BLOGTOUR: Il settimo giorno di Luca Centi – I Personaggi

Benvenuti alla seconda tappa del blogtour dedicato al romanzo di Luca Centi, “Il settimo giorno”, pubblicato da La Corte Editore e uscito il 9 novembre.

Pagine: 312

Acquistalo subito: Il settimo giorno

Editore: La Corte Editore
Data di uscita: 9 Novembre

Prezzo: € 16,90
Pagine: 312

Alexander è un sedicenne che da mesi è rinchiuso in un ospedale psichiatrico, da quando ha cominciato a vedere i primi “abomini” come li chiama lui. Persino i genitori l’hanno abbandonato e solo Ella, la sua amica, continua a fargli visita di tanto in tanto. Alexander se ne sta sempre lontano dagli specchi. È infatti convinto che riflettano uno strano essere androgino dai lunghi capelli biondi e due paia di ali bianchissime. Le cose, però, cambiano quando viene avvicinato da due strani medici dalle iridi scarlatte, uomini che vogliono sapere dove si trovi la “Porta” e quale sia il segreto della città di Acalia. Alexander riuscirà a salvarsi solo grazie all’aiuto di Helis, una ragazza spuntata dal nulla e di Ella, coinvolta suo malgrado nella fuga dall’ospedale psichiatrico. Il ragazzo scoprirà presto di essere l’ultimo Veggente rimasto sulla Terra e di essere in pericolo. Ezechiel infatti, l’Arcangelo protettore dei Veggenti e dei Profeti, è sparito. Da allora tutti i suoi “figli”sono visibili agli occhi dei Demoni, bramosi di conoscere il futuro. Ma gli Angeli non possono permetterlo, per questo stanno “epurando” tutte le persone speciali. Con la morte. Riuscirà il ragazzo, con l’aiuto dei suoi nuovi amici, a salvarsi e a evitare l’Apocalisse?

“Agli occhi di tutti anch’io sono pazzo. Un pazzo visionario che crede in cose che non esistono. […] Le cose che vedo non lasciano traccia. Sono silenziose come ratti, invisibili come il vento.”

Prosegue il blogtour de “Il settimo giorno” con la tappa dedicata interamente ai personaggi principali. Quando si tratta di angeli e demoni sono in prima fila e in questo fantasy ho trovato pane per i miei denti, non solo la storia è stata in grado di catturarmi pagina dopo pagina, ma lo stile dell’autore ha reso più intrigante e avvincente la vita di un giovane ragazzo alle prese con un mondo diverso dal nostro, ritenuto pazzo per vedere cose che gli altri non sono in grado di vedere.

Alexander Hamilton non è un ragazzo come tutti gli altri, vede cose che gli altri non vedono e col tempo questa sua abilità si è trasformata nella sua condanna. Tutti coloro che lo circondano lo credono pazzo, un ragazzino paranoico in preda alle allucinazioni e potenzialmente pericoloso per gli altri ma soprattutto per sé stesso ed è per questa ragione che è stato rinchiuso in un istituto psichiatrico.

Alex è un ragazzo sfiduciato dalla vita, che prende la vita come viene, ormai arreso all’idea di restare rinchiuso per sempre in manicomio eppure è soltanto aggrappandosi alla sua amica Ella che riesce a restare ancora a galla. La giovane ragazza è l’unica che ancora cerca di mantenere un legame con lui ed è per questo motivo che le sue visite sono terapeutiche.

Tutto ciò che Alex credeva di vedere viene messo in discussione dai medici che lo seguono, in quanto frutto della sua fervida immaginazione, che lentamente lo sta divorando dall’interno. Famiglia e conoscenti sono i primi a voltargli le spalle, ma c’è qualcosa di reale in quello che Alex vede da non rendersi conto di essere speciale.

Gli abomini, creature alate o essere dagli occhi incandescenti, esistono veramente e ora che Ezechiel, Arcangelo protettore dei Veggenti e dei Profeti, è scomparso, tutti cercano il ragazzo. Il tempismo è essenziale per impedire a Demoni e Angeli di impadronirsi di Alex.

