Pensieri di china #10: Jackson Pollock – Dripping Dance

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Il protagonista di oggi è il libro per bambini di Federica Chezzi e Angela Partenza, “Jackson Pollock – Dripping Dance”, illustrato da Daniela Goffredo e pubblicato da Maria Pacini Fazzi e Fondazione Ragghianti.

Data di uscita: Ottobre

Acquistalo subito: Jackson Pollock – Dripping Dance

Editore: Maria Pacini Fazzi, Fondazione Ragghianti
Collana: ALT! Arte Libera Tutti
Autrici: Federica Chezzi, Angela Partenza
Illustrazione: Daniela Goffredo 
Età: Da 6 anni
Prezzo: € 14,00 | Pagine: 52

È il racconto appassionante di un tormentato quanto geniale ragazzino che, nato nel desolato Wyoming, arriva a conquistare  New York, diventando uno degli artisti più originali e amati di tutti i tempi.
«Caro Charles, i miei disegni francamente non valgono niente! Nemmeno il francobollo per spedirli!». Siamo nel 1930 e  Jackson Pollock, appena diciottenne, ha un diavolo per capello: non riesce a trovare un disegno soddisfacente da  mandare al fratello Charles. Inizia così il racconto sull’artista più rivoluzionario del Novecento statunitense, dall’infanzia  nel Far West fino all’arrivo a New York. Intuizioni, pensieri ingarbugliati e ricordi lo guideranno alla scoperta di un’arte  completamente nuova, dove il groviglio si fa materia e i colori danzano al ritmo del jazz. Nel 1947 Jackson Pollock  presenta al pubblico qualcosa di mai visto prima…

Possiamo definire il protagonista di oggi un libro interattivo, in qualche modo, una sorta di storia che parla con il lettore, lo porta a scoprire qualcosa di complesso e allo stesso tempo fantasioso, un tassello della collana ALT! Arte Libera Tutti di Maria Pacini Fazzi e Fondazione Ragghianti, un progetto intento ad avvicinare i piccoli lettori al mondo dell’arte moderna e contemporanea. In questo volume in particolare si parla di Jackson Pollock, una figura complessa che viene raccontata da Federica Chezzi e Angela Partenza in maniera suggestiva, quasi come se fosse una filastrocca, fatta apposta per rimanere impressa nella mente dei bambini.

“Jackson Pollock – Dripping Dance” è un viaggio alla scoperta di una tecnica pittorica unica nel suo genere, dove il colore si unisce ai gesti, dove il pennello diventa un’estensione del braccio dell’artista, creando la cosiddetta “action painting”. Questa è una tecnica estremamente espressiva, prima di tutto perché mette in mostra ogni sentimento dell’artista e lo imprime sulla tela, ogni schizzo dimostra la rabbia, la frustrazione o la gioia di chi impugna il pennello, sembra quasi di poter vedere il braccio muoversi guardando le tracce che lascia.

I disegni di Daniela Goffredo rappresentano appieno l’essenza di questa arte, trasformando l’artista in un ballerino, qualcuno che fa del movimento il suo pennello, sfruttando colori accesi e contrastanti fra loro, gli stessi tipici di quei quadri che ci hanno tanto affascinato. Queste bellissime illustrazioni incorniciano dieci fra le più famose opere di Pollock, scortandoci attraverso la loro realizzazione e in particolar modo attraverso la vita del pittore, un mix che si amalgama perfettamente creando un’esperienza fruibile e divertente. 

La vita di Jackson Pollock non è mai stata semplice, a partire dalla psicoanalisi fino alla sua tragica conclusione questo artista ha sempre dimostrato di essere capace di esprimere tutto se stesso, ogni stato d’animo e ogni “incubo”, era uno di quei pittori “maledetti”, tormentato dalla sua mente complessa e dalle sue visioni, che solo attraverso l’arte è riuscito a incanalare verso qualcosa di positivo. 

Per questo motivo raccontare una figura di così grande spessore ai bambini è fare un tuffo in un mare oscuro, fatto di visioni grottesche e movimenti secchi, decisi, un mondo totalmente distante da quello fiabesco a cui sono spesso abituati i più piccoli, ma allo stesso tempo vuol dire metterli in contatto con un’arte che in qualche modo fa un passo indietro, fa tornare il pittore un bambino, quasi come se dovesse dipingere con le dita, senza pensare e senza esitare, un collegamento estremamente importante fra un grande artista e ogni bambino,

Il progetto di Federica Chezzi e Angela Partenza si è rivelato vincente, un’idea innovativa per avvicinare i più piccoli a qualcosa di così vasto e complesso che un volume come questo viene raccontato con semplicità, invogliando i bambini a scoprire qualcosa in più su Pollock, sulle sue opere ma soprattutto li invoglia a riflettere sullo stesso mondo dell’arte, mettendoli di fronte a domande, immagini e curiosità quasi come se fosse una piccola caccia al tesoro.

Questo volume, come tutta la collana, è dedicato alla didattica dell’arte e proprio come in una mostra si ripropone di insegnare a comprendere l’arte attraverso un percorso interattivo e divertente, un piccolo viaggio che alla fine del percorso riempie il nostro bagaglio culturale di tante nuove informazioni, ispirazioni e curiosità, una cosa che solitamente si vive proprio nei musei, ma che in questo particolare periodo è impossibile da riproporre se non in questo modo, così anche i più piccoli possono visitare la loro mostra da casa in maniera intelligente e creativa.

“Pollock, nella sua danza, entra dentro la tela e gli oggetti che ha in tasca cadono, uno dopo l’altro, nel profondo del mare”.

 

 

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Fondazione Ragghianti per la copia omaggio.

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Paper Corn: Nei panni di una principessa di Michael Rohl (2018) Successivo Tea time: Torna il Missouri di Daniel Woodrell, Tomato red