Georgiana di Deborah Begali | Recensione di Deborah

 

No, non avrebbe accettato un affronto di quel tipo. Anche se giungeva da una bocca graziosa e da un nasino così ammodo. Anche se, quando parlava, Georgiana aveva quel modo accattivante di alzare il mento e di cacciarsi un ricciolo ribelle dietro l’orecchio. Fu in quel momento che Benedict mandò all’aria tutti i suoi piani di una vita tranquilla e agiata a Headston Park nell’attesa di un nuovo incarico. Fu quello l’istante in cui decise che aveva una gran voglia di andare a caccia.

 

Editore: Leggereditore
Data di uscita: 28 marzo 2018
Pagine: 272
Prezzo: 12.90 € 
Acquistalo subito: Georgiana (Leggereditore)

Inghilterra, 1815. Georgiana Eagle è una donna intelligente e arguta che non ha ancora trovato l’amore della sua vita e che, sotto lo pseudonimo C.C. Eliot, si diletta a scrivere articoli pungenti contro le svenevoli convenzioni della nobiltà per il Wollenbridge Journal. Lucas Benedict è un capitano della marina di Sua maestà, appena rientrato in patria dopo aver combattuto le guerre napoleoniche. Affascinante e sicuro di sé, unico futuro erede del patrimonio della sua facoltosa famiglia, è stato cresciuto da una madre ipocondriaca e dalla dispotica zia Lady Asheby, che vuole a tutti i costi vederlo prendere moglie. Il primo incontro tra i due giovani non sembra far sperare per il meglio: entrambi, troppo orgogliosi, presuntuosi e fuori dagli schemi, amano vivere secondo le proprie regole e negano ogni sentimento. Ben presto, però, un’irrinunciabile proposta di matrimonio e l’avvento della stagione a Londra stravolgeranno le loro esistenze.

 

Georgiana è un romanzo che ci fa compiere un salto nel passato, torniamo indietro fino al 1815 e approdiamo nella moderna Inghilterra dell’epoca. Attraverso rievocazioni e atmosfere suggestive viviamo la storia della famiglia Eagle, tra ricevimenti ed eventi mondani, disgrazia e decadimento, tradizioni e progresso. Appena nella trama ho letto le parole “Inghilterra” e “1815” non ho saputo resistere a quest’avventura!

 

Georgiana fu trafitta da uno sguardo che le ricordava qualcosa accaduto mentre lei era riversa a terra nel bosco. Ma non capiva cosa. Si accomodò meglio sul letto alzando il mento e mostrandosi fiera. Dentro le stava montando una rabbia incontrollabile ma doveva trattenersi.

 

Georgiana è una ragazza molto intelligente ed arguta, in ogni situazione ha sempre qualcosa di pungentee ed ironico da dire anche se risulta scomodo e sconveniente. Per questa ragione è stata allontanata e viene malvista dai salotti frequentati dalla sua famiglia; inoltre gli Eagle sono decatuti, il loro nome non ha quasi più importanza, anzi è spesso oggetto delle discussioni delle numerose malelingue. La sorella maggiore di Georgiana, è riuscita a ristabilire un pò la propria figura sposando un uomo benestante, ma i suoi sforzi per includere la protagonista sono vani e oggetto di scherno. Georgiana ha venticinque anni e non è sposata, per l’epoca era un fatto molto negativo per chi era intenzionata a trovare marito, perché ormai il debutto in società era avvenuto da un pò e le donne diventavamo meno appettibili per gli uomini. La ragazza non si crucciava di non avere in vista un matrimonio, sicuramente risulta dotata di una forte personalità anticonvenzionale ed incline a non seguire le regole della società ma quasi unicamente il proprio istinto.

 

Il 25 dicembre 1815, mentre quasi tutta la famiglia Cavendish- Eagle era riunita per celebrare il Natale in chiesa, Georgiana passeggiava nel giardino segreto di Grosve avendo il dottore ritenuto più opportuno che lei non si spostasse da casa. Era una giornata particolarmente fredda, ma ciò non impediva alla ragazza di trascorrere qualche momento fuori ad agognare la fine di quel terribile invernoe l’arrivo della primavera. Fu mentre staccava del ghiaccio dalla porticina d’ingresso che le fu annunciata una visita alquanto inaspettata.

 

Georgiana mi ha dato l’idea di essere una persona incompresa, fuori luogo rispetto alla tradizioni e convinzioni arcaiche ancora radicate nella propria epoca di passaggio tra l’antico e il moderno, come se fosse nata quasi al tempo sbgliato. Nonostante ciò si è rivelata un personaggio forte ed indomito, capace di affrontare e gestire il disagio derivato da questasi situazione. Georgiana nutre un particolare interesse a partecipare agli incontri mondani, un interesse che possiamo definire accademico piuttosto che all’insegna del divertimento e della socializzazione. Questo perché la ragazza scrive per il Wollenbridge Journal, sotto lo pseudonimo maschile di C.C. Eliot, articoli molto pungenti che hanno l’obbiettivo di sdoganare le convenzioni radicate nella nobiltà locale, e proprio i suoi esponenti sono spesso vittime di critiche nei suoi articoli. Durante un evento nella tenuta dei Benedict conosce Lucas, padrone di casa ed unico erede della fortuna della sua famiglia.

 

Ci rifletté ancora un poco e poi si fece seria. «Se io fossi vostra moglie vi farei dimenticare tutta questa tristezza che vi porta a essere abominevole» disse alzando il mento. Benedict mostrò un sorrisetto piuttosto agghiacciante ma Georgiana, prima di andarsene, poté essere orgogliosa perché in quello sguardo aveva colto una nota stonata, qualcosa di profondamente amaro.

