Magic Spinner di John Fidget | Recensione di Sandy

“Si concentrò sullo spinner. Lo fece girare e quello gli sfuggì di mano, attraversò la stanza e andò a cozzare contro il vento. Tito aveva ragione. Sembrava proprio che volesse scappare di lì.”

IL ROMANZO

Acquistalo subito: Magic spinner. Ediz. illustrata

Editore: Piemme
Collana: Il Battello a vapore
Prezzo: € 9,90
Pagine: 149

Sulle ceneri di una brutta settimana, spero di ricominciare con questa. Le brutte giornate capitano a tutti, lo so bene, ma un’intera settimana non mi era ancora successo. Ciò che non uccide fortifica, si suol dire, spero vivamente sia così e che possa uscirne più forte di prima. Bando alle ciance e cominciamo!

Si torna a parlare di libri questo lunedì con un romanzo frizzante, che ci catapulta nel misterioso mondo degli spinner. I fidget spinner, per chi non lo sapesse, sono una sorta di trottole, il cui nucleo centrale è rivestito da un cuscinetto a sfera che permette allo spinner di ruotare ad alta velocità. Questo particolare oggetto è stato concepito come una sorta di antistress per favorire la concentrazione.

Per John Fidget gli spinner sono magici, oggetti dotati di un potere antico del quale ancora non si sa nulla a proposito. Ciò che è certo è la fama di questi particolari oggetti, è diventata una moda alla quale è difficile resistere. Basta girare il web per cogliere quanto, in poco tempo, gli spinner abbiano invaso la nostra vita.

“Si concentrò sullo spinner. Lo fece girare e quello gli sfuggì di mano, attraversò la stanza e andò a cozzare contro il vento. Tito aveva ragione. Sembrava proprio che volesse scappare di lì.”

Tab e Tito hanno la fortuna di ritrovare un pacco postale nel fiume, contente alcuni spinner molto particolari. A differenza di quelli diffusi a scuola, questi sembrano antichi, quasi artigianali, sui quali sono incise delle lettere greche. Ai due fratelli l’origine è del tutto sconosciuta, sanno solo che sono strani e che appena scivolano via dalle mani, si animano di vita propria, cercando di volare via dalla finestra.

Al numero 10 di Zany Road organizzano un torneo di Spinner, nonostante l’aria cupa e desolata del luogo, i due fratelli decidono di andare a dare un’occhiata. Se possono saperne di più sui loro spinner e testarli, sono ben disposti a farlo. È quel singolo evento ad innescare una serie di reazioni a catena. Si comincia a scoprire che ci sono ben nove spinner particolari, dotati di un potere mistico a molti sconosciuto e sarà tramite questa scoperta che i ragazzi si imbatteranno in una serie di sfortunati eventi.

“C’erano in tutto nove spinner magici, loro ne avevano quattro e gli altri cinque, probabilmente, erano stati interecettati da Hodge.”

John Fidget cerca di dare un senso a questo particolare oggetto, costruendo una storia che per quanto possa risultare assurda, è anche intrigante. Attraverso la sua narrazione scorrevole emerge l’amore per i romanzi destinati ai ragazzi. Non è facile utilizzare una moda del momento e renderla sensata, ma soprattutto interessante. Io stessa sono tentata di comprare uno spinner, certo, sono sicura che non sarà magico come quelli di Tab e Tito, ma mi aiuterà a combattere lo stress.

In questo romanzo si respira un’atmosfera di mistero, in quanto si è costantemente alla ricerca di una possibile spiegazione all’enigma che deriva dagli spinner, ma allo stesso quella di Fidget si rivela essere una prosa frizzante, energica, contagiosa che spinge a leggere ben volentieri il romanzo. Le illustrazioni di Tommaso Ronda si abbinano bene con la storia e il filo narrativo del romanzo, rendendo ancora più intrigante questo curioso mondo.

Sono certa che i ragazzi appassionati di spinner possano trovare in questo romanzo un valido compagno di viaggio, pronto ad accompagnarli in questa calda estate. Mentre lo leggevo mi sono ricordata di quella volta che sbarcarono i Beyblade e anni dopo i Bakugan, per questo posso affermare che gli spinner potrebbero diventare il prossimo cartone animato, se non esiste già.

Il Battello a Vapore non si fa mancare nulla, questo è anche un magic flip book, girando velocemente le pagine è possibile vedere lo spinner in azione.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

May the Force be with you!
Precedente La camera di sangue di Angela Carter | Recensione di Sandy Successivo ANTEPRIMA: La pallina assassina di Christina Olséni e Micke Hansen (Bompiani)