INK’S CORNER: Il muro – Homo homini lupus di M. Alberti e A. Charreyron

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Dall’idea di Antoine Charreyron nasce la nuova serie a fumetti di Mario Alberti. Oggi quindi parliamo del primo volume de “Il Muro” intitolato Homo homini lupus.

Data di uscita: 20 Maggio

Acquistalo subito: Il Muro Vol. 1

Editore: Star Comics
Genere: Star Comics presenta
Storia: Antoine Charreyron

Prezzo: € 13,90
Pagine: 48

Terra. Futuro prossimo. Una grande guerra tra le nazioni del Mondo per accaparrarsi le risorse naturali, combattuta a colpi di droni e armi di distruzione di massa. Il pianeta non è altro che un cumulo di macerie e cenere, da cui i sopravvissuti tentano di liberarsi. Tra loro, Solal, un orfano, esperto in meccanica, ha un unico obietivo: salvare Eva, la sua sorellina, dalla malattia cronica che la affligge. Ma le medicine sono a poco a poco sparite dalla superficie del globo, e per guarire rimane un’unica speranza: raggiungere ED3N, paradiso tecnologico in cui pare si siano rifugiati i più benestanti. Con il tempo, ED3N è diventato una leggenda da cui traggono vantaggio contrabbandieri e altri malviventi, che approfittano dei poveri disperati in cerca di aiuto promettendo loro di condurli fin lì. Ma chi parte per ED3N, di solito, non ritorna… Da un’idea di Antoine Charreyron, il fumetto firmato Mario Alberti.

Che cos’è un muro? È qualcosa che serve a difendersi o qualcosa che divide? Un muro può essere portante, una struttura imponente necessaria a sostenere interi edifici, ma in fondo non è altro che pietra e cemento. Per i protagonisti di questa surreale storia rappresenta la speranza di una vita migliore al di là di esso, un sogno che sembra irrealizzabile ma che allo stesso tempo è così vicino da sembrare reale.  

Purtroppo non sempre le speranze coincidono con la realtà, al di là del muro infatti c’è ED3N, un paradiso della tecnologia conosciuto da pochi e che col passare del tempo è diventato un mito, un ricordo sbiadito del mondo che esisteva un tempo. Oggi invece il mondo è in rovina, prosciugato di tutte le sue risorse e saccheggiato dai pochi superstiti, uno dei quali, Solal, cerca disperatamente delle medicine per curare sua sorella.

In una realtà devastata però è difficile trovare ciò che serve per sopravvivere figurarsi delle medicine, ogni cosa ha un prezzo e spesso bisogna pagare col sangue ed è proprio qui che ED3N diventa il faro della speranza per tutti coloro che sognano una vita tranquilla, fatta di pace e non più di saccheggi e morte.

Dall’idea di Antoine Charreyron, regista e scrittore francese, nasce la trilogia a fumetti firmata dalla abile mano di Mario Alberti, “Il muro”, che narra le vicende di un mondo alla fine dei suoi giorni, vessato da tutto ciò che incarna la cattiveria delle persone, una realtà in cui la propria sopravvivenza viene messa davanti a quella degli altri, ma soprattutto un luogo in cui non esiste legge se non quella del più forte.

In questo primo volume intitolato “Homo homini lupus” ci viene mostrata la vita umana nel suo stato più selvaggio, con un’intera specie costretta ad arrancare nel deserto, con la sola speranza di una vita migliore a mandarla avanti. A frapporsi fra il genere umano e la sua salvezza c’è il muro, quell’invalicabile confine protetto da pietra e metallo, un enorme barricata dietro alla quale si pensa ci siano la pace e la ricchezza.

Tavole di una cruda bellezza accompagno questa storia, arricchendola di dettagli e inquadrature che trasformano il fumetto quasi in un film. Il tratto di Alberti è molto espressivo, frutto di anni di esperienza in cui anche il colore ha la sua carica narrativa. I paesaggi che ci vengono mostrati in questo volume mozzano il fiato, resti di un mondo giunto all’apice del suo splendore e decaduto rovinosamente, nonostante la crudezza di queste scene non si può non ammirare incuriositi ogni vignetta.

Che cosa c’è al di là del muro spetta a voi scoprirlo in questo viaggio disperato in cui ci si gioca il tutto per tutto per raggiungere l’ED3N, un folle sogno per tanti, ma un bisogno per alcuni. La realtà non è mai stata così fragile ne “Il muro”, basta avvicinarsi per scoprire che il più piccolo movimento è in grado di far scoppiare la dolce e soave illusione di un domani migliore.

 

 

 

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Edizioni Star Comics per la copia omaggio.

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente A tu per tu con Marco Lazzarini Successivo Paper corn: Rampage - Furia animale di Brad Peyton (2018)