INK’S CORNER: Warrior Cats. L’avventura di Strisciagrigia (Sonda)

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Per i fan dei Warrior Cats arriva oggi in libreria il primo volume di storie inedite a fumetti della serie felina di Erin Hunter. A portarlo in Italia da noi è Edizioni Sonda con la traduzione di Maria Teresa Sirna.

Data di uscita: 18 Giugno

Acquistalo subito: L’avventura di Strisciagrigia

Editore: Sonda
Genere: Fumetto
Creato da: Erin Hunter
Storia: Dan Jolley
Illustrazione: James L. Barry
Traduzione: Maria Teresa Sirna
Età: Dai 9 anni

Prezzo: € 18,00
Pagine: 272

StrisciaGrigia è stato rapito dai Bipedi. Insieme alla coraggiosa micia domestica Milly, vivrà un’avventura adrenalinica, per ritornare nel Clan del Tuono e alla libertà.
I lettori potranno conoscere il destino di StrisciaGrigia, il personaggio più amato della saga, che Erin Hunter non ha mai svelato nei romanzi!     
La storia è autoconclusiva, godibilissima anche per chi si approccia alla serie per la prima volta.

Arrivano oggi in tutte le librerie le avventure dei Warrior Cats, la saga fantasy firmata dal collettivo di autrici Erin Hunter, ma questa volta non si tratta di libri in prosa bensì del primo volume a fumetti della serie. Disegnato da James L. Barry e scritto da Dan Jolley, il fumetto segue da vicino Strisciagrigia, vice-capo del Clan del Tuono, un gatto particolarmente coraggioso che viene adottato da una famiglia di bipedi.

La vita da animale domestico gli calza a malapena, lui è un gatto guerriero, cerca sempre nuove avventure, nuovi nemici da abbattere e nuovi tesori da conquistare. Senza il suo clan è disperato, non sa davvero cosa fare. Il nuovo quartiere è un territorio diverso, pieno di nuove sfide e nuove “quest”, tutte cose che il nostro amico felino deve affrontare per potersi ricongiungere con il suo gruppo.

Ogni giorno cerca di ritornare nella foresta, ma le sfide che si ritrova dinnanzi lo portano a rimandare la partenza. Gli odori, gli umani e le piccole liti di quartiere lo allontanano dai suoi doveri di vice, mentre i sogni raccontano tutta un’altra storia, il suo cuore è lontano dal mondo degli umani e bramoso di rivedere coloro che ha perduto e che potrebbe perdere se non li raggiunge. In questo viavai di emozioni contrastanti e forti l’unica certezza è la sua amica Milly, la sola in grado di calmare il suo animo irrequieto.

Con lei Strisciagrigia ha un piccolo assaggio della sua vecchia vita, libera e selvaggia, dove non deve rendere conto di niente a nessuno, dove tutto il tempo del mondo gli appartiene e il limite è il cielo, il regno del Clan delle stelle. Accompagnato da Milly, Strisciagrigia , si avventura in territori sconosciuti, talvolta popolati da bipedi e altri animali, per ritrovare la via di casa.

Per Strisciagrigia questo è un viaggio rappresenta l’opportunità per venire a capo di tutti i suoi conflitti interiori, per riuscire una volta per tutte a superare il rimorso per ciò che ha perso, tornando ad essere il felino che era un tempo. 

La realtà viene filtrata attraverso gli occhi dei felini, ogni cosa viene misurata sulla loro statura e sulla loro percezione del nostro mondo che cambia a seconda di ciò che i protagonisti vivono sulla loro pelliccia, un’auto diventa un mostro, un vicolo sembra quasi un dungeon, un umano un gigante pronto ad attaccare e in alcuni casi, la sopravvivenza non è scontata. 

L’ambiente circostante cambia, più i due vanno avanti e più ci si rende conto di come la mano dell’uomo distrugga tutto ciò che si trova sul suo cammino, la natura è costretta a tornare sui suoi passi e lasciare spazio al progresso, una macchina di innovazione e distruzione. 

Le tavole a colori sono vivaci e il tratto è spontaneo, qualcosa che ricorda i cartoni animati a cui siamo stati abituati da bambini e che in un certo senso rievoca anche negli adulti quella nostalgia dei tempi in cui era facile volare con la fantasia. 

Warrior Cats. L’avventura di Strisciagrigia senza dubbio raccoglie in se tutti gli elementi del fantasy, partendo dai terribili “mostri” che si incontrano lungo il viaggio fino ad arrivare alle trappole e gli incidenti di percorso, persino il suo obiettivo rende questa storia un’intrigante avventura per i più piccoli e una lettura estiva perfetta da portare sotto l’ombrellone.

«Non sono un micio domestico. Ma non mi sento più neanche un guerriero. più che altro mi sento… solo».

 

 

 

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Edizioni Sonda per la copia omaggio.

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente La strada di casa di Kent Haruf | Recensione di Deborah Successivo Close-Up #35: La casa degli uccelli di Laura Bosio e Bruno Nacci