Storia della piccola volpe che mi insegnò il perdono di Sergio Bambarén | Recensione di Sandy

In realtà, il giudizio degli altri non mi preoccupava: non dovevo dimostrare niente a nessuno, eccetto a me stesso, e volevo soltanto essere coerente con ciò che pensavo e provavo; trovare la mia verità e tradurla in azioni.

IL ROMANZO

Prezzo: € 15,90

Acquistalo subito: Storia della piccola volpe che mi insegnò il perdono

«Per chi non la conoscesse già, vorrei presentare la protagonista di questa storia. Chiqui è una piccola volpe che è entrata nella mia vita quando decisi di lasciarmi alle spalle i ritmi frenetici di una società che sentivo sempre più estranea. Quando vivi seguendo i tuoi sogni, il tempo vola e io ancora stento a credere che siano già trascorsi tre anni da quando Chiqui è entrata nella mia vita e nel mio cuore. Questo breve racconto è un tributo alla piccola volpe che ho avuto il privilegio di conoscere e che ha contribuito a rendere incredibili questi tre anni nella Casa di Luce. La forza con la quale affronta le avversità è stata una lezione preziosa, ma, cosa più importante, Chiqui mi ha permesso di condividere il suo mondo, i suoi amici, e quello che ho imparato seguendola e scoprendo ciò che lei conosceva, e io ignoravo, mi ha dato la spinta per imbarcarmi in una nuova, grande avventura: dedicare tutte le mie energie a difendere chi non può farlo da solo e a diffondere tra i miei simili la consapevolezza del danno che stiamo arrecando alla nostra casa comune, la Terra. Spero davvero che anche voi, cari amici, possiate apprendere da lei come ho fatto io, e impegnarvi in prima persona per cambiare le cose.»

Let’s talk about “Of how a little wild fox called Chiqui taught us the true meaning of forgiveness, and hope

 

In occasione di “Tempo di Libri” ho potuto assistere, insieme a Carlo e mia sorella, alla presentazione del nuovo libro di Sergio Bambarén: Storia della piccola volpe che mi insegnò il perdono.

Sono rimasta affascinata dall’introduzione di Alessandro Barbaglia sul racconto, conoscevo già l’autore per “Beati i sognatori”, ma questa volta -attraverso una volpe- Bambarèn racconta storie importanti, che soltanto lui avrebbe potuto creare. Lui con la sua calma invidiabile e la sua premura per l’ambiente circostante.

Stando alla testimonianza dell’autore stesso, la “Casa di luce” dove vive è divenuta col tempo un vero e proprio rifugio per animali selvatici, che vanno e vengono, come il topolino Philippe o la stessa volpe protagonista, Chiqui. È quest’ultima ad avergli regalato il più grandioso degli insegnamenti. La forza con la quale la volpe sopravvive ogni giorno alle avversità della vita è stata d’ispirazione all’autore. Seguendo Chiqui, infatti, egli ha scoperto quanto sia importante proteggere chi non può farlo e soprattutto quanto male l’uomo stia arrecando alla Terra. A furia di spolpare ogni bene offerto da Madre Natura si finirà per restare senza un posto dove abitare. 

Come dicevo, questo libro è dedicato alla volpe Chiqui e ai suoi insegnamenti, trasmessi involontariamente ad un uomo sempre pronto ad ascoltare ed è per questo che Bambarén è diventato uno degli autori più influenti al mondo, le sue pagine smuovono le coscienze e sono un toccasana per l’animo.

La peculiarità di questo racconto lungo o romanzo breve è la scelta dell’autore di dare voce alla volpe, facendola apparire saggia e allo stesso tempo spontanea. Come se la volpe ne sapesse di più dell’autore stesso, questo discorso si applica anche agli altri animali “umanizzati”, il formichiere Anty, Maggie la tartaruga e Raphaelle la gabbianella.

L’incontro tra Sergio e la volpe capita per caso. Un giorno, mentre stava tornano da una nuotata, si accorge di non essere solo. Questa piccola volpe curiosa diventa la sua compagna per circa un anno, periodo nel quale i due stringono un forte legame. Il legame diviene così solido da spingere il piccolo animale a portarlo in giro a conoscere il resto dei suoi amici.

È attravero Anty il formichiere che l’autore si rende conto della gravità della situazione, la sua tana brulica di bottiglie di plastica. Della foresta resta solo un ricordo, tutti gli alberi sono stati tagliati e in più si è aperta la caccia ai formichieri perchè temevano che fossero un pericolo per il bestiamo e così hanno ucciso quasi tutti, costringendo Anty a spostarsi. Il viaggio dello scrittore non finisce di certo lì. Il giorno dopo, Chiqui corre a svegliarlo per aiutare la sua amica tartaruga imprigionata in una rete da pesca. Maggie, è questo il suo nome, a furia di agitarsi stava peggiornando la situazione. Il nylon ha lacerato gran parte della tartaruga, ma fortunatamente Sergio e la moglie, Eca, sono riusciti a prendersi cura di lei.

Questi sono alcuni degli esempi citati nel libro, storie strazianti alle quali l’autore ha voluto dare spessore, servendosi degli animali stessi per lanciare un messaggio ben chiaro. Ciò che stiamo facendo ogni giorno ci sta portando alla nostra stessa rovina. A che pro vivere una vita semplice se tutto attorno sta morendo? 

Storia della piccola volpe che mi insegnò il perdono non è la classica storiella di animali parlanti, un cartone animato volto all’intrattenimento, ma una attenta riflessione su ciò che sta accadendo attorno a noi. Nella sua “Casa di luce” Sergio Bambarén si è sempre preso cura per l’ambiente che lo ospita e gli animali che ci vivono, ma questo non gli è bastato. Ha voluto trasmettere il messaggio, girando per l’Europa e parlando direttamente alle persone per far capire loro che di questo passo non ci resta molto tempo, di questo passo non resterà altro che devastazione laddove prima vi era una natura rigogliosa.

Sembrerà stupido ma nel nostro piccolo possiamo fare la differenza, la dimostrazione evidente è l’autore, ma anche tutte quelle persone che là fuori si battono ogni giorno per essere la soluzione e mai il problema. Con il suo stile ancora una volta Bambarén ha centrato il bersaglio. Leggere questo genere di libro può aiutare a riflettere, ad aprire gli occhi e prendere coscienza. 

Per vivere la vita che desideri, devi cominciare a mettere in pratica quello che dici.

 

 

 

Note sull’autore – Sergio Bambarén:

È un autore australiano, nato in Perù e vissuto molti anni negli Stati Uniti. Esperto surfista, sensibile alle battaglie ecologiste per la salvaguardia dei mari, ha scritto libri di grande successo, il primo dei quali, Il Delfino, è diventato un piccolo classico. La conoscenza dell’ambiente marino e la volontà di salvaguardare i cetacei hanno reso Sergio Bambarén vicepresidente dell’Organizzazione Ecologica Mundo Azul (Blue World), e lo hanno spinto a viaggiare continuamente, nello sforzo costante di preservare gli oceani e le creature che li abitano.

Lascia un commento
Precedente ANTEPRIMA: Non tornare indietro di Sophie Hannah (Garzanti) Successivo Recensione: Orfani. Ringo. Chiamata alle armi. (Multiplayer Edizioni)