Blogtour: Will ti presento Will di John Green e David Levithan- Recensione

Lettori, benvenuti all’ultima tappa del blogtour dedicato al romanzo di John Green e David Levithan, «Will ti presento Will», edito da Piemme Editore. Pronti per la recensione?

 

 

Will ti presento Will
di David Levithan e John Green

Titolo originale: Will Grayson, Will Grayson
Editore: Piemme
Data di uscita: 10 Ottobre
Prezzo: ebook 6,90 €; cartaceo 16,00 €
Pagine: 336
Acquistalo subitoWill ti presento Will

Una sera, nel più improbabile angolo di Chicago, due ragazzi di nome Will Grayson si incontrano.
Will e Will non potrebbero essere più diversi, ma dal momento in cui i loro mondi collidono, le loro vite, già piuttosto complicate, prendono direzioni inaspettate, portandoli a scoprire cose completamente nuove sull’amicizia, l’amore e, soprattutto, su loro stessi.

 

Lettori, benvenuti!

con il viaggio di oggi approdiamo sulle spiagge di Will ti presento Will, un romanzo young adult, scritto da John  Green e David Levithan ed edito da Piemme Editore.
Il libro è davvero originale, non è uno dei soliti ya basati quasi sempre sulla storia d’amore, in questo caso abbiamo sì l’amore ma soprattutto amicizia, accettazione di sé e di ciò che è diverso. È un romanzo che cerca di combattere i pregiudizi e mettere in luce i problemi affrontati durante l’adolescenza. Scopriamone di più!

 

Io mi limito ad annuire, nella speranza che continui a credere che io sappia cosa voglia dire polifonico.

 

Il romanzo è scritto in modo molto fluido e scorrevole; il linguaggio e le espressioni sono proprie degli adolescenti. I due autori sono riusciti a caratterizzare i nostri protagonisti anche attraverso lo stile di scrittura. Abbiamo un POV doppio, i capitoli si alternano tra l’uno e l’altro Will Grayson. All’inizio questo tecnica narrativa mi è sembrata un pò strana, perché non viene specificato chi sia il narratore. Iniziando il secondo capitolo mi sono sentita stranita, catapultata in uno stile completamente diverso. Appena ho inquadrato questa struttura mi è piaciuta questa scelta. Non vorrei sbagliare, ma ipotizzo che i due autori abbiano scritto rispettivamente i capitoli dal punto di vista di uno dei due Will. Se la mia teoria è giusta, credo che il primo Will che conosciamo esprima la voce di John Green ed il secondo Will di David Levithan. Sarei molto curiosa di scoprire se ho azzeccato con queste ipotesi!

 

mi chiede se questa mattina prima di uscire ho preso le mie pillole e io le dico che se non le avessi prese sarei in bagno ad annegarmi nella vasca.

 

Devo ammettere che questo romanzo è stata un’autentica sorpresa. Leggendo la trama mi aspettavo la storia di due ragazzi gay che iniziano a scoprire la loro sessualità e loro stessi. Da una parte è stato in parte così, ma la storia racchiude molto altro.
Inizialmente conosciamo il primo Will Grayson, un ragazzo normale quasi anonimo, che ama passare inosservato. Questa sua voglia di invisibilità si scontra con la figura imponente ed esuberante di Tiny Cooper, il suo migliore amico. Tiny, al contrario di Will, è un ragazzo solare, intraprendente, socievole e molto colorato. Tiny è un ragazzo enorme, molto alto e molto robusto, e anche molto molto gay. Will e Tiny non potrebbero essere più diverti, non si sono scelti ma si sono trovati e sono diventati migliori amici.

 

Quando ti vedi in uno specchio, tu sai che ti stai guardando, per cui non puoi evitare di metterti in posa.  Per cui non lo sai mai veramente. Ma in questa foto…tu sei proprio così.

