BLOG TOUR: La madre perfetta – La playlist del terrore

Instagram: @brivididicarta | @stambergadinchiostro

Cominciamo la giornata con l’ultima tappa del blogtour dedicato al romanzo di Aimee Molloy, La madre perfetta, pubblicato da Giunti Editore e tradotto da Roberta Zuppet.

Data di uscita: 12 Settembre

Acquistalo subito: La madre perfetta

Editore: Giunti Editore
Collana: M
Genere: Thriller
Traduzione: Roberta Zuppet

Prezzo: € 19,00
Pagine: 352

Si chiamano “May Mothers”, perché tutte hanno avuto un figlio nel mese di maggio. Ogni settimana si incontrano in un parco a Brooklyn con carrozzine e biberon al seguito, per scambiarsi consigli e confidenze: Francie, ansiosa e zelante; Colette, dalla vita insopportabilmente perfetta; Nell, manager in carriera incline a qualche drink di troppo; e infine Winnie, sensuale e misteriosa, l’unica madre single del gruppo. Nel tentativo di staccare dalla sfiancante routine, Nell convince Winnie ad affidare per una sera il piccolo Midas a una babysitter di fiducia e a raggiungere le amiche in un locale alla moda. È il 4 luglio, fa un caldo infernale, il pub è affollato e scorrono fiumi di alcol. Ma qualcosa va terribilmente storto. Quando la babysitter chiama piangendo, per le giovani madri è l’inizio di un incubo: il bambino di Winnie è scomparso dalla culla, qualcuno si è introdotto in casa e l’ha rapito. E nel frattempo di Winnie si è persa ogni traccia: si è forse allontanata con quel bel ragazzo che le stava offrendo da bere? O c’è dell’altro dietro il suo strano comportamento? Inizia una corsa contro il tempo per ritrovare il piccolo Midas: 13 giorni in cui tutto viene messo in dubbio e nessuno è immune al sospetto. Perché ogni madre ha i suoi segreti. E ogni donna il suo lato oscuro.

Dopo la tappa di Un buon libro non finisce mai che vede protagoniste le donne assassine, tocca a me raccogliere il testimone e allentare la tensione, almeno si spera, con qualcosa di diverso: una playlist del terrore.

Prima di cominciare, una piccola premessa. La musica è una componente chiave nella mia vita, ma mentirei se dicessi che non mi sono trovata in difficoltà a scegliere cinque brani che potessero in qualche modo rappresentare questo romanzo, un thriller da tenere assolutamente d’occhio e che affonda le sue radici in un tema complesso e delicato qual è la maternità.

Ho scelto dunque di dare priorità al testo perchè se c’è una cosa che amo è immergermi nelle parole, per questo motivo troverete artisti vari che con voci potenti, graffianti e suadenti sono riusciti a trasformare un semplice brano in qualcosa di più.

#5: Linkin Park – Final Masquerade

«The light on the horizon was brighter yesterday,
With shadows floating over, the scars began to fade.
We said it was forever but then it slipped away,
Standing at the end of the final masquerade.»

#4: Lorde – Everybody Wants To Rule The World

«Welcome to your life
There’s no turning back
Even while we sleep
We will find you.»

#3: The Killers – Wonderful Wonderful

«Maybe I’m dirty, maybe I’m unworthy
Motherless child, can you hear me? I will give you a home
Wonderful wonderful, wonderful wonderful.»

#2: Massive Attack – Protection

«Sometimes you look so small, need some shelter
Just runnin’ round and round, helter skelter
And I’ve leaned on me for years
Now you can lean on me.»

#1: Muse – Feeling Good

«It’s a new dawn
It’s a new day
It’s a new life
For me
And I’m feeling good.»

Per questa tappa è tutto, ma prima di andare vi lascio con un quesito: se dico thriller, qual è la prima canzone a cui pensate?

Non perdetevi le altre tappe del blogtour!

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Inku Stories #12: My Hero Academia N°1 di Kohei Horikoshi Successivo A caccia con Lea - Pancia in dentro e naso in fuori: Missione 42