Mister Money di Vi Keeland e Penelope Ward | Recensione di Deborah

Vi Keeland Con più di due milioni di copie vendute, si è affermata come una delle autrici di maggiore successo della sua generazione e i suoi romanzi sono tradotti in dodici lingue. Vive a New York con il marito e tre figli. Dopo il grande successo di Bastardo fino in fondoUn perfetto bastardoIl mio bastardo preferito, I want youHo imparato a odiarti, Ricco e ribelle e Scrivimi ancora, torna a scrivere con Penelope Ward con Mister Money.

Penelope Ward È un’autrice bestseller del «New York Times», di «USA Today» e del «Wall Street Journal». È cresciuta a Boston e ha la­vorato come giornalista prima di diven­tare una scrittrice. Vive nel Rhode Island con il marito e due figli. La Newton Compton ha già pubblicato OdioamoreNon pensavo di amarti an­cora e Sei tutti i miei sbagli. Insieme a Vi Keeland ha scritto anche i bestseller Bastardo fino in fondoUn perfetto bastardoI want youIl mio bastardo preferito, Ho imparato a odiarti, Ricco e ribelle, Scrivimi ancora e Mister Money.

 

Editore: Newton Compton Editori
Data di uscita: 30 settembre 2021
Pagine: 320
Prezzo: 9.90 €

“Ho conosciuto Bianca dentro un ascensore. Stavo fantasticando sui suoi meravigliosi capelli neri, quando… Uno scossone, e ci siamo ritrovati intrappolati insieme, sospesi nel vuoto in una scatola di metallo. Bianca non aveva idea che fossi Dex Truitt, proprio la persona che era lì per intervistare e che, a breve, l’avrebbe accolta nel suo ufficio all’ultimo piano. E così, quando mi ha detto di detestare “quell’uomo pieno di soldi” per la sua reputazione di spaccone snob, ho colto la palla al balzo. Non è stato corretto da parte mia, è vero. Ma ormai è fatta. Per lei sono Jay, un comune fattorino. Devono essere stati i miei vestiti a trarla in inganno. Quando l’ascensore ha ricominciato a muoversi, ho annullato l’intervista. E da quel momento ho assunto l’identità di qualcuno che non sono, pur di continuare a frequentarla. Non mi aspettavo che l’intesa tra noi si rivelasse esplosiva. Non mi aspettavo di innamorarmi. Non ho idea di che cosa potrebbe succedere quando scoprirà la verità.”

 

Il nostro viaggio prosegue oggi in acque rosa, tingiamo la giornata di romance con il nuovo romanzo di Vi Keeland e Penelope Ward, Mister Money. Erano diversi mesi che non leggevo un romance, avevo proprio bisogno di staccare la spina con una lettura divertente, irriverente e frizzante, Mistery Money è stata la lettura giusta al momento giusto, anche se da queste due autrici mi aspettavo molto di più.

È ormai già qualche anno che mi sono allontanata da questo genere ma ogni tanto sento il bisogno di staccare, di rifugiarmi in una lettura leggera e romantica che mi sappia tenere incollata alle pagine; a questo proposito ho alcune autrici di fiducia delle quali se riesco non mi perdo le nuove uscite. Il mio bisogno di romance si è fatto sentire improvvisamente a causa di una grande delusione librosa, è capitato che un romanzo che desideravo leggere da tanto tempo non si è rivelato all’altezza delle mie aspettative, si tratta di una lettura che proprio non ingranava e mi ha causato un piccolo (per fortuna) blocco del lettore. Mi sono sempre piaciuti particolarmente i romanzi di Vi Keeland e Penelope Ward, Mister Money è uscito proprio nel momento in cui mi serviva questo genere di lettura, ovviamente non me la sono lasciata sfuggire, mi ha aiutato a superare il momento difficile però rispetto agli altri loro romanzi mi ha convinta meno.

 

Non puoi arrivare un po’ in ritardo al tuo appuntamento con il signor Sacco di Soldi?» «No, non sarebbe professionale». A esser sincero, un po’ mi irritò il fatto che avesse deciso di non disdire l’appuntamento con Dex. Dovetti autoricordarmi che in realtà facevamo il tifo per lui. E con “facevamo” intendevo Jay e Dex. Me stesso. Nel profondo, facevamo tutti il tifo per Dex. Quindi perché Jay era così incazzato?

 

Lo stile di Vi Keeland e Penelope Ward è in questo genere una vera e propria garanzia, le loro voci sono frizzanti, solari e molto divertenti; anzi a questo proposito possiamo parlare di un’unica voce che ci racconta la scoppiettante storia di Bianca e Dex, sì perché le due autrici scrivono a quattro mani ma non si ha minimamente la sensazione che la storia sia scritta da due persone differenti. Ho notato però una cosa strana in Mister Money,  mi è sembrato che alcune parti del romanzo fossero scollegate tra loro nonostante fossero continue nello stesso capitolo, in alcuni punti da una cosa si saltava a un’altra.  La trama è carina, inizialmente mi aveva incuriosita tanto ma poi ai miei occhi la storia ha perso mordente durante lo svolgimento. Quello che però mi è piaciuto molto è stato il fatto di non trovare assillanti triangoli amorosi, quando leggo un romance detesto se tutto si incentra su tre persone che si contendono, mi piacere seguire la storia d’amore tra i protagonisti con i suoi alti e bassi ma senza l’obbligo che ci sia una terza persona a creare i drammi. Anzi, più passano gli anni più  i triangoli mi sembrano sempre meno credibili. Comunque in Mister Money i protagonisti dovranno affrontare una serie di problemi che minacciano lo sviluppo della loro relazione; a mio parare questi guai sono stati davvero troppi, ho avuto la sensazione di non godermi mai la storia d’amore perché spuntava un problema dietro l’altro, problemi grandi e molto artefatti, assolutamente poco veritieri.

Bianca e Dexter mi sono piaciuti ma non ho provato una particolare empatia verso di loro, entrambi sono ben caratterizzati e approfonditi, diversissimi l’uno dall’altra. Ovviamente ho sperato per loro nel lieto fine perché ho trovato entrambi molto simpatici e divertenti, mi sarebbe piaciuto vivere di più la loro relazione ma fino praticamente all’ultima pagina è stato tutto in bilico.

Mister Money si è rivelata una lettura carina e frizzante, specialmente se desiderate una lettura leggera questa è molto godibile.

 

 

 

 

Desclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Newton Compton Editori per la copia omaggio

 

May the Force be with you!
Precedente Tutto il cielo che serve di Franco Faggiani | Recensione di Deborah Successivo Araldi del vuoto: Grimorio di A. Castello e F. Marsili (ABEditore)