 

L’altro Will Grayson è un ragazzo molto apatico, non è interessato a niente e non ha amici. In realtà ha una specie di amica, Maura, ma è più il tempo che passa cercando di evitarla. Will soffre di depressione, è costretto a prendere dei medicinali per combattere questa malattia. Nonostante tutto, il ragazzo vorrebbe scomparire, si sente inadatto ed un fallito. Non ha un buon rapporto con la madre, il padre invece li ha lasciati soli. È convinto che nella vita non merita niente e che rimarrà bloccato sempre nel suo limbo limaccioso. L’unica cosa che regala a Will la forza di vivere è Isaac, un amico di penna. Will e Isaac hanno un rapporto speciale, vivono la loro amicizia in modo telematico, e anche qualcos’altro. Sì, anche se non si sono proprio dichiarati esplicitamente entrambi sono gay e innamorati l’uno dell’altro.

 

So che in un suo modo contorto lo sta facendo perché pensa che sia quello che voglio: parlare di tutto, dirle tutto di me. ma non è quello che voglio. non è quello che può avere.

 

Will vive nell’ombra di Tiny, che è il protagonista della loro amicizia. Grazie a Tiny conosce Jane, una ragazza simpatica e molto carina. I ragazzi inziano ad uscire tutti insieme, Jane mostra interesse verso Will. Will è impaurito, da una parte vorrebbe conoscere la ragazza ma prevale in lui la propria propensione a star zitto e passare oltre. Ad un certo punto della storia qualcosa cambia nei protagonisti, qualcosa che li porta a crescere e cambiare, a migliorarsi. L’evento chiave possiamo individuarlo nell’incontro dell’ a.w.g., (altro will grayson).

 

Potete scegliere la vostra canzone, ma sappiate questo: Tiny Cooper. Odia. Over. The. Rainbow. Salta giù dal palco con un gesto teatrale e urla: Numero 1, fammi innamorare di te.

 

Da quando Will, Tiny e Will si conoscono i personaggi vanno incontro ad un cambiamento. Will, si decide ad uscire dalla sua immobilità e si avvicina a Jane. Inizia a capire che l’essere passivo non lo porterà da nessuna parte, deve prendere proprie decisioni e non accettare quelle  prese dagli altri. Scopre di voler stare davvero con Jane, e capisce che nonostante tutto l’amicizia con Tiny è un sentimento vero e profondo. Tiny si butta a capofitto nella relazione con l’altro Will Grayson, se ne innamora perdutamente. In questo percorso il ragazzo si mostra per quello che è realmente, una persona buona con un cuore grande. Per Tiny non è di certo facile essere così grosso, essere sempre al centro costate dell’attenzione, nel profondo per lui è causa di disagio che maschera con la propria simpatia. L’altro Wll Grayson, si scopre felice, e questa felicità non pensa di meritarla. Forse non è ancora pronto per avere una persona così esplosiva al suo fianco, ma sarà sempre grato a Tiny per avergli fatto capire che anche lui merita serenità.

 

così il tempo che passi a cadere è il peggiore del mondo. perché senti di non avere alcun controllo. io non voglio cadere, voglio stare in piedi sulla terraferma.

Il romanzo è davvero ricco di sentimenti, emozioni e cambiamento. Trovo che sia un romanzo da leggere proprio per i messaggi che contiene piuttosto che per la storia in sé. Non fraintendetemi le vicende sono davvero carine, è uno scorcio sulla vita quotidiana di un gruppo di adolescenti, sulla loro normalità. Quello che provano, come affrontano i problemi e come cambiano rendono il tutto speciale. I personaggi insegnano che è giusto cambiare, combattere le proprie paure e accettare sé stessi; volersi bene con i propri pregi e difetti è il primo passo verso la serenità. Nel complesso è una lettura leggera e molto piacevole, da tanti spunti per riflettere.

 

 

 

Non perdete le altre tappe del blogtour,

Al prossimo viaggio!

 

May the Force be with you!
Precedente Amore a prima copertina – Cover Love #19 Successivo The whispering room: L'amore non è mai come sembra di Francesca Redolfi