INK’S CORNER: Il giardino segreto di Fabio Pia Mancini

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Nuova settimana, nuovo classico a fumetto. Stagione dopo stagione la storia di Frances Hodgson Burnett, “Il giardino segreto”, prende di nuovo vita in questa versione a fumetti, firmata da Fabio Pia Mancini. 

Data di uscita: 26 Marzo

Acquistalo subito: Il giardino segreto

Editore: Piemme
Collana: I classici a fumetti del Battello a vapore
Dal libro di Frances Hodgson Burnett
Età di lettura: Dai 7 anni

Prezzo: € 10,00
Pagine: 50

Mary è appena arrivata dall’India nella brughiera inglese, è senza genitori e non conosce nessuno. Non è strano quindi che sia scorbutica e imbronciata: si annoia e non ha nulla da fare. È così che, anche se fa freddo e minaccia sempre pioggia, Mary comincia a esplorare i giardini che circondano la grande casa in cui vive. Fino a quando scopre un muro e una piccola porticina, chiusa a chiave… Grandi storie a fumetti per piccoli lettori.

Settimana scorsa vi avevo parlato de “Il meraviglioso mago di Oz” di Agnese Innocente, uno dei quattro classici a fumetti del Battello a Vapore, una delle storie che porto ancora oggi nel cuore. In questo lunedì freddo e grigio si scaglia con tutta la delicatezza possibile un nuovo classico, una lettura del tutto inedita per me che ancora non conoscevo il romanzo della scrittrice e commediografa britannica Frances Hodgson Burnett, Il giardino segreto, a cui Fabio Pia Mancini è riuscito a rendere omaggio con dei disegni spettacolari e una sceneggiatura che centra il suo bersaglio: mette in evidenza quello che è il cuore dell’opera e permettere così di scoprire un percorso di formazione e la storia di un amicizia che riesce a “guarire” i protagonisti.

È curiosa la storia dietro al romanzo perchè venne pubblicato a puntate sul The American Magazine a partire dal 1910, mostrando sin da subito le passioni dell’autrice, come il giardinaggio, elemento attorno al quale trasforma la sua opera in una storia di riscoperta, crescita e perchè no, di amicizia. 

Un giardino infatti diventa il luogo nel quale la protagonista, Mary, scopre qualcosa di nuovo in un momento particolare della sua vita. Dal suo trasferimento nella brughiera inglese si chiude in sè stessa, aggredendo chiunque osi ad avvicinarsi e mettendo una certa distanza tra lei il mondo, che però non si piega dinnanzi ai suoi ordini, anzi sembrerebbe l’opposto. Ogni domestico della villa infatti cerca di aiutarla, mai solo di accontentarla, facendole capire che non sono soltanto dei servi pronti ad ubbidire a testa bassa, ma delle persone, come ad esempio Martha, che sprona la ragazzina a godersi la bellezza del luogo dal tempo mutevole ed incerto, la stessa che grazie al fratello Dickon la aiutano ad aprirsi, a lasciarsi andare verso l’inesplorato territorio dove c’è un giardino nascosto, ormai morto.

Per Mary dare al giardino nuova vita diventa la sua missione e questo la porta a mettere da parte il malessere e tutte quelle brutte sensazioni che la facevano sentire arrabbiata tutto il tempo, sola e senza alcuna via di fuga. Prendersi cura del giardino in qualche modo le dona un po’ di pace ed equilibrio, sensazioni nuove che accantonano il suo ego e le permettono così di vedere cosa c’è attorno e soprattutto chi, stringendo così nuove amicizie e scoprendo un mistero celato a lungo tempo dalle mura della sua nuova casa.

Una serratura nascosta nella natura selvaggia è un portale verso un oasi dove i pensieri lasciano il posto alle sensazioni, un luogo in rovina che torna ad essere un piccolo angolo di paradiso grazie alle mani di chi si sente in rovina proprio come quel luogo, un’occasione di far rinascere due cose al prezzo di una. 

Fabio Pia Mancini con i suoi disegni è riuscito a rendere quasi oniriche le atmosfere racchiuse all’interno della storia, passando da una stagione all’altra da vita al giardino attraverso i colori che si accendono e sfumano via in ogni periodo dell’anno, mantenendo i suoi tratti leggeri e i colori delicati, ma allo stesso tempo capaci di donare carattere ai personaggi della storia.

Il giardino segreto è lo specchio dell’anima di Mary, che se curato a dovere e con amore può rinascere in tutto il suo splendore, guarendo le ferite dell’animo di chi vi si sofferma.

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Piemme per la copia omaggio.

 

May the Force be with you!
Precedente Due chiacchiere con… Francesco Gungui, autore de "Il meglio di noi" Successivo Let’s talk about: Un problema per Mac di Enrique Vila-Matas (Feltrinelli)