 

 

La famiglia Benedict è molto ricca e potente, il suo rampollo è uno scapolo molto ambito e Lady Asheby, arcigna zia di Lucas, cerca e proverà in tutti i modi a trovare una moglie facoltosa e degna del nipote. Lucas non ha intenzione di convolare a nozze, infatti non ha per niente un buon rapporto con la zia, ma un atteggiamento insofferente ed a tratti strafottente. Lucas è un capitano della marina di Sua maestà, rientrato in patria dopo le guerre napoleoniche, non sembra abbia particolare interesse a restare in Inghilterra ad amministrare le proprietà di famiglia. Nutre amore solo nei confronti del mare, Lucas è una persona fredda e disinteressata a tutto ciò che lo circonda, è un uomo egoista e a tratti cinico che si rifiuta di provare sentimenti risultando una persona sgradevole. Desibererebbe riprendere il mare e non dover più rimanere ancorato a quel fazzoletto di Inghilterra dove si trova la sua proprietà; ben presto non sopporta più la zia e neanche sua madre, una donna super ansiosa e ipocondriaca. Lucas è un uomo davvero complicato, anche lui come Georgiana, ha un carattere indipendente e una forte indole all’ignorare le regole e convenevoli; è una persona senza mezze misure e senza peli sulla lingua, non si sforza di apparire un gentiluomo. Rude e scontroso, plasmato dalla durezza degli anni trascorsi in guerra sulle navi, dalla forza delle onde e dalle atrocità vissute, è un personaggio a cui non si può resistere!

 

Cosa lo aveva spinto a tornare in Inghilterra così velocemente? Perché non aveva colto l’occasione per rimanere in Nord Africa in modo da evitare sua madre e soprattutto sua zia? Cosa stava cambiando? Perché quel viaggio lo aveva turbato così tanto rispetto ai precedenti? Era tutto nuovo per Lucas e quando, infine, fece la sua scelta sapeva che nulla sarebbe rimasto come prima.

 

Georgina e Lucas si conoscono per la prima volta ad un ballo organizzato da zia Lady Asheby, inzia nella tenuta dei Benedict il loro scontro. In quell’occasione Lucas invitò Georgiana per il primo ballo, iniziando così a suscitare la curiosità di tutti i presenti e alimentando le malelingue perché non rispettò la tradizione di invitare per il primo ballo l’organizzatrice dell’evento. Di primi scambi di battute emerse l’incredibile somiglianza tra i due protagonisti, e iniziarono a non risparmiarsi nessun fendente delle loro “lingue biforcute”. Lucas iniziò così ad agitare i pensieri della giovane donna, dapprima come sgradita ed irritante presenza fino a portarla alla scoperta di sentimenti irrazionali e potenti. Lucas iniziò ad assecondare la zia presentandosi agli eventi accompagnato ogni volta da una giovane diversa, ma i suoi pensieri freddi e cupi erano scaldati dalla frizzante personalità e bellezza di Georgiana. Entrambi i protagonisti si impegneranno ad ignorare e addirittura a sopprimere i sentimenti reciproci, questo atteggiamento perdura per tutta la durata della storia diventando forse un pò pesante. Georgiana alla fine per amore imbriglierà leggermente la propria personalità indomita, troverà dei giusti compromessi; Lucas invece farà molta più fatica a sciogliersi.

 

La sfiorò ovunque come per essere sicuro che fosse davvero viva, come se volesse assicurarsi di imprimere nella memoria quell’intimo momento. Le accarezzò i capelli, dipinse il nulla sulla sua schiena con le dita, le prese le mani contando le dita, la osservò da vicino quasi fosse un naturalista che aveva trovato un curioso insetto da classificare. Con il pollice le sfregò le labbra e gli zigomi. E poi la baciò infinite volte sulle mani, cosa che non aveva mai fatto prima in nessuna occasione. Dopo lunghi istanti passati così si abbandonò sul cuscino più vicino e si addormentò mentre le carezzava il dorso.

 

Il romanzo narra gli sviluppi delle vicende familiari di Georgiana e Lucas, specialmente di quelle personali dei due protagonisti. Le ambientazioni, gli usi e i costumi dell’epoca Regency sono descritti dall’aturice in modo molto accurato e preciso, rispecchiando l’originalità del tempo; emerge il grande lavoro di Deborah Begali per trasportarci in quel’epoca affascinante con autenticità. Le descrizioni sono molto dettagliate e molto interessanti, non appesantiscono per niente la narrazione, anzi stimolano la curiositàe  l’immaginazione di noi lettori. Questo romanzo, i suoi intrighi e i suoi personaggi mi hanno ricordato le magiche atmosfere di uno dei miei classici preferiti, l’intramontabile Orgoglio e pregiudizio ed uno dei primi grandi amori di una lettrice, Mr Darcy! Personalmente mi piacciono molto i romance storici, hanno quel fascino in più rispetto alle storie romantiche contemporanee, amo immergermi nelle atmosfere di altri tempi. Georgiana è un romanzo che sono stata veramente entusiasta di leggere, una storia ben scritta e molto coinvolgente.

Se siete curiosi di saperne di più #staytuned, conosceremo Deborah Begali e approfondiremo ulteriormente la sua storia attraverso una simpatica intervista!

 

 

May the Force be with you!
Precedente Inku Stories #9: Comic? Atsushi Kaneko extra works (Star Comics) Successivo Top of the month #6: I preferiti del mese di giugno di Sandy