#Segnalazione: Partiamo da qui | a cura di Igor Damilano e Cinzia Lacalamita

Partiamo da qui | a cura di a cura di Igor Damilano e Cinzia Lacalamita

 

Dettagli:

Il Libro – Trama:

Undici racconti nati dalla penna di autori scelti durante i corsi di scrittura creativa emozionale tenuti da Igor Damilano e Cinzia Lacalamita. Racconti di vita e stacchi poetici che tengono in considerazione gli elementi primari della scrittura di qualità: passione, tecnica, onestà intellettuale, rispetto per il lettore.

Storie di uomini e di donne, ordinarie nello straordinario, straordinarie nell’ordinario.
Vite qualunque, vite uniche: maltrattate, invisibili, risorte dal nulla, accompagnate verso il tutto della rinascita interiore più prosperosa.
Anime maledette, benedette, bramose di parole, soggiogate da silenzi.
Storie di giorni persi, di anni ritrovati sul filo della poesia esistenziale. Perché il cammino è poesia, persino quando è assenza di armoniosa rima nel suo incedere incerto.
Storie crude, delicate, di umano coraggio e altrettanta umana pavidità.
Storie da amare, temere, emulare, da sincronizzare con il proprio sentire nel leggerle.
Storie per imparare a rialzarsi, per evitare di sbagliare ancora e ancora cedendo all’autocommiserazione, al vittimismo, alla sudditanza di una società cinica.
Storie per credere nell’impossibile che diventa possibile. Perché le parole non sono solo parole, sono te: (ri)trovati tra le righe.

Note sui curatori dell’opera – Igor Damilano e Cinzia Lacalamita:

Igor Damilano, nato a Gorizia, è scrittore, speaker radiofonico e consulente del Sistema What’s Up per il benessere giovanile. Insegna scrittura creativa emozionale. È autore di Margherita Hack. La stella infinita (Aliberti-Imprimatur, 2013), Solo per i miei occhi (Imprimatur, 2014), Kintsugi. Terra di mezzo (Imprimatur, 2015) e Chiamami Anam (Imprimatur, 2016).

Cinzia Lacalamita, nata a Trieste, è scrittrice, editorialista e consulente editoriale. Insegna scrittura creativa emozionale. È autrice di Daniele. Storia di un bambino che spera (Aliberti, 2009), L’uomo nero esiste (Aliberti, 2010), Volevo un marito (Aliberti, 2012), Margherita Hack. La stella infinita (Aliberti-Imprimatur, 2013), Solo per i miei occhi (Imprimatur, 2014), Kintsugi. Terra di mezzo (Imprimatur, 2015) e Chiamami Anam (Imprimatur, 2016).

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Lascia un commento
Precedente Recensione: Brina e la banda del sole felino di Giorgio Salati e Christian Cornia (Tunué) Successivo #Eventilibrosi: Un libro per the - La cultura non è un azzardo (Rimini)