Review Party: Arabesque di Alessia Gazzola

E quel suo per sempre, imperfetto, una dichiarazione che potrebbe essere la promessa del paradiso o dell’inferno in pari misura, intanto durerà per tutto il giorno. Un tempo breve, forse. Ma la felicità esiste, si può sentire.

Data di uscita: 13 Novembre

Acquistalo subito: Arabesque

Editore:Longanesi
Data di uscita: 13 Novembre

Prezzo: € 17,60
Pagine: 350

Tutto è cambiato, per Alice Allevi: è un mondo nuovo quello che la attende fuori dall’Istituto di Medicina Legale in cui ha trascorso anni complicati ma, a loro modo, felici. Alice infatti non è più una specializzanda, ma è a pieno titolo una Specialista in Medicina Legale. E la luminosa (forse) e accidentata (quasi sicuramente) avventura della libera professione la attende. Ma la libertà tanto desiderata ha un sapore dolce amaro: di nuovo single dopo una lunga storia d’amore, Alice teme di perdere i suoi punti di riferimento. Tutti tranne uno: l’affascinante e intrattabile Claudio Conforti, detto CC, medico legale di comprovata professionalità e rinomata spietatezza. Quando le capita il suo primo incarico di consulenza per un magistrato, Alice si rimbocca le maniche e sfodera il meglio di sé. Al centro del caso c’è una donna di 45 anni, un tempo étoile della Scala e oggi proprietaria di una scuola di danza. In apparenza è deceduta per cause naturali. Eppure, Alice ha i suoi sospetti e per quanto vorrebbe che le cose, per una volta almeno, fossero semplici, la realtà è sempre pronta a disattenderla. Perché, grazie alla sua sensibilità e al suo intuito, Alice inizia a scoprire inquietanti segreti nel passato della donna, legati all’universo – tanto affascinante quanto spietato e competitivo – del balletto classico…

 

 

Terrore di sbagliare, di lasciare aperti i quesiti del pubblico ministero o, ancora di più, di non saper rispondere a quel corpo che ormai è muto, ma non per questo ha smesso di domandare. Il che mi fa ancora più paura.

In occasione del review party parliamo di Alessia Gazzola,“Arabesque” di Alessia Gazzola, pubblicato da Longanesi e in uscita proprio oggi. Siete pronti?

Dopo aver letto il primo romanzo della serie, “L’allieva”, posso dirlo con tutta onestà, le differenze tra l’esordio e questo settimo romanzo sono enormi. L’autrice ha fatto un grosso salto di qualità, rendendo Alice più matura rispetto al primo capitolo e allo stesso tempo più sagace.

Ci sono moltissimi elementi che ho apprezzato, a cominciare dal caso, ma anche il poter vedere come sia difficile lavorare senza una guida, perché ora la nostra protagonista è un medico legale a tutti gli effetti.

I personaggi si muovono sulla scena in maniera fluida, permettendo a chi legge di godersi tutte le sottili sfumature che all’inizio magari sfuggivano. C’è più cura nei particolari del caso e si nota che dietro ci stata una approfondita ricerca per poter sviluppare la storia e nonostante ci siano ancora in mezzo problemi di cuore, si amalgamano perfettamente alla trama principale, che non passa in secondo piano, ma resta presente per tutta la durata del romanzo.

Ironia e serietà si mescolano alla perfezione rendendo “Arabesque” una commedia frizzante con quella giusta tinta di mistero ad equilibrarla.

Per la prima volta sono da sola. Per la prima volta, sono messa alla prova. Ci sono soltanto io e quello che ho imparato. Io sono terrorizzata, ma al contempo ho fiducia. Se non in me stessa, nella fortuna.

Niente più lezioni, rivalità e scadenze, solo il duro quanto crudo mondo del lavoro. Alice Allevi questa volta sta per cominciare un’avventura tutta sua, un capitolo della sua vita importante e determinante per il suo futuro e come ogni salto nel vuoto, ha paura. È terrorizzata all’idea di sbagliare una perizia o di non cogliere elementi fondamentali per accelerare le indagini. È sul filo del rasoio, in bilico tra il successo e il fallimento.