“Anche Ella resta di s tucco, ma le parole non le mancano di certo.”

Ella è la migliore amica di Alexander e come tale, farebbe di tutto pur di aiutarlo, anche se questo significa nuotare controcorrente. Come ogni essere umano si affida alla ragione per spiegare ogni cosa e per questa ragione, angeli e demoni, non sono concetti che riesce a prendere sul serio, non quando si tratta di un manicomio ed è una ragazza stramba a parlargliene.

Teme ciò che non conosce ma questo non la spinge ad abbandonare il suo amico bensì a tentare di salvarlo come meglio può per impedirgli di farsi del male e seguire Kip e Helis nei loro “deliri” di follia.

Il vero problema è che non sono folli, ciò che vede Alex è reale e gli sta dando la caccia.

“Helis è un Angelo. Avrei dovuto saperlo, allora perchè sono sorpreso? Forse, mi dico, perchè i soli Angeli che ho visto sono quelli che cercano di catturarmi, non tanto diversi dai due Demoni che hanno provato a rapirmi.”

Helis è un Angelo incaricato di proteggere Alexander affinchè i Demoni non riescano a mettere le mani sulle sue abilità divinatorie. Da quando Ezechiel è scomparso, ogni veggente è diventato visibile, rendendoli così vulnerabili e facili prede dell’oscurità.

Helis è pragmatica e decisa, appare come un essere freddo e distaccato da chiunque, una sentinella pronta a svolgere il suo lavoro. Lei sta cercando disperatamente di comprendere cosa ci sia dietro la sparizione dell’Arcangelo ed è difficile svolgere il suo ruolo quando il ragazzo che sta proteggendo non si fida di lei.

Come ogni guardiano, si preoccupa sempre e solo dell’incolumità del suo protetto nonostante tutto, andando oltre ogni lamentela o ribellione, pronta a sedare ogni tumulto del giovane ragazzo se dovesse finire nei guai.

La mancanza di fiducia di Alexander ed Ella nei suoi confronti non la scoraggia dal portare al termine il proprio compito, qualcosa che va ben oltre i capricci di un paio di ragazzini.

“Kip mi sta seguendo. È strano, ma è come se irradiasse uno strano calore. Un calore luminoso che mi fa sentire protetto.”

E per finire c’è Kip, un Angelo Custode. Se pensate che gli Angeli Custodi siano come quelli che ci propinano nelle serie tv e nei film vi sbagliate di grosso. Kip non assomiglia per niente a un Angelo, il suo aspetto è molto più simile a quello di un folletto, questo perché ogni Custode assume le fattezze che il proprio protetto desidera per entrare in simbiosi con lui e risultare meno strano di quello che è.

Kip è in viaggio da molto tempo insieme a Helis e la presenza di Alexander ha condotto i due fino all’istituto psichiatrico, dove lo hanno salvato e aiutato a fuggire.

Nonostante faccia finta di stare sempre sulla difensiva, Kip è più aperto di quello che sembra, ma questo non significa che non sia permaloso quando qualcuno prova a prenderlo in giro. È un Custode diverso dagli altri ma molto scaltro, un compagno di avventure essenziale durante il loro viaggio alla ricerca della verità.

Questi sono solo alcuni dei personagi che troverete all’interno di questo avvincente fantasy, tutto da scoprire e che vi terrà col fiato in sospeso. Buona lettura!

Una copia cerca casa!
Per vincere la copia in palio vi basta seguire le seguenti regole:
– Diventare lettori fissi dei blog
– Commentare tutte le tappe
-Seguire la pagina facebook de La Corte Editore
-Seguire la pagina facebook di Luca Centi
Vi lascio il calendario con le prossime tappe del blogtour!
Non lasciatevene scappare neanche una!

18 dicembre: RECENSIONE

19 dicembre: PERSONAGGI

20 dicembre: CITAZIONI

21 dicembre: CREATURE SOVRANNATURALI

22 dicembre: INTERVISTA

May the Force be with you!
Precedente A caccia con Lea – Pancia in dentro e naso in fuori: Missione #8 Successivo Chi cerca trova – Day #19: Viaggio nel cuore del Grande Ink