INK’S CORNER: Quantum & Woody. Nuova serie #1 (Star Comics)

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Oggi parliamo del ritorno esplosivo del duo di supereoi sgangherati, Quantum & Woody, che nel primo volume della nuova serie Valiant di Daniel Kibblesmith con i disegni di Kano, Francis Portela e Andrew Dalhouse, ci dimostrano che con questi due non si scherza.

Pagine: 128

Acquistalo subito: Quantum & Woody #1

Editore: Edizioni Star Comics
Collana: Valiant
Traduzione: F. Delle Rupi

Data di uscita: 17 Aprile
Prezzo: € 8,90

A volte accetti il tuo destino, altre volte… tu e il tuo fratello adottivo casinista vi trovate intrappolati in un laboratorio scientifico che sta per esplodere. E la deflagrazione vi conferisce dei superpoteri incredibili. Come conseguenza dell’incidente Eric e Woody (alias Quantum e Woody) devono battere insieme, con un klang, i loro bracciali ogni ventiquattro ore, per evitare di dissolversi nel nulla. Ed è piuttosto difficile, il lavoro di supereroe, se nemmeno parli con il tuo compagno. Ma vedete, Eric nasconde da sempre un segreto bello grosso: lui sa chi è in realtà il vero padre di Woody… e dove si nasconde da decenni.

È arrivato il momento di accendere il vecchio stereo e di inserire la cassetta con la vostra compilation preferita, non importa il genere o l’artista, ma deve dare la carica perchè con i protagonisti di oggi non ci si annoia mai, sono un po’ come quei tormentoni che prima si odiano ma poi finiscono per piacerci, per colpa del ritmo o del testo.

La storia di Quantum & Woody è curiosa. La serie è stata ideata da Christopher Priest e illustrata da M. D. Bright dal 1997 agli anni 2000, nel 2013 però il testimone passa a James Asmus e Tom Fowler fino al 2014, da quel momento passano tre anni prima ancora di poter rivedere il duo in azione. È nel 2017 infatti che Daniel Kibblesmith insieme a Kano riportano indietro i due fratelli, dando vita a nuove storie.

Per la collana Valiant di Edizioni Star Comics il 17 aprile è uscito il primo volume della nuova serie di “Quantum & Woody”, che da nuovamente il via alle avventure di questi due fratelli adottivi diversi fra di loro, uno più testardo dell’altro, ma entrambi camminano sul filo del rasoio in quanto se non fanno “Klang” rischiano di disperdersi in atomi per sempre. 

La particolarità di questi due fratelli quantistici, oltre ai loro poteri, sta nel fatto che nonostante le loro vite siano poco tranquille, passano il tempo a litigare proprio come farebbero due fratelli normali, a volte per sciocchezze, altre per cose più importanti, sta di fatto che a Washington sono delle vere e proprie leggende o meglio… lo erano. Eric in arte Quantum e Woody Henderson sono fratelli adottivi che hanno una vita difficile, sanno che al contrario delle altre persone la famiglia è l’unica su cui si potrà sempre contare e sebbene il loro problema principale sia la comunicazione, danno sempre spettacolo anche quando sono in missione, esagerando e rischiando di fare del male agli sfortunati che si trovano sul loro camino.

È chiaro che l’idea dell’eroe deriva prevalentemente da Quantum, infatti basta vedere il suo costume per capire quanto prenda sul serio il lavoro al contrario del fratello, Woody, che prende le cose con leggerezza e in maniera superficiale, parlando fin troppo e rischiando di passare informazioni al nemico. Come se non bastasse è ingenuo e sebbene sia un adulto crede ancora fermamente di essere un ragazzino al passo con le tendenze e soprattutto con la tecnologia, ma sono i suoi poteri a colpire chi legge oltre al suo essere bizzarro.

Quantum invece è più serio, forse fin troppo, ed è questo che innesca il conflitto, il suo voler essere quasi una figura paterna per il fratello, suo unico vero amico da quando è stato adottato dalla sua famiglia e sebbene non avessero mai avuto molto gli Henderson, avevano la famiglia, i giochi da tavola, ma per Woody abituato a muoversi con leggerezza ma con il tatto da elefante, queste sono cose che impara ad apprezzare quando rischia di perderle. 

Tra presente e passato vediamo un duo di supereroi sgangherati prendere vita con delle tavole dinamiche, che bucano la dimensione di carta e sembrano voler uscire, superare il confine fra finzione e realtà, con colori accesi, sgargianti, che ricordano un po’ lo spirito degli anni ’90, ma soprattutto con dei dialoghi efficaci e suddivisione delle vignette, a volte grafica, altre più casuale, che rende visivamente il dinamismo di questo duo di eroi.

La storia invece è complessa. Si entra nel suo meccanismo poco a poco e si affonda nella vita disastrata di questi due fratelli, della loro capra “paterna” e le loro disavventure come eroi, ingaggiati dagli stessi nemici che devono combattere, in un continuo susseguirsi di paradossi, azione e umorismo. 

Ero affascinata dalla serie prima ancora di poterne avere un assaggio perchè a colpirmi è stato proprio il fatto che si trattava di due personaggi tanto simili quanto opposti nel modo di esprimersi, ma soprattutto perchè speravo di ridere e di avere tra le mani qualcosa di unico nel suo genere in grado di risollevarmi il morale. Così è stato. Questa è un’altra serie Valiant che non vedo l’ora di proseguire, sia per scoprire come andranno a finire le disavventure degli Henderson ma anche perchè sono curiosa di assistere al nuovo sviluppo della storia.

⚜ Fumetti Simili: Deadpool
⚜ Reazione post lettura: È ora di fare klang.
⚜ Pagine lette: 128
⚜ Da consumarsi preferibilmente: Subito, non è possibile resistere al fascino di questo duo sfortunato.

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Edizioni Star Comics per la copia omaggio.

 

May the Force be with you!
Precedente The Whispering room: Uropia, il protocollo Maynards di Pietro Bargagli Stoffi Successivo Un libro per due: I gemelli di Piolenc di Sandrine Destombes (Rizzoli)