Amore a prima copertina – Cover Love #33

Rubrica ideata da l’Atelier dei Libri

 

Amore a prima copertina #33

OLD BUT GOLD EDITION

 

Quando si tratta di copertine potrei impazzire, non si giudica un romanzo dalla copertina ma l’occhio sappiamo bene che vuole la sua parte! Questa puntata è dedicata ad un grande ed intramontabile classico, uno dei miei preferiti e dei primi che ho letto, una lettura imperdibile!

 

Charlotte Lucas:

“Se una donna nasconde i suoi sentimenti con la stessa abilità anche all’uomo che li ha ispirati, può perdere l’occasione di conquistarlo, e sarebbe allora ben magra consolazione sapere che anche il resto del mondo è all’oscuro di tutto. In quasi ogni affetto c’è tanta parte di gratitudine, o di vanità, che non c’è da fidarsi a lasciarlo in balia di se stesso. Tutti possono dare il via liberamente a un sentimento e l’inclinazione verso qualcuno è più che naturale, ma sono pochi coloro che hanno abbastanza cuore da innamorarsi veramente senza alcun incoraggiamento. Nove volte su dieci una donna farebbe meglio a mostrare più simpatia di quella che prova.”

 

 

 

Mary:

L’orgoglio […] è un difetto comune, credo. Anzi, stando a tutto ciò che ho letto, sono convinta che sia comunissimo, che la natura umana vi sia particolarmente incline e che ben pochi non coltivino un certo compiacimento per qualche loro qualità, reale o immaginaria che sia. Vanità e orgoglio sono cose molto diverse, benché le due parole siano spesse usate come sinonimi. Si può essere orgogliosi senza essere vanitosi. L’orgoglio si riferisce più all’opinione che abbiamo di noi stessi, la vanità a quella che si vorrebbe che gli altri avessero di noi.

 

 

 

Elizabeth:
“Le donne si immaginano che l’ammirazione significhi più di quello che è.” “E gli uomini si danno un gran da fare perché esse se lo immaginino.” […] anche senza il proposito di agire male o di rendere infelici gli altri, si può sbagliare e causare dolore. Bastano la leggerezza, la mancanza di riguardo verso i sentimenti altrui e una volontà debole.”

 

 

 

 

 

 

Elizabeth:

“Sono poche le persone che amo veramente e ancora meno quelle di cui penso bene. Più conosco il mondo, più ne sono scontenta; ogni giorno conferma la mia opinione sull’incoerenza degli esseri umani e sull’impossibilità di fare affidamento su ciò che sembra meritevole o sensato.”

 

 

 

 

 

 

Caroline Bingley:

È davvero piacevole una serata come questa! Dopo tutto, devo dire che non c’è svago migliore della lettura. Si finisce per stancarsi di tutto, ma mai di un libro. Quando avrò la mia casa, sarò contenta solo se ci sarà una grande biblioteca.

 

 

 

 

 

 

Quale preferite?

 

May the Force be with you!
Precedente Coffee Break: Un caffè lungo dal retrogusto Star Comics, Tunué, CameloZampa e... Successivo Review Party: L’estate senza ritorno di Viveca Sten