Un vicino di casa quasi perfetto di A.J. Banner| Recensione di Anaëlle

A cura di Anaëlle

2

Le persone avevano strati di segreti, realizzai, quelli superficiali, che volevano rivelare, e quelli profondi, nascosti troppo in fondo per esser rivelati o qualche volta anche riconosciuti come tali.

Dettagli:

  • Titolo originale: The Good Neighbor
  • Genere: Thriller
  • Editore: Newton Compton
  • Collana: Nuova Narrativa Newton
  • Pagine: 256
  • Prezzo: € 9,90

Il Libro – Trama:

Shadow Cove, nello stato di Washington, è il tipo di città che tutti sognano: strade pittoresche, foreste lussureggianti e piacevoli vicini di casa.
Questo è ciò che Sarah ha sempre pensato, insieme al marito, il dottor Johnny McDonald. Ma troppo presto scopre che sotto l’apparente tranquillità quella cittadina da sogno non è così ordinata e quieta, e i suoi abitanti sembrano avere qualcosa da nascondere. Una sera di ottobre, mentre il marito è lontano per lavoro, una tragedia improvvisa manda in frantumi il suo mondo. Distrutta dal dolore, mentre è intenta a rimettersi in piedi, Sarah scopre un segreto scioccante che la costringe a dubitare di tutti coloro che le stanno accanto, i suoi concittadini come i suoi amici, e persino qualcuno di ancora più vicino.

Recensione:

Quanto a fondo conosciamo i nostri vicini?

Immaginate di vivere in un quartiere residenziale di lusso in stile hollywoodiano, dove ognuno conosce vita, morte e miracoli dell’altro. Un quartiere perfetto e pacifico dove paure e insicurezze sono soltanto un ricordo lontano. Giardini perfetti, vicini amorevoli e piacevoli iniziative tra vicini, riuscite a immaginarlo? E se vi dicessi che questa perfezione non fosse destinata a durare per sempre?

È questa la situazione che ci pone di fronte A.J. Banner. Un incidente stravolge la vita della protagonista, una nota scrittrice di gialli per bambini, la quale tutto d’un tratto si ritrova sul “ciglio” della strada. È costretta a rimboccarsi le mani e cercare un nuovo inizio insieme al marito. Sfortunatamente per lei sarà solo l’inizio di un terribile incubo. La storia narrata in prima persona dalla protagonista stessa sembra un cliché di vecchi film americani e proprio mentre inizio ad abbassare la guardia, la Banner iniziava a tessere la sua tela, creando una finta comfort zone nella quale il lettore, sprovvisto e un po’ distratto da quello che accade non si aspetterà nulla di ecclatante ed è proprio in quel momento che l’autrice colpisce. Con uno stile accattivante e coinvolgente, sviluppa ad opera d’arte ogni singolo elemento, snodando e arricchendo la sua trama. L’incubo ha inizio. In un crescendo continuo la vicenda diventa interessante e la domanda sorge spontanea: siamo sicuri di conoscere chi amiamo? La storia si focalizza sul unico elemento in disparte, il marito della protagonista, cui passato ha più ombra che luce e sarà proprio alla ricerca della verità che Sarah dovrà fare i conti con la cruda verità. Quale sarà? Non ve lo dirò mai. Non è crudeltà, ma un libro come questo va divorato proprio come ho fatto io.

La copertina è piacevole alla vista, ma come si sa non bisogna mai giudicare un romanzo da quest’ultima e nonostante appaia innocua vi assicuro che il contenuto è un rovo di spine velenose. Una più letale dell’altra. Per quanto riguarda il titolo rende di più in inglese. Vi chiederete perché solo quattro libriccini. Beh, il finale, per quanto mozzafiatante lascia aperto a moltissime domande. Domande alle quali vorrei risposte il più presto possibile, ne va della mia psiche.

Un vicino di casa quasi perfetto è quello che ci voleva in questo periodo infernale (la sessione estiva), ve lo consiglio assolutamente!

 

Stamberga - Voto 4

Note sull’autrice – A.J. Banner:

È cresciuta leggendo Agatha Christie, Daphne du Maurier, e altri maestri del mistero. Ha sottratto furtivamente tutti i thriller dalla biblioteca dei genitori, anche i libri proibiti, e questo materiale, dopo anni, ha fornito spunti e ispirazioni per il suo primo thriller psicologico, Un vicino di casa quasi perfetto. Nata in India e cresciuta in America del Nord, ha sempre sognato di scrivere storie in cui nulla è ciò che sembra. È al lavoro sul suo prossimo romanzo nella casa dove vive con il marito, nello Stato di Washington.

Salva

Salva

Salva

Salva

Comments

comments