La maledizione del vero amore di Stephanie Garber

Stephanie Garber è l’autrice della trilogia di Caraval, tradotta in trenta lingue e per lungo tempo in vetta alle classifiche di vendita. E non vissero per sempre felici e contenti è l’atteso sequel di C’era una volta un cuore spezzato, grande successo in Italia e nel mondo.www.stephaniegarberauthor.comInstagram: @stephanie_garber

 

Sei tu. Sarai sempre tu, fino alla fine dei tempi. E combatterò il destino o qualunque altra cosa tenti di separarci…compreso te. Tu sei la mia scelta. Tu sei il mio amore. Tu sei mio. E non sarai la mia fine, Jacks

 

Editore: Rizzoli
Data di uscita: 7 maggio 2024
Pagine: 384
Prezzo: 18.00 €

“Evangeline Volpe aveva sempre creduto che un giorno si sarebbe ritrovata in una fiaba.” Si è avventurata nel Magnifico Nord in cerca del suo lieto fine e sembra proprio che lo abbia trovato: ha sposato un bellissimo principe e vive in un castello leggendario. Ma Evangeline non ha idea del prezzo devastante che ha pagato per vivere la sua fiaba, non sa che cosa ha perduto né che Apollo, suo marito, è determinato a fare in modo che non lo scopra mai impedendole di ricordare e tenendola legata a sé con l’inganno. Inoltre, per essere sicuro che le cose restino tali, dovrà uccidere Jacks, il Principe di Cuori. E Apollo non è il solo a mettersi tra Evangeline e Jacks, c’è anche una donna pronta a tutto perché il Principe di Cuori sia solo suo… Sangue sarà versato, cuori verranno rubati e il vero amore sarà messo a dura prova in questo capitolo conclusivo e mozzafiato della trilogia cominciata con C’era una volta un cuore spezzato.

 

Cari lettori,
da pochissimo è tornata in libreria, grazie a Rizzoli, Stephanie Garber con La maledizione del vero amore, ultimo volume della trilogia spin-off di Caraval dedicata a Jacks il Principe di Cuori. Non vedevo assolutamente l’ora di avere tra le mani questo romanzo per scoprire cosa sarebbe successo a Jacks ed Evangeline, mi sono affezionata molto a questa coppia, ho divorato il nuovo romanzo in pochi giorni! Vi ricordo che lo spin-off può essere letto in modo indipendente dalla prima avventura; sono presenti alcuni riferimenti che rimandano alla trilogia creando piacevoli momenti nostalgici nei lettori già affezionati al mondo di Stephanie Garber.

Lo stile di scrittura di Stephanie Garber è sempre avvolgente e magico; ho amato le interazioni tra Jacks ed Evangeline, i dialoghi tra i due protagonisti sono a tratti pungenti, a tratti ironici, a tratti invece struggenti e romantici. Evangeline mi è piaciuta come nel precedente volume e molto più rispetto al primo, mi è sembrata ancor più determinata e meno in balia degli eventi nonostante la difficoltà nel recuperare i ricordi rubati e l’incertezza derivante da questa condizione. Evangeline si è rivelata molto coraggiosa e appassionata, una giovane donna che non si arrende facilmente, all’inzio di questa avventura non avrei mai detto! Jacks, che dire di Jacks, il Principe di Cuori è rimasto anche in questo volume di ghiaccio quasi fino alla fine anche se non si è mai risparmiato per provare a proteggere e salvare Evangeline; quando sul finale si è sciolto la stessa sorte è toccata a me!

 

 

A proposito dello sviluppo della trama finalmente scopriremo tutti i segreti dietro la maledizione che attanaglia Evangeline ma soprattutto Jacks; i segreti verranno svelati proprio verso la fine del romanzo, avrei preferito scoprire tutto un po’ prima e assistere a qualche momento felice in più per la coppia dopo questo percorso molto tortuoso. La maledizione del vero amore per me è un’ottima conclusione per la nuova trilogia di Stephanie Garber anche se ho avuto la sensazione che il finale fosse troppo affrettato e che appunto i protagonisti non abbiano quasi vissuto scene felici e romantiche. Ovviamente molto presente in questo romanzo è l’odiosissimo Apollo, antagonista principale, questo personaggio scade sempre più nella violenza e nell’ossessione verso Evangeline, la conclusione della sua storia è stata in linea con il suo immenso ego.

La maledizione del vero amore è un romanzo abbastanza statico dal punto di vista dell’ambientazione, la gran parte della storia si svolge nel palazzo di Apollo dato che Evangeline, senza più i suoi ricordi, è tenuta prigioniera in questa gabbia dorata, ci vorrà un po’ prima che la protagonista ritorni in sé e si renda conto della sua condizione. A proposito del worldbuilding mi è piaciuta tantissimo la descrizione della Foresta Maledetta, specialmente la modalità di accesso e la magia che permea il luogo dove si svolge la Caccia, evento collegato ad antiche leggende del Magnifico Nord. Questa foresta antica e insidiosa mi è rimasta nel cuore, come la possibilità di rivivere il giorno più bello della vita, sarei molto curiosa di scoprire qual è stato realmente a oggi.

Il momento di lasciare andare i protagonisti di una storia che mi è piaciuta molto e mi ha regalato attimi di magia è sempre un po’ nostalgico, ricorderò con piacere la lettura di questa trilogia!

 

 

 

 

 

 

 

Desclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Rizzoli per la copia omaggio

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Macchioline: Il canto dello storno di Octavie Wolters Successivo Review Party: Badlands. Incantevole tentazione di Stefania S.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.