#Segnalazione: “Sleepwalker”, “Malaria e zombie”, “Gelo d’aurora” e “Prima della piena”


Secondo la tradizione popolare questo è il mese migliore per riposare: Aprile dolce dormire, dice il proverbio. Ma noi crediamo che se leggerete questi titoli prima di prendere sonno, non avrete notti tranquille e ripenserete al detto in modo diverso: Aprile dolce morire.

Sleepwalker di Michael Laimo

Acquistalo subito: Sleepwalker

Prezzo: € 15,00

Richard Sparke soffre di sonnambulismo da tre anni, da quando ha aggredito la sua ex-moglie nel sonno. La terapia con il dottor Delaney non sembra sortire effetto e la vita di Richard si fa, giorno dopo giorno, più difficile. Le visioni di sua madre e di sua figlia morte, che lo chiamano attraverso un’inquietante luce blu, la minaccia di un misterioso uomo in nero che sembra volergli fare del male trasformando i suoi sogni in incubi, il ricordo di eventi che è convinto di non aver mai vissuto e il continuo sovrapporsi tra reale e irreale conducono Richard sull’orlo della follia. Fino a quando Pamela, la donna che frequenta, non irrompe in casa sua tentando di ucciderlo, senza apparente motivo. Ma è accaduto realmente o, anche questo, è solo un sogno?
La visita degli agenti Moldofsky e Hughes, il giorno dopo, e il ritrovamento di una pozza di sangue in cucina, danno inizio alle indagini della polizia. Per Richard, invece, comincia una lenta discesa nell’incubo.

 

Malaria e zombie di Giovanni Verga e Luigi Bonaro

Acquistalo subito: Malaria e zombie

Prezzo: € 0,99

 

E se Giovanni Verga in Malaria si fosse riferito a un altro tipo di morbo? A qualcosa di altrettanto spaventoso ma più vicino all’immaginario horror odierno? Se i suoi appestati fossero, in effetti, degli zombie? Luigi Bonaro prova a immaginare come sarebbe stato se Verga avesse avuto una versione differente di Malaria (magari nascosta in un cassetto) e unisce al racconto originale la propria verve orrorifica, inserendo ad hoc nella storia alcuni passaggi scritti di proprio pugno. Ecco così che nasce Malaria e zombie. Se avete amato Verga, non vi lascerà indifferenti questo riadattamento in cui lo stile risulta quasi inviariato rispetto all’originale, ma in cui figura una vicenda decisamente differente da quella che tutti noi conosciamo.

 

 

Gelo d’aurora di Veronica Cani

Acquistalo subito: Gelo d’aurora

Prezzo: € 0,99

Il Circo Brivido è quanto di più terrificante uno spettacolo circense possa offrire. Numeri a effetto in cui gli “artisti” sfidano la morte, prove con acqua gelida, piranha e serpenti si alternano al centro della pista per spaventare il pubblico. L’unico problema, la cosa che la gente ignora, è che gli “artisti” sono in realtà persone sfruttate, affamate e torturate dal padrone del circo Karonna e dai suoi sgherri: Garla, la donna serpente, e Werdel, il nano deforme. La famiglia Smirnenski proviene dalla Bulgaria, il padre Lazar e sua moglie Galina, insieme alle figlie Maria e Zornitsa sono circensi da sempre, ma mai avrebbero pensato che fuggire dal loro paese per approdare in Italia, in cerca di una vita migliore, avrebbe invece segnato il loro destino.

 

 

 

Prima della piena di Stefano Telera

Acquistalo subito: Prima della piena

Prezzo: € 0,99

Una montagna aspra e impervia accoglie la famiglia di Luca, ingegnere in cerca di riscatto professionale e umano. L’uomo deve supervisionare la ristrutturazione di una grande diga che protegge la gente della valle dalle piene, nei temibili periodi di pioggia. Ma qualcosa di arcano incombe su quelle alture selvagge e sugli abitanti del luogo. La moglie di Luca – nelle sue esplorazioni tra i boschi per ammazzare il tempo durante le lunghe assenze del compagno – scova varie epigrafi con misteriose iscrizioni latine; riportano antichi esorcismi e circondano il villaggio in un perimetro occulto: una maledizione, un avvertimento per gli incauti o un’arcana protezione per i locali? Mentre la natura si scatena e la piena travolge diga e valle, i misteri finora celati dalle cime isolate si mostreranno in tutto il loro orrore. Una storia di ambientazione tutta italiana che rievoca uno stile e un’ambientazione dal sapore lovecraftiano. Edoardo e a sua moglie scopriranno presto perché.

Aprile dolce morire. A furia di ripeterlo mi è rimasto impresso nella mente, è dunque ora di scegliere su quale titolo buttarmi. Quale vi attira di più?

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Lascia un commento
Precedente WWW... Wednesday #1 Successivo Pensieri di china #1: La memoria dell'acqua di Mathieu Reynès e Valérie Vernay