Chi cerca trova – Day #45: Ai confini del mondo

Diario di bordo – 30/08/18

“Sono mesi ormai che sono salpata alla ricerca del libro perfetto, lo One Book. Le leggende lo descrivono come il più grande tesoro della letteratura universale e nessuno finora è ancora riuscito a trovarlo. Fama, cultura e prestigio, sono solo alcuni dei riconoscimenti che riceverà colui che riuscirà a leggerlo.

A bordo del mio Veliero d’Inchiostro partirò alla ricerca di questo tesoro, affrontando i pericoli che si celano, pagina dopo pagina, sulla rotta del Grande Ink.”

***

Apriamo la nostra rubrica con le novità di TimeCrime e Nero Italiano.

30 Agosto

Oltre ogni sospetto

di Joe Sharkey

Editore: Time Crime
Genere: Thriller
Traduzione: T. Bernardi

Prezzo: € 17,00
Pagine: 320

Per l’agente dell’FBI Mark Putnam prestare servizio in una tranquilla cittadina del Kentucky è l’occasione per poter lavorare con la massima libertà e per aspirare a fare carriera. La sua rete di informatori è fitta e ben organizzata, le indagini spesso risolutive, ma qualcosa va storto proprio quando tutto sembrava andare secondo i piani. Susan Smith, una tossicodipendente che gli passa le informazioni, esercita su di lui un’attrattiva sempre più forte, fino al punto di diventare un’ossessione che finirà per rovinarlo. La sua carriera e il suo matrimonio sono minacciati da questa donna risoluta e cinica, capace di ogni bassezza pur di ottenere ciò che vuole. Spetta a Mark decidere cosa fare della sua vita: procedere lungo il crinale che lo sta portando alla perdizione o scacciare le ossessioni e riprendere il controllo della propria esistenza. Ma liberarsi di Susan Smith è più difficile di quanto potesse immaginare…

30 Agosto

Promessa di sangue

di Mark Pryor

Editore: Time Crime
Genere: Thriller
Traduzione: B. Cinelli

Prezzo: € 17,00
Pagine: 270

Hugo Marston, capo della sicurezza dell’ambasciata americana, è incaricato di proteggere Charles Lake, senatore in missione a Parigi per una delicata controversia tra Francia e Stati Uniti. I colloqui, tenuti in un castello di campagna, sembrano destinati a interrompersi quando qualcuno si introduce nella stanza di Lake per sottrargli importanti documenti. Hugo e il detective Raul Garcia indagano sul furto, ma ben presto i dossier rubati diventano l’ultimo dei loro problemi. Il rinvenimento di alcune impronte digitali, infatti, suggeriscono un inaspettato e preoccupante collegamento tra questo caso e una rapina-omicidio avvenuta nei pressi di Troyes. E a complicare ulteriormente le cose c’è anche la scomparsa di un antico forziere contenente una misteriosa lettera della fine del XVIII secolo firmata col sangue, una sorta di promessa che sembra tramandare un segreto, vecchio almeno duecento anni, ma ancora in grado di incidere sul presente…

30 Agosto

L’impostore. Spinning man

di George Harrar

Editore: Time Crime
Genere: Thriller
Traduzione: A. Cantagalli

Prezzo: € 17,00
Pagine: 272

La vita di Evan Birch, docente universitario di filosofia, scorre tranquilla tra la sua adorata famiglia e le lezioni ai suoi studenti a cui cerca di inculcare l’amore per la verità. Tutto cambia il giorno in cui la polizia si presenta alla sua porta, ritenendolo responsabile del rapimento di una ragazza. Sembra un’accusa assurda, ma quando nella sua auto viene ritrovato il rossetto della giovane scomparsa, tutti i sospetti sembrano convergere su di lui. Anche la moglie e i figli di Evan cominciano a nutrire dubbi sulla sua innocenza. E mentre la polizia lo sottopone a una serie di interrogatori decisamente non socratici, il professor Birch tocca con mano quanto la verità possa essere inafferrabile, tanto da ipotizzare una soluzione estrema: inventare una propria versione e sostenerla strenuamente fino alla fine…

