BLOGTOUR: Arte, amore e altri guai di Alessandra Redaelli – Estratti

 

Lettori, benvenuti alla seconda tappa del blogtour dedicato al romanzo di Alessandra Redaelli, Arte, amore e altri guai.  Leggeremo qualche estratto tratto dai primi capitoli del romanzo e perché dovreste leggero!

 

 

Il romanzo – La trama

Acquistalo subito: Arte, amore e altri guai

Editore: Newton Compton 
Data di uscita: 18 Agosto
Prezzo: 2,99 €

Martina ha 42 anni, un marito bello e affascinante e due figli gemelli e adolescenti, Ananda e Nirvana. Hippy in gioventù, più tranquilla da mamma, si barcamena fra paste al pesto dell’ultimo secondo, articoli per un magazine, interviste a pittoreschi personaggi del mondo dell’arte, una rubrica per cuori spezzati, vernissage e la routine familiare. Fino a quando Martina inizia a sospettare che il marito abbia una doppia vita…
Fra equivoci, ospiti inattesi e insperati colpi di fortuna, Martina sconvolgerà completamente la sua vita. Accanto a lei, le preziose amiche e una giostra di personaggi originali che daranno colore anche alle giornate più difficili.

 

Siete pronti ad immergervi nell’avventura?

 

Non c’è niente di peggio che scrivere con l’ansia della consegna. Se Dostoevskij fosse stato…ok, esempio sbagliato: Dostoevskij ha scritto Romanzo in nove lettere in una sola notte. Va bene: mi arrendo. E comunque io non sono Dostoevskij, giusto? Dunque per concludere in maniera decente questo servizio centrale di sei pagine su Onorato Gargiulo, artista di punta della galleria Arte per sempre (nome forse più adatto a un’agenzia di pompe funebri) ho bisogno della massima concentrazione. Perché Onorato Gargiulo non è tipo che si possa prendere sottogamba, lui non è di quelli che piazzano due bottiglie su una tovaglia, ci affiancano una pera un pò deforme, quattro limoni bugnati e poi cominciano a dipingere. No, anche perché se la sua tecnica fosse stata così sconsolatamente priva di fantasia, difficilmente la pregiata rivista per cui lavoro, “Art e Style”, lo avrebbe preso in considerazione. Lui, al contrario, ha dato prova di una notevole creatività: ha scelto come materiale per esprimersi i preservativi. Mica usati, no! Niente di così trasgressivo.

 

 

Ora, è vero che ho un pò di sensi di colpa perché invece di andare, da brava massaia, a fare la spesa a fronte di un frigor vuoto, ho preferito infilarmi le scarpe da jogging, un vecchio paio di pantaloni, una maglietta scolorita e andare a correre. Ma come biasimarmi? Ho quarantadue anni e un marito bellissimo, molto più bello di me. Non credete che sia un mio dovere tenermi in forma esattamente quanto lo è nutrire la famiglia? Non sono così frivola da pensare che un matrimonio solido affondi le sue radici nell’avvenenza, però…Ecco, diciamo che, avendo tutta la giornata a disposizione, forse dovrei cercare di evitare di scegliere quello spicchio preciso del pomeriggio in cui l’ora di uscita dagli uffici, il rientro e la fine delle attività extrascolastiche dei bambini portano il PM10 al di sopra di tutti i livelli di guardia. Ci devo lavorare. Inoltre, per qualche misterioso motivo legato certamente ai bioritmi animali, quello è anche il momento in cui al Parco Sempione si danno appuntamento i cani più minacciosi di Milano. C’è un alano pezzato che la prima volta che l’ho visto, da lontano, giuro, ho pensato fosse una mucca.

 

 

“Quindi sono cornuta”, concludo, afflosciandomi sulla poltroncina patchwork, praticamente l’unico pezzo di arredamento nello studio di Soledad che non sia ingombro degli oggetti disparati: libri, abiti, scampoli di stoffa, tubetti i colore, bottiglie di vino vuote, fotografie, cianfrusaglie recuperate dal rigattiere e anche scarpe spaiate.

Lei mi riempie di nuovo il bicchiere di Bonarda e mi guarda preoccupata. “Ma no, dai. Non è detto. Magari si sente vecchio e cadente e gli è venuta voglia di rimettersi in forma. Lo sai come sono gli uomini a cinquant’anni, no?”. Sì, lo so. Di solito incominciano a scopare con una che ha vent’anni di meno. Mi intravedo nel grande specchio antico appoggiata alla parete e ho un sussulto: perché le corna hanno questo malefico potere di imbruttirti all’istante? Vedo e guance che cascano, la palpebra molle e giurerei che da ieri sera sono pure ingrassata. Dio, oggi corro due ore: giuro. “Sole, Cesare ti pare vecchio e cadente?”.

 

 

 

Non so nemmeno io il perché, a dire il vero. Non so il perché di un sacco di cose, del resto. Perché mi sono comportata così? Perché ho implicitamente dato la mia benedizione al suo love affair con Camilla-Brambilla? Non è che sto mettendo in atto una sorta di difesa psicologica che mi impedisca di rendermi conto di quanto io stia soffrendo? Considerato quanto sono contorta, niente di più plausibile. In questo momento, però, la mia prima preoccupazione è che mi venga incontro un cane furioso, dunque evito accuratamente di spingere il carrello – evidentemente aperto – e chiamo Chris Cry sul cellulare. “Ciao Chris, sono Martina, sono fuori dal cancello”. “Arrivo!”, mi dice sollecito. Ci mette un momento: dovrà prendere la mannaia, probabilmente. Poi, da lontano, vedo avanzare una figura lunga e dinoccolata. Chris Cry è altissimo, magro come se non mangiasse da settimane, con un viso appuntito da fauno e un passo da ballerino.

 

Cari lettori, ci siamo immersi brevemente nei primi capitoli di Arte, amore e altri guai, cosa possiamo aspettarci da questo romanzo?

  • Sicuramente è una lettura ironica, frizzante e molto piacevole. Una commedia che si divora velocemente, terrà buona compagnia sia in vacanza e sia nella calura delle città. Essendo una lettura leggera, è un ottimo modo per staccrae la spina e respirare un pò di buonumore.
  • Lo stile di scrittura di Alessandra Redaelli è un valore aggiunto al romanzo, mi è piaciuto tantissimo come l’autrice ha strutturato la sua storia. La sua voce è fluida e accattivante, ti immerge tra le pagine e ti invoglia sempre a saperne di più.
  • I personaggi, in particolare la protagonista Martina, è una donna molto particolare a cui accadono tantissimi avvenimenti disparati. Ho apprezzato tantissimo Martina, il suo lato ironico e come affronta le avversità, se fosse possibile incontrerei nella realtà questo personaggio di carta e inchiostro.

Se siete alla ricerca di un romanzo accattivante e colorato, segnatevi la data di uscita di Arte, amore e altri guai, non potrà non piacervi! Intanto non perdetevi le prossime tappe del blogtour.

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Amore a prima copertina – Cover love #5 Successivo Paper Thrills #1: La donna silenziosa di Debbie Howells