Playlist – l’amore è imprevedibile di Jen Klein | Recensione di Deborah

 

PLAYLIST

l’amore è imprevedibile

 

Non mi sono mai sentita così sola come in questo momento, mentre faccio il mio ingresso al ballo dell’ultimo anno.  Cammino comunque a testa alta, perché ho un motivo per essere qui.  Ho un grandioso gesto romantico da compiere, un discorso epico da pronunciare, un cuore pieno di rimpianti da far sanguinare a morte sul linoleum consumato. Questa sera niente sarà facile.

 

Titolo originale: Shuffle, Repeat
Autore: Jen Klein
Editore: De Agostini
Data di uscita: 23 Maggio 2017
Genere: Young Adult
Prezzo cartaceo: € 14,90
Prezzo Ebook€ 6,99

 

Trama:

Che cosa c’è di meglio del momento in cui ti rendi conto che il liceo sta per finire e la tua vera vita sta per cominciare? Niente, June ne è convinta. Diciassette anni e le idee chiare sul futuro, non vede l’ora di lasciarsi alle spalle la cittadina in cui è cresciuta e tuffarsi a capofitto nella nuova avventura del college. Al contrario di Oliver, l’atleta più popolare della Robin High, che vorrebbe che l’ultimo giorno di scuola non arrivasse mai. June e Oliver non hanno davvero nulla in comune. Potrebbero non rivolgersi mai la parola.
Potrebbero far finta di non conoscersi. E invece. Invece il destino ha voluto diversamente. Perché le loro madri sono amiche per la pelle e hanno deciso che Oliver accompagni June a scuola in macchina. Tutti i maledettissimi giorni. A un tratto, June e Oliver sono costretti a passare parecchio tempo insieme. Peccato che non abbiano niente, ma proprio niente di cui parlare. E allora decidono di mettere la musica. Ma cosa succede quando un’anima rock come quella di June ne incontra una pop come quella di Oliver? Una guerra! Una sfida per il controllo della playlist… finché non accade qualcosa di totalmente imprevedibile. Perché a volte basta la canzone giusta al momento giusto e tutto cambia.

 

Recensione:

Lettori,

oggi parliamo di un romanzo fresco e divertente, uno storia d’amore davvero tenera che mi ha coinvolta molto. Playlist – l’amore è imprevedibile scritto da Jen Klein, edito da Deagostini. Ho divorato la storia in un paio di giorni scarsi, che dire a mia discolpa…questi romanzi mi trascinano e appassionano tantissimo, non sono potuta restare indifferente a June e Oliver.

“Non sono triste, sono realistica.” E sto parlando sul serio. Non che odi la mia vita o sia infelice, è solo che so come funzione il mondo. Non ho bisogno di fare finta.

 

Write, wrote, written – Lo stile di scrittura. Jen Klein scrive in modo davvero piacevole, una storia ben strutturata e molto fresca. Simo immersi nel mondo del liceo, un mondo che sa essere davvero crudele, viene raccontato con veridicità, non sembra artefatto. Il romanzo mi ha rapita molto presto, le pagine scorrevano e Jen mi trasportava sempre più nel suo mondo. Una scrittura fluida e giovane, Oliver e June mi hanno tenuto una piacevole compagnia.

 

 

Scoppia a ridere e non riesco a trovarci niente di divertente perché sono troppo scioccata che a Oliver Flagg – Oliver Flagg! – piacciano queste ballate pop tremende.

 

Who are these guys? – I personaggi. Conosciamo ora più da vicino i protagonisti di questa storia. June è una ragazza all’ultimo anno del liceo, cerca di sopravvivere per arrivare, finalmente, al Collage. La sua visione dell’ultimo anno e delle sue tradizioni è catastrofica, secondo la giovane, nulla di quello che stanno facendo in quel momento conterà più. June ha una ristretta cerchia di amici e un ragazzo non convenzionali, non partecipano a nessun evento con i loro coetanei. Oliver Flagg è il ragazzo più figo della scuola, muscoloso, sportivo, bello e simpatico. Circondato da amici, ragazze e vita mondana, è il re indiscusso del liceo. Oliver da invece molta importanza al momento che stanno vivendo, dovrebbero vivere ogni istante ed emozione a pieno perché gli anni delle superiori non torneranno più.

 

Oliver non ha il suo solito modo di fare spigliato e sicuro di sé. é seduto al volente, leggermente curvo e con un’espressione un pò smarrita.

 

Risultati immagini per adolescent in car

June si è trasferita con sua madre nella vecchia casa del nonno, allontanandosi dalla scuola. Oliver, amico di infanzia e figlio della migliore amica della mamma di June la accompagnerà a scuola tutte le mattine. I due non si frequentano da tanto tempo, sono imbarazzati e il silenzio è difficile da rompere. Iniziano a parlare del loro ultimo anno e di quello che significa, finiscono sempre per discutere avendo visioni completamente differenti.

