BLOGTOUR: Hanover House di Brenda Novak – Le terre del nord: tour fotografico dei luoghi

 

 

Quando passò dal Moosehead dopo aver lasciato il motel, Evelyn sperava di passarvi un’ora o due da chiacchere, risate, qualche bicchiere e magari una partita a freccette. Per una sera non voleva più pensare a Bishop o al lavoro. Malgrado la determinazione con la quale portava avanti le proprie ricerche, a volte le responsabilità, le pressioni e le frustrazioni quotidiane diventavano insopportabili.

 

 

Hanover House di Brenda Novak

Editore: Giunti Editore
Data di uscita: 25 ottobre 2018
Pagine: 384
Prezzo: 19.00 €
Acquistalo subito:
Hanover House

È trascorso ormai un anno da quando Evelyn Talbot si è trasferita in uno dei luoghi più desolati dell’Alaska, la clinica psichiatrica di massima sicurezza di Hanover House, dove vengono internati i serial killer più efferati. È lì che arriva Lyman Bishop, conosciuto come lo Zombie Maker, un genetista accusato di lobotomizzare le sue vittime con un rompighiaccio. Un personaggio così inquietante che quando Evelyn lo incontra sente il sangue gelarsi nelle vene: ha la netta sensazione che qualcosa nella sua vita stia per cambiare, irreparabilmente. Quando viene ritrovato il corpo di una nuova vittima uccisa con un rompighiaccio, il dubbio che Bishop sia l’uomo sbagliato emerge con violenza. Per Evelyn e l’uomo che ama, il tenace commissario Amarok, la caccia è di nuovo aperta. Perché nessuno è al sicuro nel grande freddo.

 

Benvenuti cari lettori alla seconda tappa di questo blogtour da brivido, dedicato al nuovo romanzo di Brenda Novak, Hanover House. Insieme oggi approderemo nella bellissima Alaska, esploreremo le terre del nord in un tour fotografico, siete pronti a partire?

 

Juneau è la capitale dell’Alska, l’area della sua contea è la seconda più estesa delgli Stati Uniti. Il nome della città è un tributo a Jo Juneau, scoprì nel XIX secolo un’importante vena aurifera nella zona. In virtù di questa scoperta fu costruita una miniera e nei sui dintorni nacque un villaggio di minatori; nel 1881 ci fu una votazione e Juneau fu la persona che raccolse più consensii, così il suo nome fu attribuito alla città.

 

Juneau è situata nel sud est dello stato, la temperatura media annuale è veramente bassissima, inferiore a 5°, nonostante questo è la città con gli inverni più miti di tutta l’Alaska. Una curiosità interessante è che la città non può essere raggiunta via terra, solo via nave o aereo; per spostarsi gli abitanti utilizzano soprattutto idrovolanti.

 

Spring creek correctional center è l’unico carcere di massima sicurezza presente in Alaska, a Seward, lo stabilimento è circondato da un immenso parco nazionale e montagne mozzafiato. La prigione ospita più di di 500 detenuti e quasi 100 agenti, fu costruita nel 1988 al costo di 44 mln di dollari; la maggior parte dei detenuti ospitata qui è colpevole dei peggiori reati come l’omicidio, lo stupro e la rapina a mano armata.

 

Si presume che i detenuti che raggiungano lo spring creek correctional center siano destinati a rimanere in detenzione per il resto della loro vita, nonostante la popolazione criminale sia sempre più giovane.
Nella sua storia sono accaduti due omicidi, una fuga ed un tentativo di fuga fallito: nel 2004 il detenuto Carl abhul, già condannato a 70 anni per omicidio di un collega di lavoro, ha assassinato il suo compagno di cella perchè quest’ultimo si vantava di aver ucciso la propria madre.
Tra i reclusi più famosi figurava Robert Hansen, il srial killer che tra il 1971 e il 1983 uccise circa 17 donne nell’anchorage Alaska.

 

Il Ghiacciaio Hubbard è il più lungo ghiacciaio di tipo artico del mondo, la sua fronte finisce direttamente nell’oceano. Questo ghiacciaio è in costante avanzamento, la sua crescita contrasta con lo scioglimento del resto dei ghiacciai in Alaska e, purtroppo, in tutto il mondo. Questo fenomeno è dovuto alla sua grande area di accumulo di neve che cade o si scioglie, inoltre Hubbard sta costruendo una grande murena che incrementa la sua stabilità.

 

Alaska Highway parte da Dawson Creek, nella Columbia Britannica, e termina a Delta Junction. La sua lunghezza è di 2451 km circa, fu ultimata nel 1943 ma accessibile solo dall’anno successivo. L’opera venne costruita dall’US Army per facilitare gli spostamenti durante la seconda guerra mondiale. Un’altra autostrada spiacevolmente famosa del paese è la The Highway of Tears, diventata terreno di caccia di uno spietato serial killer che in tent’anni avrebbe ucciso più di 40 giovani donne, i cui corpi sono attualmente non ritrovati.

 

Anchorage è la città più grande dell’Alaska, èà un centro importantissimo per comunicazioni e commercio. La città fino all’inizio del XX secolo era un villaggio eskimese, conobbe un fortissimo sviluppo ed ingrandimento negli anni Ottanta. Nel 1964 fu colpita da un violento terremoto che costò la vita a 143 persone, da quel momento l’altezza degli edifici fu limitata a 21 piani.

 

Kenai Fjords è un vasto parco nazionale dell’Alaska istituito nel 1980. Il parco è caratterizzato dai fiordi creati dal ghiaccio che si gettano a picco nel mare. Il territorio ospita una ricca fauna, tra i mammeferi troviamo il lupo dell’Alaska, l’orso bruno, l’orso nero americano, l’alce dell’Alaska e tantissime altre speci. Un luogo di grande interesse turistico per la fauna e per i meravigliosi ghiacciai.

 

L’Alaska è un territorio davvero meraviglioso, adesso ho una gran voglia di andare a visitare tutte le sue bellezze naturali, dagli immensi ghiacciai, ai fiordi, alle foreste e perché no, le città moderne; nella speranza di avere la fortuna di vedere dal vivo e nel suo ambiente, qualche meraviglioso animale.
Il viaggio alla scoperta di Hanover House continua,

 

Non perdetevi nessuna tappa!

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Let’s talk about: Patres di Sonia Morganti (Leone Editore) Successivo Chi cerca trova – Day #51: L’isola dei libri scomparsi (Parte II)