Inku Stories #1: The Empire of Corpses (Star Comics)

Instagram: @carlo.salvato | @stambergadinchiostro

Shisha no Teikoku

Acquistalo subito: The empire of corpses vol. 1

Titolo originale: Shisha no Teikoku
Editore: Star Comics

Data di uscita:  2016
Prezzo: € 5,90
Pagine: 176

In un XIX secolo dalle atmosfere steampunk è stata scoperta una tecnologia grazie alla quale è possibile riportare in vita i morti, infondendo in loro una sorta di “anima” artificiale. I cadaveri vengono impiegati nei più svariati compiti per fini industriali e bellici…

John Watson, un brillante studente di medicina, diventa una spia dell’Impero britannico e si trova invischiato in una pericolosa missione nelle lontane terre afgane. Ciò che cerca sono i ventuno grammi di un’anima…

 

Bentornati sulla stamberga, oggi inauguriamo la nostra nuova rubrica dedicata ai manga, Inku Stories e questa volta ci occupiamo di The empire of corpses, scritto da Project Itoh e Toh EnJoe e disegnato da Tomoyuki Hino, pubblicato da Edizioni Star Comics.

Questa miniserie ci porta in un XIX secolo alternativo, nel quale il mondo ha fatto una scoperta innovativa che permette agli esseri umani di riportare in vita i defunti, anche se privi di un’anima che dia loro emozioni o altri stimoli vitali.
In questa realtà il dottor Viktor Frankenstein è riuscito a creare una vita umana dal nulla, dando alla luce un mostro chiamato The One, il primo cadavere rianimato e l’unico a possedere un’anima propria. In seguito ad una terribile caccia sia il dottore che la creatura trovarono la morte al Polo Nord, distruggendo per sempre la possibilità di creare nuovamente un cadavere con un’anima come The One.

Alcuni anni dopo questi avvenimenti troviamo il nostro protagonista, il dottor Watson, il secondo miglior studente di medicina di Londra, assieme a Friday, il suo personale cadavere rianimato, pronti a portare a termine una missione per la società segreta per cui lavorano, la Walsingham, diretta da M, un misterioso uomo geniale, e dal suo braccio “armato” Abraham Van Helsing.

In seguito ad un attacco di un cadavere bomba il dottor Watson fa la conoscenza del suo compagno di viaggio (e guardia del corpo) per questa avventura, il capitano Burnaby, un ufficiale dell’esercito britannico che lavora per la Walsingham.

Il loro compito è uno ed uno soltanto, recuperare il diario del dottor Viktor Frankenstein, che si riteneva fosse andato perduto al polo Nord, riportando alla luce il segreto per riportare l’anima nei corpi dei morti.

Queste sono le basi di un manga tanto breve quanto eccezionale, che mi ha catturato senza farmi scollare gli occhi dalle pagine. In soli tre volumi questo piccolo capolavoro ci porta alla scoperta di un mondo in cui i cadaveri vengono riportati in vita per poter essere d’aiuto al genere umano nelle mansioni più faticose ed umili, infatti i corpi rianimati non sentono freddo o dolore e basta pochissimo cibo a mantenerli in forze per il lavoro.

Ovviamente questo sconvolgimento ha portato ad una crisi profonda, e molti uomini si sono ritrovati a non avere più lavoro a causa dei cadaveri che lavorano senza sosta con una minor spesa, automatizzando il lavoro senza mai ribellarsi.
Questa è senza dubbio una società vittoriana cannibalizzata da una tecnologia necrofila che impedisce ai morti di riposare in pace, portandoli indietro per sopperire ai bisogni dell’umanità, lavorando e combattendo al posto delle persone vive.

Purtroppo però, come accade sempre, dietro all’oro si nasconde sempre un terribile drago avido di ricchezze e potere e questo è proprio ciò che accade anche qui. Il titolo lo dice chiaramente, “The empire of corpses”, “l’impero dei corpi”, un tentativo disumano di cadaverizzare l’umanità per liberarla dal fardello della vita, il piano diabolico di un vero e proprio folle.

Una cosa che non vi ho ancora detto è che questo manga è ricco di colpi di scena che stravolgono la trama ad ogni passo, incuriosendo il lettore e tessendo una tela di indizi che portano a certe conclusioni solo per poi smontarle nuovamente e trovarne delle altre, incredibili e sconcertanti!
Ebbene si, la mia lettura è stata costellata di “ah-ha! Lo sapevo io” seguiti da “ah, ne avessi azzeccata una!”. Questo però è proprio ciò che mi piace trovare in un manga, l’imprevedibilità di ciò che sta per accadere e in questo caso gli autori hanno fatto centro.

Un ulteriore punto a favore dell’opera è sicuramente il fatto che al suo interno una serie di personaggi noti fanno capolino in diverse occasioni, da Van Helsing a Frankenstein, Thomas Edison e persino il mitico Nautilus! Tutte queste citazioni storiche e letterarie hanno reso queste vicende credibili e realistiche in un certo senso, trasformando l’epoca vittoriana in un Impero steampunk dei cadaveri.

Ormai vi starete chiedendo “Come è possibile che i cadaveri tornino in vita? Thomas Edison li ha fulminati tutti?”, e la mia risposta è no, non fulmina proprio nessuno (per fortuna).
Il processo per riportare in vita un corpo è un complesso meccanismo digitale che si avvale di un software, il Necroware, che hackera la morte di un corpo, stimolando il suo sistema nervoso centrale per riportarlo in vita. Attraverso questo sistema i cadaveri possono assumere diverse mansioni. Esistono infatti cadaveri lavoratori, i soldati, i kamikaze, come vi ho anticipato, e persino i segretari, come il cadavere del dottor Watson, Friday.

Friday però differisce da tutti i suoi simili, perché al contrario degli altri è stato creato “illegalmente” dal dottor Watson nel tentativo di riportare in vita il suo migliore amico, fallendo miseramente nel suo tentativo di riportare indietro la sua anima. Così parte alla ricerca del diario di Frankenstein per conto della Walsingham, sperando di poter giocare ancora a scacchi col suo vecchio amico Friday.

Questo ovviamente è solo un accenno di cosa vi attende se deciderete di leggere The empire of corpses e spero che lo facciate, perché ne vale veramente la pena.
Proprio ieri è uscito in libreria, fumetteria e su amazon l’ultimo dei tre volumi che compongono la serie, quindi non vi resta che acquistarlo e iniziare questa lettura, fra un mare di cadaveri rianimati e intrighi vittoriani.
Non mi resta che augurarvi buona lettura!
Manga Consigliati: D.Gray-Man
⚜ Reazione post lettura: Wow!
⚜ Pagine lette: 457
⚜ Da consumarsi preferibilmente entro: IMMEDIATAMENTE!!!!!!!!

May the Force be with you!
Precedente Let’s talk about: Lucky Supreme di Jeff Johnson Successivo Chi cerca trova – Day #29: Levate il segnalibro! Tutti in copertina!