Macchioline: Il grande Nate e la falsa pista (Il Barbagianni)

Anche oggi Il Grande Nate” di Marjorie Weinman Sharmat e Marc Simont è alle prese con un grosso caso, qualcuno cerca di incastrarlo in un’indagine impossibile, riusciranno i lettori de Il Barbagianni Editore a trovare la soluzione entro le 3?

Acquistali subito: Il grande Nate e la falsa pista”

Editore: Il Barbagianni
Autore: Marjorie Weinman Sharmat
Illustrazione: Marc Simont
Genere: Libri per bambini, Albo illustrato
Traduzione: Laura Bernaschi
Età: Dai 6 anni

Prezzo: € 10,00
Pagine: 60

Lavora da solo, ha un fiuto infallibile e una grande passione per i pancake: è Nate, il piccolo detective capace di risolvere ogni mistero gli capiti a tiro. In questa indagine, qualcuno proverà a portarlo fuori strada con un falso indizio, ma a Nate non sfugge niente e anche questa volta ne verrà a capo.

Dopo le sue prime indagini abbiamo iniziato a conoscere bene il grande piccolo Nate, un detective in miniatura che farebbe qualunque cosa per un soffice e caldo pancake, ma anche se non dovesse essere caldo andrebbe bene comunque. Ovviamente mangiare troppo non fa per niente bene alla linea e, si sa, i grandi detective sono tutti dei figurini, ed è proprio così che inizia la storia di oggi.

Dopo la consueta scorpacciata di pancake per colazione Nate e il suo fido compagno Fango decidono di fare una corsetta per smaltire i dolcetti di troppo, un po’ di esercizio fisico per stimolare la mente e sgranchirsi le gambe. Lungo il giro dell’isolato incontra tutti, ma proprio tutti, la sua amica Annie e il suo cane Zanna, Rosamond e i suoi gatti, e persino Finley e il suo amico Pip.

Una volta finito il giro dell’isolato però la fame si fa sentire ed è ora di tornare a casa per mettere sotto ai denti qualche pancake, ed è proprio qui vicino alla porta che il piccolo Nate trova un frammento di un biglietto con su scritto “VIT”.
Qualcuno aveva cercato di contattarlo ma poi aveva cambiato idea. Chi poteva essere stato? Era in pericolo? Che cosa c’era in ballo? Queste sono solo alcune delle domande a cui il piccolo grande Nate dovrà dare una risposta.

Anche questa volta Marjorie Weinman Sharmat è riuscita a rendere il suo piccolo protagonista una vera e propria star dell’investigazione, con i suoi ragionamenti sottili e il suo grande intuito come sempre Nate riesce a sbrogliare la matassa che gli viene posta davanti, ovviamente sempre armato di un pancake.

Come ho già detto la scorsa volta, il Grande Nate è un detective in miniatura che ama risolvere i casi più complessi che si presentano nel suo quartiere, dai disegni di cani smarriti fino a strani biglietti strappati, la sua immaginazione e il suo coraggio uniti con un intuito quasi animale rendono questo piccolo protagonista unico nel suo genere.

La penna dell’autrice è stata in grado di rendere noir una storia per bambini, inserendo nel racconto tutte quelle pause, sfaccettature ed elementi tipici di un genere solitamente riservato agli adulti, ma che si cala perfettamente nei panni di un mini detective alle prese con le più svariate avventure, proprio per dimostrare che usando la testa e un pizzico di fantasia è possibile venire a capo di qualsiasi problema e se ce la fa Nate, qualunque bambino può essere in grado di diventare il miglior detective del suo quartiere. 

Non posso garantire sul diventare un estimatore di pancake, purtroppo per questo serve il giusto palato, quello di Nate.

Il testo anche questa volta è accompagnato dalle illustrazioni di Marc Simont, disegni espressivi e semplici, dai colori sgargianti e quasi fluorescenti, di quelli che rimangono impressi nella memoria per giorni. Le sue linee scure accentuano il carattere noir della storia, soprattutto se contrapposti a questa particolare colorazione che sembra quasi rievocare le tinte particolari del genere riadattando tutto nel contesto dell’editoria per l’infanzia. 

Una falsa pista porta questa volta il piccolo detective sulle tracce di qualcuno che non si aspettava di trovare, uno strano invito si trasforma nella più divertente delle sfide, una di quelle che finisce con una scorpacciata di pancake.

Buona lettura!

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa de Il Barbagianni per la copia omaggio.

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Tea time: Torna il Missouri di Daniel Woodrell, Tomato red Successivo #proiettilidicarta: Nella tana di Michaela Kastel (Emons)