La signora in giallo: Omicidio in grande stile di Jessica Fletcher & Donald Bain | Recensione di Sandy

Omicidio in grande stile di Jessica Fletcher & Donald Bain

“Purtroppo, spesso dietro l’angolo si nasconde davvero qualcosa di brutto.”

Dettagli:

Il Libro – Trama:

Per distrarsi dalle fatiche del suo ultimo romanzo, Jessica Fletcher si è concessa una breve vacanza a New York. Una piacevole pausa per unire utile e dilettevole: passare un po’ di tempo con suo nipote e la sua famiglia, incontrare cari amici come il suo editore e il suo agente letterario, e provare l’elettrizzante esperienza della Settimana della Moda. Nel febbrile calendario di eventi e grandi firme, ad attirare l’attenzione di Jessica c’è il nome di un giovane stilista di Cabot Cove, al suo debutto con una meravigliosa collezione di abiti da sera. Alla sfilata lo sfarzo è abbagliante e, sotto i flash incessanti dei fotografi, tutto sembra andare liscio fino a quando, all’improvviso, una modella cade rovinosamente in passerella e muore. Cause naturali? Forse. Qualche giorno dopo, però, un’altra modella viene trovata morta in circostanze misteriose. E l’atmosfera si fa inevitabilmente sempre più tesa. Due vittime. Due modelle. Il loro unico apparente collegamento? Il giovane stilista di Cabot Cove. L’istinto investigativo della Signora in Giallo, tra narcisismi e segreti, sarà messo a dura prova. E non sarà facile scoprire chi ha firmato questa collezione… mortale.

Let’s talk about “Murder, She Wrote – Design for Murder”:

“New York era in fibrillazione per la scomparsa di due modelle a poche ore di distanza l’una dall’altra. Che ci fosse in giro un serial killer durante la settimana della moda?”

Jessica Fletcher si concede una pausa dal suo ultimo romanzo per dedicare del tempo ad amici e parenti, si reca dunque a New York durante la settimana della moda, evento importante e di grande spessore che infervora le strade newyorchesi con appositi manifesti pubblicitari. Come al solito la scrittrice viene ben accolta dalle persone, stilisti, truccatrici e persino modelle, che la ammirano per la sua carriera e per i successi che continua a sfornare. Luci, camera, azione! Le modelle cominciano ad uscire una alla volta per sfoggiare abiti sbarazzini, disegnati ad hoc per stupire il pubblico presente. La musica, il ritmo dei tacchi che dettano il tempo e i flash dei fotografi abbagliano le giovani ragazze, che sperano di sfondare nel mondo della moda a tutti i costi. Una sfilata è una marcia in più per qualunque di loro che voglia gonfiare il proprio curriculum di lunghe esperienze nel settore. Jessica si gode lo spettacolo, almeno fino a quando una giovane modella cade sulla passerella senza rialzarsi per alcuni minuti.

“Basta trovare scuse, Jessica. Hai accettato l’invito perchè la tua innata curiosità ti spinge sempre verso chi indaga su un omicidio, fattene una ragione.”

Rowena Roth, giovane modella, muore durante la sfilata di Xandr Edon alias Sandy Black, stilista al suo debutto nel mondo della moda. A poche ore di distanza un’altra modella viene trovata morta nel suo appartamento, Latavia Moore. Che entrambe siano morte per cause naturali? La scrittrice di successo e “detective” occasionale non crede alle coincidenze. Qualcosa non torna e il suo sesto senso le suggerisce che le due tragedie siano in qualche modo collegate. Ma come? Nonostante sia andata nella Grande Mela per dilettarsi, la Signora in Giallo, sa bene di non poter resistere al mistero, soprattutto quando le viene servito su un piatto d’argento. Insieme al detective Kopecky, uomo avvenente, che ha un debole per Jessica, cercheranno di fare luce sul mistero.

La città è in fibrillazione per la morte delle due modelle. La radio, il giornale e la televisione non fanno altro che parlare del caso, azzardando ipotesi o provando a fare un profilo da quattro soldi del killer misterioso che ha colpito la città. I talk show si scatenano proponendo dibattiti sul mondo della moda sempre più ferreo. Ogni discussione è una scusa per alzare gli ascolti, i diversi relatori si cimentano nelle argomentazioni più varie, dimenticandosi quasi del motivo per il quale il dibattito è cominciato.

