza che desidera. Può sedurla e abbandonarla con la stessa facilità. Ma le cose cambiano quando incontra Mabry. Mabry è bella, intelligente, sfacciata. E misteriosa. C’è qualcosa in lei che Brad non riesce a decifrare. Qualcosa che Marbry vuole tenere segreto, a ogni costo. L’attrazione tra Brad e Mabry è immediata, irresistibile. Per la prima volta nella vita, lui si innamora perdutamente e abbassa la guardia. Eppure più Brad si avvicina, più Mabry si allontana. Perché ci sono ferite che non si cancellano, e ricordi che tornano sempre a tormentarci.

 

Recensione:

Cari lettori,

oggi parliamo del romanzo Perfect 2 – I nostri cuori imperfetti scritto da Alison G. Bailey ed edito da DeAgostini. Il romanzo fa parte di una serie young adult, Perfectdi volumi autoconclusivi. Avevo iniziato a leggere la prima storia scritta da questa autrice sulla piattaforma di Wattpad e mi aveva intrigata, la storia di Brad e Mabry mi ha presa meno, ma ci sono dei punti a loro favore, scopriamoli!

 

Negli occhi di Mabry c’è sempre tanta tristezza. Sono bellissimi ma tristi.

 

 

Write, wrote writte – Lo stile di scrittura. Il romanzo è scritto bene, lo stile dell’autrice è fluido e giovanile, riesce a catturare bene l’attenzione del lettore. Personaggi e ambientazioni sono ben caratterizzati e messi a fuoco, l’immaginazione di noi readers è ben condotta. La narrazione è un pò particolare, può sembrare a primo impatto caotica perché abbiamo due POV, quello maschile e quello femminile alternati nel medesimo capitolo. Inoltre c’è l’alternanza di capitoli ambientati nel passato e altri nel presente, fino a che passato e presente si scontrano. Mi ha lasciato contrariata e combattuta la tematica dell’autolesionismo. Da una parte so che è giusto parlarne e non bisogna nascondere la polvere sotto il tappeto, dall’altro ho paura che affrontata in un romanzo per ragazzine possa spingere qualcuno in una situazione difficile a provare, avendo come esempio il lieto fine. Noi sappiamo bene che sono storie inventate, 4fanno quasi fatica a stare in piedi trasportate nella realtà, ma una ragazzina? Questo era il mio più grande dubbio. Una cosa che mi ha colpito positivamente è stato il fatto di avere come protagonisti due ragazzi di venticinque anni circa, quindi per una volta basta liceo! yeee

 

Faccio del mio meglio per reprimere l’ansia, la rabbia e il dolore. La fitta profonda che provo al basso ventre mi fa piegare in due.

 

Who are these guys? – I personaggi. Brad, il protagonista maschile non mi è dispiaciuto, anzi lo ho trovato davvero simpatico. Un ragazzo molto bello e attraente, un ex stronzo patentato che con l’età si è “redento”. Brad è figlio di un facoltosa famiglia di avvocati, cresciuto nella ricchezza ma con la mancanza totale di amore, sentì i genitore dire che avrebbero fatto meglio ad andare in fondo con l’idea dell’aborto. Quando senti una notizia del genere dalla bocca dei tuoi genitori non può lasciarti indifferente, Brad non si è mai legato a nessuno, usava le ragazza e basta fino a che non ha conosciuto Mabry. Marby è una ragazza con un passato solcato dal dolore, sua madre si suicidò quando lei era piccola, il padre non si riprese più dalla perdita ed improvvisamente fu abbandonata da entrambi i genitori. La ragazza lenisce il dolore con droghe, sesso occasionale e autolesionismo. Non ho avuto particolare empatia con questo personaggio, di solito i protagonisti complicati mi piacciono ma qualcosa mi ha stonato su di lei.

 

Mi sedetti al tavolo della cucina e nascosi il viso tra le mani. Stavo lottando contro un’emicrania causata senza dubbio dai troppi whisky della sera prima.

 

Brad e Mabry, dopo un lungo periodo passato a reprimere la loro attrazione reciproca, decidono si lasciarsi andare alla passione. La ragazza fissa subito delle regole da rispettare, tra cui il non volere qualcosa di serio. La loro specie di relazione va a gonfie vele fino a quando Brad non dichiara di essere innamorato. Mabry lo respinge e fugge da propri sentimenti proprio perché li ricambia a pieno, e per la prima volta non si immagina da sola nel proprio futuro. Brad non demorde e con infinita dolcezza corteggia la ragazza che ad un certo punto decide di lasciarsi andare e vivere i propri sentimenti.

