Let’s talk about: I grandi classici riveduti e scorretti (Longanesi)

Instagram: @brivididicarta | @stambergadinchiostro

Se i social network fossero sempre esistiti raccontano i classici della letteratura con ironia nella loro raccolta “I grandi classici riveduti e scorretti“, una chicca che non potete assolutamente perdere.

Pagine: 279

Acquistalo subito: I grandi classici riveduti e scorretti

Autore: Se i social network fossero sempre esistiti
Editore: Longanesi
Collana: Il Cammeo
Prezzo: € 14,00
Data di uscita: 11 Ottobre

“Un classico è qualcosa che tutti vorrebbero aver letto e nessuno vuol leggere” (Mark Twain). Se Mark ha ragione, il problema è risolto! Questo libro sarà il vostro Virgilio lungo i tornanti di un viaggio tutt’altro che infernale in compagnia dei personaggi e delle storie più belle della letteratura di tutti i tempi. E scommettiamo che, finito di leggerlo, vorreste che Dante, Pirandello, Orwell e soci fossero i vostri migliori amici e poterli chiamare ogni volta che vi gira, come dice il buon vecchio Holden.

In questa giornata uggiosa vi parlo di qualcosa di diverso, una raccolta particolare, un modo per rispolverare grandi classici della letteratura in maniera originale, come soltanto soltanto i geni di Se i social network fossero sempre esistiti sanno fare: con ironia.

I classici sono un’arma a doppio taglio, lo sappiamo tutti, “I grandi classici riveduti e scorretti. 50 libri che non potete non conoscere, raccontati come nessun altro potrebbe fare” racchiude cinquanta romanzi riassunti in maniera divertente e sarcastica dai due autori già ben noti sui social.

Ogni “revisione” è preceduta da uno sfottotitolo, un’altra rielaborazione del titolo dell’opera che riassume ancor più brevemente le vicissitudini dei protagonisti dei classici della letteratura mondiale, arricchiti di curiosità, una buona colonna sonora, una citazione improbabile e impreziositi dalle illustrazioni di Stefano Bucci, che crea dei veri e propri crossover letterari e cinematografici.

Francesco Dominelli e Alessandro Locatelli, due dei fondatori della pagina, hanno giocato d’azzardo nello esperimentare qualcosa di mai visto prima e non parlo solo della rivisitazione in chiave ironica di un genere sempre considerato di “nicchia”, bensì dello “sporcare” con elementi puramente moderni il tutto, permettendo a chi legge di soffermarsi sui vari spunti di riflessione e apprezzare le piccole curiosità poco note dei vari testi.

La prima cosa che nasce spontanea chiedersi è se sia effettivamente possibile racchiudere cinquanta romanzi in meno di 400 pagine e se non avessi visto con i miei occhi non ci avrei mai creduto. Questa è una raccolta che, oltre a mostrarci dei romanzi sotto un’altro punto di vista, ci permette anche di familiarizzare con i loro protagonisti e conoscerli “meglio” attraverso le loro citazioni improbabili.

Da amante di certi romanzi citati nell’opera posso dirvi con tutta onestà che i due autori mi hanno conquistata, non ho fatto altro che ridere e pensare alle improbabili citazioni di alcuni personaggi. Penso che leggere questa raccolta può avvicinare i più giovani a scavalcare quel muro invisibile che si pone fra la cultura e il divertimento, che rendono la lettura qualcosa di più divertente.

I grandi classici riveduti e scorretti. 50 libri che non potete non conoscere, raccontati come nessun altro potrebbe fare” potrà anche non essere piaciuto a Manzoni, ma io lo trovo leggen… aspettate un attimo… dario! Leggendario!

“Un anziano affetto da cataratta scappa dall’ospizio e inizia a scambiare lucciole per lanterne, pecore per soldati e mulini per giganti.”

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Longanesi per la copia omaggio.

 

May the Force be with you!
Precedente A caccia con Lea – Pancia in dentro e naso in fuori: Missione #48 Successivo The Whispering room: I Volti dell'Inganno di A. Manneschi e D. Cella