 

Oliver aspetta con pazienza che abbia finito di esibirmi in una sfilza di alzate di occhi al cielo accompagnata da una sinfonia di sospiri. “Finito?”

Immagine correlata Si vede proprio come nonostante i ragazzi appartengano a due mondi diversi siano molto affini. Per trascorrere il viaggio da casa a scuola escogitano un gioco. Creano una playlist particolare, ognuno avrebbe aggiunto una canzono solo dopo aver vinto un dibattito riguardo all’importanza del liceo e di tutto il resto che lo riguarda. Questo gioco contribuisce ad unirli sempre di più, per cercare di vincere sempre più canzoni si sfidano anche al di fuori del consueto viaggio mattutino.

 

“Ehilà?” gli dico a mo’ di domanda, e rimango scioccata quando la risposta mi arriva sotto forma di un enorme abbraccio che mi solleva da terra

Immagine correlata

La fine del liceo incombe, Oliver e la maggioranza degli altri ragazzi stanno condensando i loro sforzi per mettere in piedi la tradizionale goliardata, uno scherzo di grandi proporzioni che avrà luogo a scuola. Oliver ne parla con June, lei non approva nessuna delle due idee che contemplano atti di vandalismo, implicazione di animali o altre stranezze. June inizia a provare attrazione e qualcosa in più per quel ragazzo che tutte le mattina la accompagna a scuola. Conoscendolo scopre che non si tratta del tipico giocatore di football tutto muscoli e niente cervello, scopre una persona estroversa, giocosa, simpatica e con tanta voglia di vivere.

 

Perché sono io a non avere senso. Ecco che cosa capisco mentre arriviamo a scuola: che io, June Rafferty, non ho il minimo senso. E così è questo che dico a Oliver.

 

Immagine correlata

Oliver è pieno di vita, pieno di iniziative e voglia di fare, con lui June si sente anche lei più viva. La sua storia con Itch sta naufragando, quel ragazzo non ha mai iniziativa, è scontroso e passivo proprio come sembra essere June di solito. Trascinandosi ancora un pò in questa situazione decide di affrontare Itch e spiegargli i propri sentimenti. Nel mentre vari casini ed incomprensioni sono sempre in agguato e non tarderanno ad arrivare. June tenta di reprimere i nuovi sentimenti verso Oliver perché non si crede all’altezza di quel ragazzo bellissimo. Cerca però di buttarsi fuori dal proprio guscio partecipando alle iniziative con gli altri ragazzi della sua annata. Oliver confida a June di essersi lasciato con la sua ragazza, lei in segreto scorge una speranza. Tutto accade ad una festa, i due ragazzi si ritrovano da soli a parlare, Oliver finalmente bacia June. Dopo questo bacio il ragazzo le confida i propri sentimenti, ma June non vuole legarsi nonostante ciò che prova. L’amicizia si guasta, l’amore è nell’aria ma riuscirà la ragazza a rimettere a posto i cocci dei loro cuori?

 

Non importa da quanto tempo sto con Oliver, quando mi bacia in questo modo – così profondo e deliberato – dimentico ogni altra cosa. Mi sciolgo e basta.

 

Playlist è un romanzo che nonostante tutto devo ammettere mi ha molto coinvolta, è una lettura veloce e fresca. Se cercate qualcosa che vi tenga compagnia senza troppo impegno potete ben considerare questo romanzo. La storia è molto carina, forse un pò statica, non mi ha convinto molto il fatto che nella vita dei due protagonisti la macchina sia così fondamentale. Prima dell’epilogo della storia, nella maggior parte dei momenti trascorsi insieme, il veicolo ha un ruolo chiave, quando non è presente i due sembravano a disagio ed impacciati a confrontarsi. June inizialmente mi era piaciuta come protagonista femminile, una tipa tranquilla, non convenzionale ed amante del rock, mi sono rispecchiata per molti versi in lei, solo che alla fine ha dovuto dar vita per forza al big drama cadendo nel no sense. Oliver invece non è il classico protagonista tipo di questi romanzi, mi è piaciuto davvero molto, è davvero un bravo ragazzo se esistesse davvero! Nel complesso il romanzo non mi è dispiaciuto, una lettura simpatica che tiene buona compagnia!

 

 

Nota sull’autrice:

Jen Klein vive a Los Angeles con il marito e uno zoo di ragazzini e animali, tutti ingovernabili e scatenati. Quando non scrive libri per ragazzi, è una sceneggiatrice di successo per la televisione. Attualmente è impegnata con la serie Grey’s Anatomy.

 

Lascia un commento