30 Agosto

Il sesto indizio

di Giovanni Sechi

Editore: Fanucci
Collana: Nero Italiano
Genere: Giallo

Prezzo: € 13,00
Pagine: 272

La Orpheus è un’agenzia investigativa fondata dai fratelli Carta: Enrico e Salvatore, il primo ex insegnante di religione insoddisfatto, il secondo ex poliziotto dedito al divertimento sconsiderato, con forti tendenze autodistruttive. La loro specializzazione è alquanto originale: rintracciare persone scomparse e date per morte, anche dopo tanti anni. Quando una donna, Monica Ghersi, si rivolge a loro per ritrovare il cadavere di Dario Spadafora, il pregiudicato che dieci anni prima ha rapito e torturato sua figlia Teresa, i Carta accettano l’incarico. Le indagini, però, li mettono in contatto con un pericoloso gruppo criminale del nord Italia per scoprire che nessuno crede alla versione ufficiale: la verità sembra coperta da un velo di mistero che ognuno vuole mantenere. In un serrato susseguirsi di colpi di scena, i fratelli Carta dovranno ricorrere a tutte le risorse a disposizione, lecite o meno, per fare luce sulla scomparsa di Spadafora. Ma come recita il motto tatuato sulla pelle dei due fratelli, Sed gladium, la verità spesso non porta la pace bensì alla violenza, e il vero compito è capire fino a che punto è opportuno spingersi in suo nome.

***

Proseguiamo con un paio di novità in arrivo per Feltrinelli.

6 Settembre

Ogni ricordo un fiore

di Luigi Lo Cascio

Editore: Feltrinelli
Collana: I Narratori
Genere: Narrativa

Prezzo: € 18,00
Pagine: 336

In viaggio da Palermo a Roma, di ritorno dal funerale del padre di un amico d’infanzia, per isolarsi dal battibeccare costante dei suoi compagni di vagone, Paride Bruno decide di lanciarsi in un’impresa epica: rileggere i suoi duecentoquaranta (e oltre) tentativi di romanzo, tutti interrotti al primo punto fermo, e decidere infine cosa farne. Paride Bruno, infatti, ha cercato di cimentarsi in ogni genere e stile possibili, senza mai riuscire a sceglierne uno, portare a termine un’opera e potersi così dire scrittore. “Sono un tipico esempio di come agisca in maniera diffusa lo spirito incerto e schizoide dei tempi, per cui, mentre sto appena vivendo un’esperienza, mi sento accerchiato da tutte le cose che in quello stesso istante sto perdendo. E migro. Trasmigro.” Ma proprio questi tanti cominciamenti narrativi disegnano, tassello dopo tassello, la figura del protagonista: in ognuno degli incipit è contenuta una scheggia della sua vita, delle sue ossessioni, delle sue paure e dei suoi desideri. Come egli stesso ammette, “tra smozzichi un po’ veri, un po’ inventati, ci sono i miei soggiorni in ospedale, o quel periodo in cui sfiorai la fine e fui salvato dalla grande madre, c’è il pessimismo in scala planetaria, e ancora i miei garbugli nell’amore, gli incontri non previsti e disattesi, l’umile furto di drammi privati, la mia facilità di annullamento quando il mistero la mente sconvolge”. La vita stessa, in fondo, pensa Paride Bruno, finisce sempre per essere incompiuta, “uno svolazzo di pagine sparse”. Più simile ai fiori deposti sulla tomba dell’uomo a cui ha appena dato l’addio: ogni fiore a rappresentare un ricordo, ogni ricordo a tesserne la storia, “come se fosse un mantello di Arlecchino”.

27 Settembre

Un popolo di roccia e vento

di Golnaz Hashemzadeh Bonde

Editore: Feltrinelli
Collana: I Narratori
Genere: Narrativa
Traduzione: Anna Grazia Calabrese

Prezzo: € 15,00
Pagine: 208

Teheran, 1978. Nahid conosce Masood la sera in cui viene ammessa all’università di Medicina. Entrambi diciottenni, hanno nelle vene il fuoco della passione e della giovinezza, di chi si sente invincibile perché è certo di essere nel giusto. La rivoluzione li infiamma e li scuote come una pioggia di stelle. Di giorno studiano, di notte sgattaiolano per strada a distribuire volantini, discutono di libertà e democrazia, e si battono per rovesciare il regime dello Shah. Sanno di rischiare la vita, ma si sentono immortali: gli iraniani sono una stirpe di roccia costretta a vivere nel sottosuolo, ma è arrivato il momento di liberarsi dal giogo. Finché, una sera, Nahid permette alla sorella minore di accompagnarla a una manifestazione. Quando la violenza esplode, la perde di vista nella calca. Basta un attimo, la presa sulla mano che si allenta, e nulla è più come prima. Prostrati dal dolore e dal rimorso, Nahid e Masood decidono di fuggire: Teheran non è più un luogo sicuro per loro e, ora che Nahid è incinta, scelgono di aggrapparsi alla promessa di felicità che lei porta in grembo. Trent’anni dopo, a Nahid restano pochi mesi da vivere. O così dicono i medici, perché lei non è tipo da arrendersi. Mentre ripercorre le tappe che l’hanno portata dall’Iran alla Svezia, analizza anche i sacrifici, le speranze e le disillusioni, il rapporto con la figlia Aram e con il suo tempo. Nahid, Masood e i tanti che come loro sono dovuti fuggire, una generazione di sabbia trasportata dal vento. Aram e i giovani che come lei sono cresciuti in un nuovo paese, figli del vento ma con solide radici.

