Le ragazze vogliono la luna di Janet McNally | Recensione di Deborah

 

 

 

LE RAGAZZE VOGLIONO LA LUNA

 

E allora, quando ho abbassato la guardia, nella mia testa ritornano a passo di marcia le parole di Summerlong; La luce ti intrappolerà, la luce ti catturerà, ma l’estate non è lunga. Summerlong.

 

Titolo originale: Girls in the moon

Autrice: Janet McNally

Editore: Deagostini

Genere: Young Adult

Prezzo. 14.90 €

Pagine: 416

Acquistalo subitoLe ragazze vogliono la luna

 

Trama:

Ci sono estati che lasciano il segno. Estati cha cambiano la vita. Per sempre. È esattamente quello che è successo a Phoebe, diciassette anni e un segreto ben custodito. Lo stesso segreto che ha distrutto il legame con la sua migliore amica e che ha mandato all’aria l’unica possibilità con il ragazzo per cui ha una cotta colossale. Ma Phoebe è abituata ai segreti. Perché tutti nella sua famiglia ne hanno uno. Tutti hanno qualcosa da nascondere: sua sorella Luna, che se n’è andata a Brooklyn per inseguire un sogno, suo padre Kieran, che se n’è andato e basta. E poi sua madre Meg. È lei la vera bugiarda di professione. Ex rockstar, Meg non ama rivangare gli anni in cui ha viaggiato per il Paese insieme alla sua band, mietendo un successo dopo l’altro. E soprattutto non ha nessuna intenzione di spiegare alle figlie il motivo per cui, da un momento all’altro, ha messo fine alla carriera e al proprio matrimonio. Eppure Phoebe non è il tipo che si arrende. Decisa a ritrovare le tessere mancanti del passato della sua famiglia, raggiunge Luna a New York. E, in un’estate magica, indimenticabile, tra musica indie, notti insonni e amori impossibili, si mette alla ricerca. Della verità e anche un po’ di se stessa.

 

Recensione:

Ciao lettori della Stamberga!

siete pronti a sbarcare sulla luna insieme a Luna, e Phoebe per questo appuntamento libroso? Le ragazze vogliono la luna è il romanzo d’esordio di Janet McNally, un ottimo esordio! Ringrazio la casa editrice Deagostini per avermi fatto scoprire questo intrigante romanzo.

 

Per tutta l’estate non ho desiderato altro che partire, e adesso non sono più così sicura di voler andare.

 

Write, Wrote, Written – Lo stile di scrittura di Janet McNally è molto fluido e scorrevole. Le frasi e i periodi sono ben costruiti. Le descrizioni risultano chiare e piacevoli, non incontriamo digressioni che possono appesantire il racconto ma l’autrice ci aiuta ad immaginare il suo mondo e i suoi personaggi. Il romanzo è molto fresco, giovanile e rock! *Ci piacciono tanto le cose rock =)* La storia è scritta così bene che è difficile staccarsi dalle pagine e non sapere cosa succede alle sorelle Ferris! Il romanzo ha due POV differenti: per il presente la narratrice è la giovane Phoebe Ferris; il passato è raccontato dagli occhi di Meg Ferris.

 

Parlava con dolcezza. Rimasi sorpresa di sentirglielo dire. Non ne avevamo più parlato da quando avevamo acconsentito a partecipare allo spettacolo. Dopo che Kurt era morto in aprile, Kieran non era quasi più riuscito a pronunciare il suo nome per mesi.

 

Who are these guys? – I personaggi. Conosciamo subito Phoebie Ferris, la più piccola delle due sorelle, dal cui POV sarà narrata la maggior parte della storia. La giovane diciassettenne è una ragazza sveglia e dinamica, simpatica e molto matura per la sua età. Luna è la sorella maggiore di Phoebie, una diciannovenne testarda, autoritaria, e sicura di sé. Deciderà a tutti i costi di seguire il suo sogno, ripercorrendo le orme della madre dalla quale tanto vuole distaccarsi. Meg Ferris, ex rock star, ex membro degli Shelter, ex moglie di Kieran Ferris. Abbandonerà il mondo della musica e i riflettori per crescere le due figlie. Le ragazze Ferris sono le protagoniste del romanzo con le loro storie ed avventure, sembra che nessuno riesca a resistere al loro fascino. L’autrice ha saputo caratterizzare bene i propri personaggi rendendoli unici. Nessuno viene “perso per strada” durante il racconto, tutti giocano al meglio la loro parte.