 

Adoro trascorrere il mio tempo con Mabry, ma le domeniche sono i momenti che preferisco in assoluto.

Brad’s Past. Il passato è venuto a bussare spezzando la felicità della coppia. Becca, la ragazza che si è presa cura di Brad per un mese durante il collage. Lei era innamorate persa, lui invece disinteressato ha dato un taglio al loro rapporto, la sera stessa si è suicidata. La famiglia di Becca era tornata pronta a fargli causa e dovette raccontare tutto a Mabry. Inizialmente la ragazza sembrò capire che si è trattata di una tragedia ma un tarlo iniziò a roderla. Cominciò a pensare a tutte le ragazza che Brad aveva usato, alle varie scommesse del liceo. Si allontanò sempre più da lui.

 

La domanda mi coglie alla sprovvista. Se le cose andassero bene, non starei seduta nel suo studio.

 

Mabry’s Past. Mabry dopo il suicidio della madre non fu più la stessa. Crebbe da sola, senza un padre vicino perché affogato nel dolore. Iniziò ad infliggersi dolore fisico per sopperire quello psicologio e annebbiare la mente. Quando sentiva di dover soffocare le emozioni sbatteva la testa contro una superficie dura per stordirsi. Durante l’università ebbe tanti rapporti occasionali, ma anche quelli ad un certo punto la fecero sentire sempre più vuota. Conobbe Brad e tutto cambiò. Intravide una luce ed un futuro, ma nonostante questo era molto spaventata di perderlo, preferiva allontanarlo che soffrire se se ne fosse andato. Era terrorizzata all’idea di finire come la madre e, durante il primo periodo di felicità con Brad riuscì a chiede aiuto ad un terapista.

 

Sono sentimenti. Ti perseguitano perfino negli incubi, e tu ti senti responsabile anche se non lo sei davvero.

 

L’abisso che separa i due ragazzi sembra essere da una parte il passato di Brad e dall’altra la difficoltà di Marby a gestire le sue emozioni e i suoi sentimenti. La ragazza lascia lo studio legale del padre di Brad per andare in uno rivale. Una mattina Mabry riceva una chiamata sconosciuta, riceve una notizia shock che la porta al punto del tracollo. Brad incontra i genitori della ragazza morta ed hanno un confronto costruttivo, lasciano perdere la causa e lui vuole solo vedere il suo amore. Mabry sembra sparita, la trovano in casa in fin di vita. In questo momento di buio i due hanno un riavvicinamento, rimessa dall’ospedale la giovane riprenderà con coraggio in mano le redini della sua vita e sarà pronta per un futuro roseo con il suo Brad.

 

Lettori, questo è un piccolo riassunto delle vicende di Brad e Marby. Nel complesso il romanzo mi ha lasciato qualche dubbio, non mi ha emozionata e catturata come di solito fanno queste storie, il mostro della mia fangirl interiore è stato abbastanza tranquillo nella sua gabbia. C’è da dire che comunque è un romanzo di compagnia, scorre veloce ed è una lettura fresca e poco impegnativa, si fa leggere molto velocemente. L’evoluzione di Brad mi è piaciuta davvero molto, questo personaggio merita di essere conosciuto ed infondo credo che si possa dire che il suo passato è molto più doloroso e vuoto di quello di Mabry. Bello leggere di protagonisti adulti, per così dire, immersi agli albori del mondo del lavoro, spero di leggere altre storie su quest’onda!

 

Nota sull’autrice:

Alison G. Bailey vive a Charleston, in South Carolina. I suoi romanzi hanno ricevuto numerosi riconoscimenti e sono diventati bestseller internazionali e su Amazon. Alison si è innamorata della scrittura da bambina, quando si divertiva a reinventare i dialoghi dei film che vedeva al cinema o in tv. Prima di dedicarsi alla narrativa, ha scritto e prodotto diverse opere teatrali. Sotto l’influenza di enormi quantità di Pepsi Light e ascoltando ininterrottamente le sue playlist su Spotify, Alison scrive storie uniche, piene d’amore e romanticismo. Il suo primo romanzo, Perfect. La perfezione di un attimo, è stato uno straordinario fenomeno del web e un grande bestseller.

 

 

Lascia un commento
Precedente Review Party: Le piume del Drago di Lorenzo Visconti Successivo Transformers – L'ultimo cavaliere di Michael Bay | Recensione di Sandy