La cuccia di Lea: La ragazza nella torre di Katherine Arden

Ciao a tutti mi chiamo Lea, sono una cagnolina frizzante e molto vivace! Mi piace uscire e fare lunghe passeggiate, ma non quando fa troppo freddo e neanche troppo caldo; amo andare a correre nei campi e inseguire i leprotti, sono velocissimi e non riesco mai a giocare con nessuno di loro, non avranno mica paura di me?
Vi ospiterò ogni tanto nella mia “cuccia”, perché se ci siete voi, io posso dormire nel letto con la mia mamma! Vi racconterò di cosa giace sul nostro comodino, perché c’è sempre un libro che mi “ruba” la mamma per un pò di tempo, ma io riesco sempre a farmi accarezzare anche se la costringo a fare qualche acrobazia per leggere e coccolarmi contemporaneamente!

 

Cari lettori bentornati nella mia cuccia! Vi siete chiesti dove fossi sparita? Sempre al fianco della mia mamma a scorrazzare insieme per i parchi e i campi del nostro piccolo paesino anche se in questo periodo di freddo e buio sono molto pigra, molte volte scappo subito a casa per schiacciare un pisolino sulla mia copertina preferita! La mia mamma si arrabbia un pochino se torniamo a casa subito subito, troviamo però un buon compromesso per un giretto piccolo e se mi comporto bene riesco anche ad ottenere un gustoso biscottino! In questo ultimo periodo non ho letto moltissimo con la mia mamma perché abbiamo incontrato romanzi davvero pesanti per me, libri che hanno messo anche lei in difficoltà con la lettura, ma per fortuna sembra che sia arrivata una storia davvero appassionante!

 

L’inverno è alle porte, già da qualche mattina io e la mia mamma troviamo l’erba coperta dalla brina, l’aria è frizzante e il terreno ghiacciato sotto le mie zampine; sembra proprio il momento perfetto per tuffarci nel secondo volume della saga La notte dell’inverno scritta da Katherine Arden. La fredda Russia ci attende per accoglierci nel suo abbraccio gelido; per ora io e la mia mamma abbiamo appena iniziato La ragazza nella torre ma ci sta già piacendo moltissimo! Io sono molto entusiasta di ascoltare le leggende provenienti da quelle terre lontane, mi piace il loro tocco misterioso e un pochino inquietante, infatti se mi spaventano ho la scusa perfetta per dormire insieme alla mia mamma! Siamo prontissime per ritrovare Vasja e partire con lei per una nuova coinvolgente avventura!

 

Qua la zampa! è tempo di correre alle anticipazioni!

 

Era tarda notte e una fanciulla cavalcava uno stallone baio attraverso la foresta. La foreste non aveva nome. Era lontana da Mosca, distante da qualunque cosa, l’unico rumore che si udiva era il suono del rilenzio e il raschiare dei rami ghiacciati. Era quasi mezzanotte. Un’ora stregata, magica, di una notte su cui incombevano il gelo, la tempesta e uno sterminato cielo pallido. Eppure la fancuilla e il suo stallone sfrecciavano tra gli alberi, instancabili.

 

 

All’improvviso lo stallone si fermò e sollevò la testa. Di fronte a loro, in mezzo agli alberi fruscianti e colmi di neve, apparve un bosco di conifere. Gli enormi e soffici rmi si avvicinavano tra loro e i tronchi erano curvi come un gruppo di anziani signori. La neve iniziò a cadere più velocemente, attaccandosi alle ciglia della ragazza e alla pelliccia grigia del suo cappuccio. Si udiva solo il vento.

 

 

Il facio di luce provenienete dal focolare illuminò la neve fresca. Adesso si distingueva chiaramente il contorno di una casa, lì in mezzo al bosco. Lunghe gronde incurvate proteggevano le mura di legno e, in quella luce offuscata dalla neve che continuava a cadere, la casa sembrava quasi viva, accovacciata tra le conifere.

 

Chi è l’autrice?

Katherine Arden, classe 1987, è nata a Austin e attualmente risiede nel Vermont. Dopo il liceo ha trascorso un anno a Mosca, prima di frequentare il Middlebury College e laurearsi in russo e francese. Con il suo romanzo d’esordio, L’Orso e l’Usignolo, primo capitolo della trilogia La notte dell’inverno, fa il suo esordio nel catalogo Fanucci.

 

 

Editore: Fanucci Editore
Data di uscita: 7 novembre 2019
Pagine: 336
Prezzo: 18.00 €

Orfana e sola, costretta ad abbandonare il suo villaggio, Vasja dovrà rassegnarsi a trascorrere la vita in un convento o a permettere alla sorella maggiore di darla in sposa a un principe moscovita. Entrambe le strade la condannano a una vita in una torre, tagliata fuori dal vasto mondo che invece desidera esplorare. Così sceglie una terza via: travestendosi da ragazzo cavalca attraverso il bosco per sfuggire a un destino che altri hanno scritto per lei. A Mosca, intanto, la corte imperiale è scossa da lotte di potere e tumulti. Nelle campagne alcuni banditi razziano i campi, bruciano i villaggi e rapiscono le fanciulle. Dopo essere partiti per sconfiggere i briganti, il Gran principe e i suoi boiardi si imbattono in un giovane uomo in groppa a un magnifico destriero. Solo Sasa, un monaco guerriero, capisce che il “ragazzo” altri non è che sua sorella, creduta morta dopo la fuga dal suo villaggio in seguito all’accusa di stregoneria. Ma quando Vasja dà prova del suo valore in battaglia, cavalcando con una destrezza eccezionale e con un’inspiegabile forza, Sasa realizza che dovrà a tutti i costi mantenere il segreto della sua vera identità, per salvare la vita dell’unica persona in grado di fronteggiare le forze oscure che minacciano di distruggere l’impero…

 

Al prossimo titolo!

 

 

May the Force be with you!
Precedente Sette lettere, un destino di J.P. Monninger | Recensione di Deborah Successivo Let's talk about: A tutto gas di Joe Hill (Sperling & Kupfer)