***

Un piccolo gioiellino in arrivo per Garzanti.

20 Settembre

Il bosco ricorda il tuo nome

di Alaitz Leceaga

Editore: Garzanti
Collana: Narratori Moderni
Genere: Narrativa

Prezzo: € 19,60
Pagine: 600

Su un’imponente scogliera si erge Villa Soledad, immersa in un fitto bosco di alberi secolari, capaci di custodire qualsiasi segreto nel silenzio del tempo. Quel bosco è il regno delle sorelle Alma ed Estrella. A prima vista non potrebbero essere più diverse: pacata e discreta, l’una, decisa e ribelle, l’altra. Eppure sono accomunate dalla stessa eccezionale sensibilità. Perché dalla nonna hanno ereditato un dono straordinario: conoscono cose che nessun altro conosce e sanno esattamente quando sboccerà il primo fiore di primavera. La loro affinità è unica. Il loro legame necessario e imprescindibile. Fino al giorno in cui tra le due si insinua l’affascinante Tomás, e niente è più lo stesso. Il giovane ammalia il cuore di Alma ed Estrella, e diventa motivo di contesa tra le sorelle, che si accorgono di come il loro legame si stia affievolendo ogni istante di più. Quando un terribile incidente colpisce Alma, e con lei anche il resto della famiglia, Estrella è costretta a fuggire da Villa Soledad e a lasciarsi alle spalle l’unica vita che abbia mai conosciuto. Ma per lei è impossibile ricominciare altrove. Lontano dalle proprie radici. Lontano dal luogo in cui non ha paura di essere sé stessa. Per questo ha bisogno di tornare là, in quel bosco che da sempre chiama casa. Solo quegli alberi, con la loro voce che Estrella sa capire e interpretare alla perfezione, possono guidarla a scoprire una verità che finora le è stata negata.

***

In arrivo per Dea Planeta lo straordinario romanzo di Cristina López Barrio.

16 Ottobre

Nebbia a Tangeri

di Cristina López Barrio

Editore: Dea Planeta Libri
Genere: Narrativa

Prezzo: € 16,50
Pagine: 320

Un romanzo, Nebbia a Tangeri, e un nome, Paul Dingle, scarabocchiato sul suo frontespizio. Sono gli unici indizi che Flora ha a disposizione per ritrovare l’uomo misterioso che, incontrato per caso in un bar di Madrid, le ha regalato la vertigine di una notte indimenticabile. Perché con quello sconosciuto, la prudente, sposatissima Flora ci è finita a letto, e adesso che lui sembra sparito nel nulla, accettare di non rivederlo più è semplicemente impossibile. Così, forte solo del desiderio che le corrode le viscere, Flora si lascia tutto alle spalle parte alla volta di Tangeri, per cercare l’autrice del romanzo e scoprire chi sia davvero Paul Dingle, personaggio di carta e insieme protagonista in carne ossa dell’incontro che le ha stravolto la vita. Coinvolgente, esotico e pieno di svolte inattese, Nebbia a Tangeri è la storia di un doppio amore proibito che si snoda tra passato e presente. Per raccontare, attraverso un romanzo nascosto tra le pagine di un altro romanzo, la vertigine del desiderio e i misteri più profondi del cuore.

***

Concludiamo con alcune novità in arrivo per Edizioni E/O.