 

E lei lo fa. Guarda. tiene la rivista fra le mani e la studia come se i titoli fossero scritti in qualche altra lingua, una lingua che conosceva moltissimo tempo fa ma che da allora ha dimenticato.

 

What’s going on? – La storia. Addentriamoci nel mondo di Janet, dipinto con musica, rock e famiglia. Come vi accennavo prima le tematiche di questo romanzo young adult vanno al di là della storia d’amore tra ragazzi a cui siamo abituati. Qui l’amore e le relazioni sono inevitabilmente presenti, come nelle vite di tutti noi, ma sono un elemento di contorno, la questione principale sono i rapporti famigliari. Sotto i riflettori il rapporto madre-figlia e sorella-sorella, ma anche la reazione alla separazione prematura dei genitori. Sono a mio parere tematiche molto attuali e sempre all’ODG. Iniziamo a conoscere Phoebe, intenta a preparare i bagli per andare a New York dalla sorella Luna, le due trascorreranno un pò di tempo insieme prima che quest’ultima parta con la propria band per un tour. Meg non approva che la figlia Luna abbia abbandonato il college per la musica, non vorrebbe seguisse le sue orme. Kieran invece è da anni sparito totalmente dalla vita delle figlie. Non è mai stato un padre e compagno presente quando Meg ha iniziato a dover dare più spazio alle loro bimbe e a sacrificare la musica. Attorno alla rottura dei genitori e al loro passato negli Shelter aleggia un mistero, denso e carico di segreti che Meg non vuole condividere con le figlie, noi ne verremo a conoscenza attraverso i capitoli narrati da lei. Phoebe è una ragazza matura per la sua età ma molto insicura, forse perché si è sempre paragonata alla sorella Luna. La ragazza intraprenderà questo viaggio non solo per trascorrere un periodo di tempo con la sorella ma per cercare di avvicinarsi al padre e capire il motivo del suo allontanamento. Meg non è la sola a nascondere qualcosa riguardo alle questioni famigliari, anche Luna e Kieran avranno i loro scheletri nell’armadio.

 

Da quasi tutte le finestre, si vedevano alberi, così tanti che sembrava di stare in una casetta fra i rami. Adesso, in inverno, erano spogli. Da lì vedevo un quadrato di cielo e la luna al centro, come un bottone di madreperla.

 

Nel complesso Le ragazze vogliono la luna è stata una lettura fresca e piacevole, con tematiche differenti dal solito. Un viaggio familiare interessante, scritto in modo immediato e vicino ad un pubblico giovane che vi ci può rispecchiare. Super consigliatissimo per tutti i riferimenti agli artisti rock, magari da noi poco conosciuti ma intramontabili! Leggete il romanzo con la curiosità di scoprire di quali artisti si parla, cuffiette e youtube sempre  portata di mano, garantiti incontri con la buona musica =). L’unica nota agrodolce che mi è rimasta è la sensazione di non essere entrata a pieno nelle varie vicende della storia. Sicuramente sono curiosa di leggere future pubblicazioni dell’autrice, mi è piaciuta molto! Ancora thumb up per la sfumatura e le atmosfere rock del romanzo!

 

 

Nota sull’autrice:

Janet McNally ha sempre avuto un debole per i ragazzi che suonano nelle band – ne ha addirittura sposato uno! Ha conseguito un master in scrittura presso la University of Notre Dame e i suoi racconti e le sue poesie sono stati ampiamente pubblicati su riviste e giornali. Vive a Buffalo insieme al marito e alle tre figlie, in una casa piena di dischi e libri, e insegna scrittura creativa. Le ragazze vogliono la luna è il suo romanzo d’esordio.

 

May the Force be with you!
Precedente ANTEPRIMA: Il giorno che aspettiamo di Jill Santopolo (Nord) Successivo ANTEPRIMA: Era te che cercavo di Pedro Chagas Freitas (Garzanti)