“Dopodiché digitai il nome di Latavia Moore e premetti l’opzione immagini. Lo schermo si riempì di foto della favolosa modella e, con mia grande sorpresa, anche di altre sue omonime asiatiche o di colore. Concentrai la mia attenzione sul volto…”

Con sua grande sorpresa Jessica scopre l’arcano. Xandr o Sandy Black conosceva Latavia e non come amico, c’era qualcosa di più tra di loro, qualcosa che soltanto una mente brillante come Jessica poteva scoprire in breve tempo. Non solo lo stilista ha nascosto di conoscere la modella, ma scavando a fondo, la scrittrice scopre che, di quel Sandy di un tempo, non c’è più traccia. Parlando con la madre del neo stilista scopre i problemi del figlio e della cattiva influenza che una delle vittime ha avuto su di lui.

“Ci troviamo di fronte a un caso di omicidio. […] Forse potrebbe essere questa la trama del nuovo romanzo: un produttore di cosmetici che uccide il proprio rivale.”
Philip Gould, titolare della New Cosmetics, semba turbato dalle notizie portate da Jessica sul caso delle due modelle. È stato infatti confermato che si trattasse di omicidio e non di morte per cause naturali. L’autopsia ha portato a galla una bruttissima verità, sembrerebbe che la morte delle due ragazze sia avvenuta a causa di una sostanza rivenuta nel fegato e nei reni che ha danneggiato il cuore. La rivelazione innescherà uno strano effetto domino, dove tutte le pedine cominceranno a vacillare per cui ogni mossa deve essere pensata con astuzia e coerenza affinchè la maschera non cada. Sandy Black finisce in manette per la morte di Latavia Moore, dato che si trovava nel suo appartamento la notte in cui è stata uccisa.

“Tutta questa sceneggiata mi sta spaventando.”

Scavando sempre più a fondo si scopre che Rowena stava cercando di avvelenare la sua coinquilina per non avere una concorrente che potesse metterle i bastoni tra le ruote nella sua scalata al successo. Sfortunatamente il rossetto avvelenato è capitato tra le mani della truccatrice che per sbaglio glielo applica. La morte dell’altra modella invece ha qualcosa di più contorto e complicato, che neanche Jessica riesce a comprendere in un primo momento. Le prove portano ad incolpare Sandy per l’omicidio, ma guardando il filmato incriminante la signora in giallo scopre un dettaglio che prima le era sfuggito, che sarà fondamentale per risolvere il mistero e archiviare il caso.

La Signora in Giallo ritorna in grande stile con un caso particolare, che mette sotto i riflettori l’agguerrito mondo della moda, dove si farebbe di tutto pur di essere al top. In questo romanzo ho ritrovato la Jessica a cui ero abituata da bambina, la scrittrice di successo un po’ ficcanaso che non si da pace fino a quando non porta a termine qualcosa, risolvendo il caso con il suo sesto senso sempre infallibile. Questo caso non era semplice, la stessa Fletcher fatica a risolverlo, è solo grazie a un colpo di fortuna che riesce ad individuare un nuovo sospettato.

Molti si chiedono come sia leggere un libro del genere, dopo essere stati abiuati per anni alla serie, posso solo dirvi che è come vivere una puntata nero su bianco. Una nota di merito va sicuramente al ghost writer che ha scritto la storia, non è facile dare vita a un personaggio del genere senza conoscerlo, la sua serie infatti va avanti sicuramente per l’amore che ha riposto per la scrittrice più famosa della televisione. I personaggi sono stati tratteggiati a dovere, lasciati nel loro alone di mistero, come la stessa serie faceva, è solo andando avanti con la storia che si conosco più particolari e il quadro viene messo a fuoco. La storia viene narrata in prima persona, dal punto di vista di Jessica Fletcher, per tutta la lettura mi è sembrato di avere la sua voce nella testa che mi raccontava il caso, accompagnata dall’indimenticabile sigla.

 

 

 

Note sugli autori – Jessica Fletcher & Donald Bain:

Jessica Fletcher è scrittrice di mestiere e detective per vocazione: grazie ai successi mietuti in entrambi i campi gode, in tutto il mondo, di una strepitosa notorietà. Vive da sempre a Cabot Cove, nel Maine. Qualcuno dice che assomiglia all’attrice e star di Broadway Angela Lansbury…

Donald Bain ha scritto – firmandoli, oppure in qualità di ghost writer – più di settanta libri, molti diventati best-seller, oltre a innumerevoli articoli per riviste. I suoi pezzi, come i suoi volumi, spaziano tra i generi più disparati: dalla commedia alla biografia, dal romanzo storico all’informazione scientifica. Collabora inoltre con alcune emittenti radiotelevisive. È autore, in coppia con Jessica Fletcher, della serie La Signora in Giallo, di cui Sperling & Kupfer ha pubblicato con successo numerosi romanzi.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

May the Force be with you!
Precedente ANTEPRIMA: Walter Lucius, Toni Jordan e altri titoli di Marsilio Editori in uscita il 27 aprile Successivo ANTEPRIMA: Accadde una notte d'estate di Rosy Milicia