5 Settembre

Negli occhi di Timea

di Luca Poldelmengo

Editore: Edizioni E/O
Collana: Sabot/age

Prezzo: € 16,50
Pagine: 207

È trascorso un anno da quando i gemelli Vincent e Nicolas Tripaldi sono stati costretti a fuggire in Albania per scampare all’arresto. A capo della Red, una squadra segreta di polizia che conduce le proprie indagini attraverso l’uso dell’ipnosi, erano stati risucchiati in un gioco di potere più grande di loro. Ora sono rientrati clandestinamente in patria, per andare incontro ciascuno al proprio destino. Nicolas vuole far evadere Sara Mancini, la loro ex collega che tra le mura del carcere è diventata mamma. Vincent invece è pervaso da un feroce desiderio di vendetta verso il premier Mattia Manera e il Professor Luca Basile, gli uomini che pur di assecondare i loro giochi di potere lo hanno strappato per sempre dal suo lavoro e dai suoi affetti, arrivando a uccidere. Vincent ha in mente un piano che lo costringe a enormi compromessi rispetto alla propria coscienza, talmente inconfessabile da tenerlo nascosto persino a suo fratello. La clandestinità dei gemelli è messa a rischio proprio dalla loro ex squadra, la Red, che preleva sistematicamente ignari cittadini e ne setaccia l’inconscio per usarli alla stregua di telecamere di videosorveglianza umane, al solo scopo di catturarli. Sullo sfondo di un intrigo che coinvolge i massimi livelli istituzionali e criminali e che ruota intorno al traffico internazionale di rifiuti, viene perpetrata una sanguinosa strage a cui assiste un’unica testimone, Timea, una bambina di cinque anni. Chi è Timea? Da dove viene? Cosa ci faceva lì? Ma soprattutto cosa hanno visto i suoi occhi?

12 Settembre

Il cielo di Singapore

di Sharlene Teo

Editore: Edizioni E/O
Collana: Dal Mondo

Prezzo: € 18,00
Pagine: 256

Amisa, giovane originaria di un piccolo paese della Malesia, vive a Singapore, dove viene notata per la sua bellezza e scritturata per una trilogia di film horror in cui interpreta la Pontianak, un personaggio della mitologia del Sud-est asiatico. La sua carriera di attrice non decollerà mai e, amareggiata anche da un matrimonio fallito, vive con la “zia” (in realtà un’amica) Yunxi, una donna misteriosa che sostiene di essere una medium, e la figlia Szu. Amisa muore di cancro nel 2003, e proprio nel 2003 Szu inizia a raccontare la propria vita. Ha sedici anni ed è una ragazzina introversa, solitaria e profonda. Costantemente a disagio, vive un rapporto conflittuale con la madre (il padre le ha abbandonate quand’era piccola) e la sua unica amica è la più spigliata Circe. Dopo la morte della madre sviluppa un disturbo alimentare e cade in depressione, e finisce con l’allontanare anche Circe. Ritroviamo infine Circe nel 2020: è una social media manager che ha appena divorziato. Quando le viene chiesto di curare la campagna per il reboot della trilogia di Ponti, il passato torna a tormentarla: i ricordi di Amisa e Szu, il senso di colpa per non essere stata vicina all’amica nel momento del bisogno e la propria vita insoddisfacente la portano a mettere in discussione tutto e in particolare se stessa, finché non riallaccerà i contatti con Szu.

Settembre

La cacciatrice

di Jamey Bradbury

Editore: Edizioni E/O
Collana: Dal Mondo
Traduzione: Gianluca Fondriest

Prezzo: € 18,00
Pagine: 288

Tracy Petrikoff, una ragazza cresciuta in Alaska, ha una dote innata per la caccia e trascorre i suoi giorni seguendo le tracce degli animali selvatici e guidando i suoi cani da slitta nei boschi sterminati che circondano la casa di famiglia. Pur perfettamente a suo agio in quelle lande lontane da tutto e da tutti, Tracy continua a seguire le regole di sua madre, scomparsa da poco: “Mai perdere di vista la casa”, “mai tornare a casa con le mani sporche” e soprattutto “mai ferire un essere umano”. Queste precauzioni, però, non bastano a proteggere Tracy quando uno sconosciuto la attacca nei boschi sconvolgendo il suo inconscio. Il giorno successivo un uomo dall’aria spaventosamente familiare esce dal bosco gravemente ferito da un brutto taglio – una ferita simile a quella che avrebbe potuto provocare il coltello che Tracy porta sempre con sé. È questo l’uomo che l’ha attaccata? Ed è stata lei a conciarlo così? Con la memoria ancora sconvolta, non può esserne sicura. Aiutare il padre a superare la morte della madre e prepararsi all’incombente Iditarod non le lasciano il tempo per ripensare all’accaduto, almeno fino a quando un misterioso straniero alla ricerca di lavoro bussa alla loro porta. Tracy è convinta che Jesse Goodwin stia nascondendo qualcosa, ma non può parlarne a suo padre senza raccontargli anche dell’aggressione e del perché l’abbia tenuta nascosta. Ben presto risulta chiaro che sta per accadere qualcosa di pericoloso. Lo strano modo in cui Jesse si sta facendo strada nella famiglia, il volto minaccioso di uno sconosciuto in mezzo alla folla, le impronte di stivale trovate al limitare della foresta. La sua famiglia è in pericolo. Scoprire la verità basterà a proteggerla o la minaccia è più vicina di quanto Tracy non sospetti?

