Inku Stories #10: Maria Antonietta di Fuyumi Soryo (Star Comics)

Instagram: @stambergadinchiostro | @carlo.salvato

Acquistalo subito: Maria Antonietta – La gioventù di una regina


Autore: Fuyumi Soryo
Editore: Star Comics
Data di uscita:  2018
Prezzo: € 7,00
Pagine: 208

Un pregevole volume unico firmato Fuyumi Soryo, dedicato a una delle figure più popolari della storia moderna: sua maestà Maria Antonietta. Con l’accuratezza filologica che contraddistingue i suoi lavori, come l’acclamato Cesare – Il creatore che ha distrutto, la maestra Soryo approfondisce uno spaccato inedito e poco raccontato della vita della più chiacchierata sovrana di Francia: l’infanzia e gli anni giovanili che precedono il suo matrimonio con il futuro re Luigi XVI. Caratterizzata da un eccezionale comparto grafico, frutto di una certosina ricostruzione degli ambienti e dei costumi d’epoca realizzata in collaborazione con il Castello di Versailles, l’opera restituisce realtà storica all’esperienza umana di una ragazza destinata a diventare la più famosa e “maledetta” regina di Francia.

Bentornati sulla Stamberga, oggi vi parlo di un manga che ha attirato la mia attenzione, Maria Antonietta – La gioventù di una regina, di Fuyumi Soryo, pubblicato da Edizioni Star Comics.

Torno da voi dopo una lunga pausa estiva durante la quale ho ricaricato un po’ le batterie ho avuto modo di visitare anche la fiera dedicata ai fumetti che si tiene a Rimini, il Riminicomix.

Ma bando ai convenevoli e tuffiamoci subito nel manga di Fuyumi Soryo, autrice che conosco bene grazie alla sua precedente opera Cesare – Il creatore che ha distrutto, anche questa pubblicata da Star Comics.
L’autrice ha una vera e propria passione per la storia e lo dimostra con i fatti, trasportandoci letteralmente indietro nel tempo nel tentativo (riuscitissimo) di ricreare le vite dei personaggi storici che prende di mira. Questa volta è toccato a Maria Antonietta, celebre moglie di Luigi XVI, una donna forte ed intelligente, una combattente che cerca di raccapezzarsi in un mondo diverso dal suo.

Nel caso di Cesare Borgia l’autrice ci ha raccontato la vita di un uomo che ha quasi unificato l’Italia sotto un unico potere, un uomo forte e deciso nelle sue azioni, dotato di grande intelletto e della capacità di soggiogare gli altri con il suo immenso carisma, una vera e propria figura di potere assoluto che ha attraversato la storia.
Nel caso di Maria Antonietta invece ci troviamo di fronte a qualcosa di totalmente opposto, la protagonista è una ragazza di soli quattordici anni, insicura e piena di domande riguardo il mondo che sta per scontrarsi con il suo, la corte di Versailles. In Austria la protagonista era abituata a vivere secondo i canoni di una famiglia reale, essendo figlia di una regina, ma niente l’aveva preparata alla totale assurdità della corte reale francese, il simbolo del lusso sfrenato e degli eccessi nel mondo dell’epoca.

Il suo matrimonio combinato è solo la prima delle regole a cui Maria Antonietta deve sottostare, strappata alle sue radici per convenienza, costretta a cambiare il suo nome rinunciando completamente a ciò che era prima.
Questo è il primo passo che compie la futura Delfina di Francia nel prendere come suo sposo il principe Augusto, un ragazzo che sembra già proiettato verso il suo futuro da re, un uomo combattuto fra la follia della sua corte e la razionalità del suo pensiero.
Questi sono i decenni che precedono la terribile rivoluzione francese, la stessa in cui Luigi XVI troverà la morte per decapitazione e la situazione appare subito chiara agli occhi dei lettori quando L’attuale re, Luigi XV, decide di non curarsi dei problemi del suo popolo che muore di fame e dell’economia che va a rotoli, mentre preferisce curarsi dello sfarzo degli abiti della sua amante ufficiale.

Maria Antonietta si trova a fronteggiare la follia di una corte in cui i regnanti non sono persone, ma dei in carne ed ossa, talmente tronfi e convinti di detenere un potere di origine divina da avere scordato cosa voglia dire raccogliere un ventaglio caduto a terra.
Una regnante non può chinarsi mai a terra o abbassarsi, quello è compito dei servi, inoltre non può farsi vedere da due differenti ospiti con lo stesso abito perchè deve indossarne uno diverso per ogni occasione. Non c’è limite al potere e alla soggezione che esercitano i reali a Versailles, ma allo stesso tempo la protagonista si ritrova bloccata fra un potere che le permette di ottenere tutto e una condizione che non la lascia libera di fare nulla, ovvero essere una donna. Tutto ciò che le era concesso fare era dedicarsi al pettegolezzo con le sciocche zie zitelle del principe. Non le era concesso fare altro oltre le chiacchiere la lettura ed il thè.

Ovviamente Maria Antonietta era una donna austriaca, abituata a vivere in una corte in cui i regnanti non sono esseri divini ma solo uomini da rispettare e temere, quindi non si faceva certo fermare dalle sciocche regole imposte da una corte di pusillanimi, invece si dimostra sempre intelligente e determinata sebbene le sue insicurezze non la aiutino.

Questo è il ritratto che ci fa Fuyumi Soryo della Delfina di Francia, il ritratto di una donna che ha lottato senza armi contro il giudizio di una corte fatta di pettegolezzi e lussi sfrenati ma che dietro i drappi e gli ornamenti non nasconde alcuna sostanza.
Come sempre questa autrice è capace di raccontare la storia in maniera umana mostrandoci ciò che i libri di storia non raccontano, ovvero le persone che si nascondono dietro i nomi che hanno letteralmente contribuito ad intessere l’intricata trama del nostro passato.
Come è stato per Cesare anche questo volume unico mostra la cura nei dettagli che l’autrice e l’editore riservano ai propri lettori, a partire dalla magnifica copertina che è stata realizzata per questa opera, finendo con la dettagliata raccolta di informazioni storiche aggiunte alla fine del volume, un piccolo extra che dimostra appieno la forza di questa autrice e la sua determinazione nel regalarci sempre qualcosa di approfondito e ben fatto, nonché una testimonianza del grande lavoro di ricerca che si cela dietro questo manga, un piccolo capolavoro da non perdere.

Buona lettura!

Acquistalo subito: Maria Antonietta – La gioventù di una regina

Manga Simili: Cesare – Il creatore che ha distrutto
⚜ Reazione post lettura: Grande ammirazione per l’autrice
⚜ Pagine lette: 208
⚜ Da consumarsi preferibilmente: In ogni momento!

May the Force be with you!
Precedente Let’s talk about: Iano. L'orco della palude di Luigi Monfredini (Leone Editore) Successivo Showtime: On the line. Every day. – 9-1-1 (Fox)