Il pm, Valentina Montecchiaro, ha fiducia nelle menti fresche ed è per questa ragione che si rivolge ad Alice. Il caso che le sottopone riguarda la morte di Maddalena Vichi, una donna di quarantasette anni, marchiata da una doppia ex: ex danzatrice ed ex moglie di un coreografo di fama mondiale.

Dalle prime indagini sembrerebbe morta per arresto cardiaco. Un caso semplice, almeno in apparenza. Ma se c’è una cosa che qualunque thriller o giallo ci insegna è che quando la risposta è troppo ovvia, sotto di essa si nasconde del marcio.

Come primo caso da medico legale in proprio, Alice, deve scontrarsi con un’indagine difficile, che la porterà a scoprire retroscena agghiaccianti sulla vittima, portando a galla solo il peggio del mondo della danza, sempre più competitivo e che distrugge chiunque.

Allo stesso tempo, deve anche fare i conti con sé stessa e il suo cuore infranto. La sua vita sentimentale ha raggiunto una svolta decisiva e la figura di Claudio Conforti si fa sempre più appetitosa, nonostante sia difficile andare oltre quella scorza da uomo di ghiaccio che lo caratterizza.

Pietre o macigni poste sulle storie possono anche chiuderle, ma quando i fatti sono tanto recenti e bruschi, i segni di quel passato comune continuano a rimanere, come il rosore sulla pelle dopo che una mano ti ha stretto forte.

Questo è un caso che riesce a rapire, invogliando chi legge a scavare insieme ad Alice sempre più in profondità.

A differenza della sua prima avventura, la protagonista questa volta si è dimostrata più agguerrita, anche rischiando di compromettere il suo rapporto con Claudio pur di far valere le sue idee. Il suo percorso non è stato facile, come ben sappiamo è sempre stata la pecora nera dell’Istituto, ma ora è riuscita a dimostrare soprattutto a sé stessa che è in grado di farcela.

È difficile abbandonarsi in un mondo fatto di precisione e tempistiche, il terrore di uscire sempre fuori traccia e non svolgere al meglio il proprio lavoro appartiene a tutti noi, ma è anche vero che quando siamo determinati riusciamo a mostrare una forza incredibile in grado di permetterci di completare i nostri obiettivi.

È maturata sia l’allieva che l’autrice e se prima avevo dei dubbi sulla serie, ora invece non vedo l’ora di recuperare ogni capitolo. Per me è stata una piacevole sorpresa che mi ha tenuta incollata alle pagine senza mai smettere, neanche una volta, di leggere.

“Arabesque” è un romanzo che si libra agilmente proprio come una ballerina, che fra un pas de deux e un arabesque ci incanta con la sua bellezza, donando nuova vita a ciò che è morto.

 

Acquistando entro il 18 novembre una copia cartacea del nuovo romanzo di Alessia Gazzola, Arabesque, sul sito www.ibs.it, si potrà partecipare al concorso “Vinci una giornata sul set dell’Allieva”. In palio, 2 ingressi sul set della seconda stagione dell’Allieva in compagnia di Alessia Gazzola e degli attori protagonisti e 2 soggiorni a Roma (viaggio a/r in treno e una notte in hotel).

Tre copie in edizione speciale cercano casa!
Per vincere una delle copie in palio vi basta seguire le seguenti regole:
Obbligatorie:
– Diventare lettori fissi dei blog partecipanti
– Commentare le recensioni
– Mettere mi piace alla pagina Facebook di Longanesi
Facoltative:
– Condividere le tappe taggando 2 persone
Il giveaway comincia il 6/11 e finisce il 20/11

a Rafflecopter giveaway

Vi lascio il calendario con le prossime tappe del blogtour!
Non lasciatevene scappare neanche una!

Lascia un commento
Precedente Review Party: La forza imprevedibile delle parole di Clara Sánchez Successivo BLOGTOUR: La forza imprevedibile delle parole di Clara Sánchez – Intervista
  • Chiara Conticello

    Amo Alice Allevi, amo CC e amo Alessia Gazzola! La sua scrittura, le sue storie riescono sempre a riempire i miei momenti più vuoti.
    Non vedo l’ora di leggere Arabesque! :)