Music Monday #12: Dove aspetta la tempesta di Carla Marcone

Il week-end è trascorso velocemente, tra il lavoro e un po’ di riposo. Nonostante le giornate quasi primaverile la domenica sono rimasta a casa a riposarmi e sistemare la mia wishlist quindi oggi il mio music monday è particolare, mescola due elementi che amo: i pirati e la musica.

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Il lunedì parte con una carica diversa e un misto di curiosità ed eccitazione. In sottofondo la mia colonna sonora preferita del videogioco “Assassin’s Creed”, il capitolo è “Black Flag”, all’interno ci sono le canzoni marinare che spingono chi ascolta ad innalzare il boccale di birra e cantare a squarciagola. Ad arricchire quest’atmosfera di festa c’è il romanzo di Carla Marcone, in arrivo verso la fine di marzo.

Il 21 Marzo infatti arriverà in libreria per Scrittura & Scritture il nuovo romanzo di Carla Marcone, Dove aspetta la tempesta. Un pirata sulla rotta di Calico Jack, un nuovo tassello per la collana “Voci” della casa editrice campana. Dopo Teresa Filangieri questa volta Carla Marcone ci porta nel mondo dei pirati, pronti a salpare?

Data di uscita: 21 Marzo

Acquistalo subito: Dove aspetta la tempesta

Editore: Scrittura & Scritture
Collana: Voci
Genere: Romanzo storico

Pagine: 336
Prezzo: € 14,00

Plymouth, alle soglie del Settecento.
Dalle alte scogliere, Hey e Hasim contemplano la baia.
Sognano una vita per mare, al quale sentono di appartenere, ma vivono di espedienti, e gli espedienti, si sa, portano ai pericoli.
Quando nel porto ormeggia la maestosa Adventure Galley, il loro sogno sembra essere più concreto.
Il destino, però, è beffardo e imprevedibile e su quella nave, comandata dallo scozzese William Kidd, uno dei corsari più temuti, salirà solo Hey.
Tra bucanieri in cerca di tesori misteriosi, corsari avidi di bottini e filibustieri bellici, Hey vive numerose avventure.
Ma non c’è mare abbastanza vasto per nascondere qualcosa di irrisolto: il ritorno a casa gli mostrerà un mondo diverso, e ancora una volta il suo destino e quello di Hasim incroceranno la rotta di altri pirati e di altri vascelli, come quello di Calico Jack, e questa volta tutto cambierà per sempre fino a sciogliere un nodo troppo a lungo trattenuto.
Con una prosa magnetica, Carla Marcone torna al romanzo di ambientazione storica.
Preparatevi a levare l’ancora e a salpare.

Carla Marcone è nata a Napoli in una calda notte di luglio, mentre nel mondo echeggiava la rivolta e le streghe tornavano bruciando il reggiseno in piazza.
Crescere in una famiglia di stampo patriarcale, dove, però, erano le donne a portare i pantaloni, ha sviluppato in lei un estremo senso di ribellione contro ogni sopruso, contro ogni ingiustizia.
I personaggi dei suoi romanzi, di cui racconta in uno stile fatto spesso di parole sussurrate che nascondono segreti, affrontano nella maggior parte dei casi il proprio destino spinti dalla molla del “adessovifacciovedereiodicosasonocapace”, talvolta uscendone vittoriosi, altre delusi e sconfitti.
Dopo il romanzo Fiori di carta (2006), Carla Marcone intinge la penna nella Storia ed entra nel romanzo storico.

Il mattino imbrattava appena la notte.
La voce da gabbiano di Hasim rimbalzò tra i rantoli delle nuvole gonfie sulla baia increspata e precipitò giù dal declivio, lingua dispettosa, smorfia lungo la collina.
«Hey! Hey! Sono a un tiro di moschetto dal porto. Tra meno d’un’ora getteranno l’ancora! Caleranno le scialuppe!».
Soffiò via il sogno che da un anno lo svegliava di malumore.
Non fu un soffio risoluto, deciso a spegnere la fiamma di un lume, ma delicato, discontinuo, interrotto e ripreso. Fu come soffiare su un’infruttescenza di tarassaco.
Il sogno, allo stesso modo dei ciuffi danzanti tra alito e vento, vagò per qualche minuto tra un pensiero e l’altro per smarrirsi chissà dove nella testa.
Hey non si mosse, quasi smise di respirare. Provò a trattenerlo, Dio solo sa se ci provò, ma al solito non riuscì a fermarlo, a fissarlo.



Per questo appuntamento è tutto. Alla prossima!

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente TGIF – Book Whispers #58: I libri consigliati di questa settimana Successivo Review Party: La ragazza invisibile di Blue Jeans