La bellezza rimasta di Roberta Zanzonico | Recensione di Deborah

Roberta Zanzonico è nata a Velletri nel 1986 ed è una psichiatria originaria di Rocca Di Papa (Roma). Consegue la specializzazione in Psichiatria a Boston, dopo un periodo di ricerca al Massachusetts General Hospital/ Harvard Medical School. Completa una fellowship in teoria psicoanalitica nel 2017. Dal 2020, è Clinical Instructor presso la UCLA. Nel 2019, pubblica il suo primo romanzo con Edizioni Ensemble: “Blu Stanzessere”. Per Edizioni Ensemble, pubblica due racconti: Agnese e l’Azione (2020) e El Niño (2021). Vive tra Roma e Los Angeles.

 

Ho capito che era quello l’amore: il connubio di due solitudini specchiate. Ho pensato che innamorarsi significasse trovare quella persona che conosca già la nostra stessa solitudine. E saperla perdonare per tutto quello che non riuscirà a offrire, con gentilezza però. Ho capito la gentilezza.

 

Editore: Morellini Editore
Data di uscita: 4 novembre 2022
Pagine: 143
Prezzo: 14.90

Chiara è una donna anziana che da ormai dieci anni vive nel passato poiché afflitta da una malattia che non le permette più di formare nuovi ricordi. Una condizione singolare, con un risvolto inatteso: permette, a chi parla con la signora Chiara, di tornare indietro a un momento nel tempo in cui la vita era sembrata gentile. La donna non ricorda, per esempio, che Gioacchino, l’unico figlio del signor Morbidelli, è guercio poiché ha perso il senno e in un episodio psicotico si è strappato via un occhio. Giacché la signora Chiara ignora il presente, continua a chiedere al padre di quel figlio bello di pochi anni prima. Mentre la gente del paese sogghigna alla vista del signor Morbidelli, la donna è l’unica a riservargli la stessa cortesia di una volta. Sarà così che l’uomo si troverà a cercare la smemorata nella speranza di rivivere attraverso lei i giorni andati. A uno a uno, gli abitanti del paesino si siederanno al tavolo della signora Chiara per ricevere la stessa consolazione: tornare indietro a quando si era (o si pensava di essere) felici.

 

Oggi in tutte le librerie arriva il nuovo romanzo di Roberta Zanzonico, La bellezza rimasta per me è stata una bellissima scoperta, un romanzo tenero e malinconico che mi ha fatto desiderare di conoscere realmente la signora Chiara per rifugiarmi un pochino nel passato tra le braccia dei nonni.

Appena ho letto la trama di questo romanzo sono rimasta affascinata, ero certa che avrei amato questa lettura infatti il mio istinto non ha sbagliato, amo i libri nei quali abbiamo come protagonisti personaggi anziani, mi piace essere immersa nei loro ricordi e sbirciare una realtà che non sarà mai la mia. Sono affascinata dal passato e dalle ambientazioni agresti, adoro immergermi nei piccoli paesi di provincia che costituiscono un microcosmo unico, sono stata felicissima di aver trovato tutti questi elementi che adoro in La bellezza rimasta.

Roberta Zanzonico dà vita a una storia tenera e malinconica in cui è annidata tanta tristezza e sofferenza, le persone che incrociamo in questo cammino vedono nel passato l’unica possibilità di tornare a essere felici, proprio come lo sono stati in quei frangenti ormai lontani. Mi sono molto emozionata a conoscere le diverse storie dei compaesani della protagonista, anche io se avessi la possibilità di conoscere la signora Chiara una fuga nel passato la farei volentieri.

La voce di Roberta Zanzonico mi è piaciuta tantissimo, lo stile di scrittura dell’autrice è melodioso e delicato, ma allo stesso tempo deciso e senza fronzoli, c’è tanta dolcezza e altrettanta crudeltà nella pagine di questo bellissimo romanzo.

 

 

Protagonista del romanzo è la signora Chiara, una donna anziana che ormai da dieci anni vive nel passato, la sua mente non le permette di creare nuovi ricordi e vivere nel presente, così rimane confinata nel suo mondo di aspettative e sofferenza. La signora Chiara non ha perso la speranza in una vita migliore, più felice, senza il marito dal quale non è stata mai veramente amata ma abbandonata a sé stessa. La vita della signora Chiara non è stata di certo semplice, continuamente tradita in nome di una donna fumosa che il marito non è mai riuscito a dimenticare; ora la sua mente è in bilico tra la voglia di inseguire un sogno e l’appartenenza a un senso del dovere.

In tutto questo alcuni dei suoi concittadini trovano in lei un modo per rivivere il passato, per tornare a giorni più o meno sereni, contrariamente al presente. È così che il signor Morbidelli riesce a essere fiero, orgoglioso e pieno di aspettative verso Gioacchino, il proprio figlio guercio che a causa della perdita del senno si è cavato l’occhio; la vedova Rinaldi ripercorre i giorni del proprio matrimonio in cui il marito le faceva doni ed era all’oscuro dei suoi continui tradimenti. Altri compaesani, come loro, si sono rivolti alla signora Chiara per crogiolarsi nel passato, così la protagonista si è ritrovata improvvisamente a essere un po’ meno sola grazie alle continue visite, anche se purtroppo questa ricerca morbosa di ricreare un passato che non potrà mai più essere si è ritorno contro le persone e anche contro l’ignara signora Chiara.

La bellezza rimasta di Roberta Zanzonico è un romanzo davvero molto bello, è una storia emozionante che spinge a riflettere, è un invito a guardarsi intorno ed essere felice per ciò che abbiamo e non a essere tristi per quello che non abbiamo più. Una vera piccola perla da non perdere!

 

 

 

 

 

 

 

 

Desclaimer: si ringrazia Ermes Ufficio Stampa per la copia omaggio

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente The Whispering Room: Milano. Il mondo non cambia di Thomas Melis Successivo A caccia con Lea – Pancia in dentro e naso in fuori: Missione #116