Settembre

L’ordine del giorno

di Éric Vuillard

Editore: Edizioni E/O
Collana: Dal Mondo
Traduzione: Alberto Bracci Testasecca

Prezzo: € 14,00
Pagine: 144

Quando consideriamo l’avventura di Hitler, la Germania nazista, il genocidio degli ebrei, la Seconda guerra mondiale, la nostra mente pensa istintivamente ai lugubri sogni di grandiosità di un pazzo, a un intero popolo che l’ha seguito, a un ineluttabile concatenarsi di eventi che ha trascinato il mondo nel più sanguinoso conflitto del secolo scorso. E in effetti è così, ma non solo. A rendere possibili i grandi eventi, addirittura a precipitarli, è anche una componente individuale che spesso la storia trascura di prendere in considerazione, un lato umano fatto di singoli caratteri, capricci, piccole manie, arrivismi calcolati, errori di valutazione e formalismi che in maniera infinitesimale, ma determinante, mettono in moto una successione di azioni e reazioni che danno luogo ai fatti che poi studiamo sui libri di storia. Il breve romanzo di Eric Vuillard, con grande ironia ed estrema accuratezza storica, racconta proprio questo. Veniamo così a sapere che l’Inghilterra ha reagito all’annessione dell’Austria con mezza giornata di ritardo perché l’ambasciatore tedesco Ribbentrop tratteneva Chamberlain e Churchill parlando loro della sua passione per il tennis, che Krupp e Opel e gli altri industriali tedeschi sostenitori del regime “affittavano” deportati dai campi di concentramento da utilizzare come operai gratuiti, che l’invasione-lampo dell’Austria in realtà si è svolta caricando uomini e mezzi su treni di linea perché la massiccia colonna di blindati germanica è andata in panne appena varcato il confine. Aneddoti curiosi e sconosciuti che, sebbene spesso facciano ridere, ci fanno capire in maniera agghiacciante quanto alcuni particolari all’apparenza insignificanti possano imprimere alla storia un tragico corso.

Ottobre

La santa tenebra

di Levan Berdzenišvili

Editore: Edizioni E/O
Collana: Dal Mondo
Traduzione: Alberto Bracci Testasecca

Prezzo: € 18,00
Pagine: 256

Il romanzo trae ispirazione dal periodo trascorso nel gulag dall’autore stesso, uno degli ultimi condannati nella storia sovietica. «Sono stati gli anni migliori della mia vita», racconta con ironia ma anche con verità, perché aggiunge: «Il KGB ha raccolto lì alcune delle migliori persone che potessi incontrare: linguisti, storici, scienziati, scrittori…» Ovviamente i prigionieri del gulag furono, anche negli ultimi anni del regime sovietico “ammorbidito” dalla perestrojka, vittime della fame, delle celle d’isolamento, delle punizioni, ma nonostante questo riuscirono a combattere l’assurdità del sistema di oppressione in mille modi. Organizzavano corsi di lingue antiche, inventavano macchine per spinare il pesce, discutevano della possibilità o meno di costruire un comunismo “buono”, organizzavano gare gastronomiche in condizioni di estrema penuria alimentare… Tutte queste storie tragicomiche mettono in luce l’arbitrio e l’assurdità del potere dittatoriale sovietico. Si ride amaramente quando si legge dell’uomo condannato a cinque anni per aver “ridicolizzato” il potere sovietico per aver calzato stivali vecchi invece di quelli nuovi; o leggendo la storia dell’idiota del paese rinchiuso nel gulag fin dalla fine della guerra mondiale perché i nazisti, avendo trovato solo lui, lo vestirono con un’uniforme nazista e lo nominarono capo del villaggio. Lo stesso idiota che si vantava poi di essere stato lui a piantare la bandiera sovietica sul tetto del Reichstag a Berlino!

Altre rotte interessanti da navigare, non mi resta che aggiornare la mappa e investire in una macchina del tempo.

May the Force be with you!
Precedente Release Day: Miserere. Attentato in Vaticano di Vito Bruschini Successivo Top of the month #8: I preferiti del mese di agosto di Sandy