Music Monday: Il mare senza stelle di Erin Morgenstern (Lain YA)

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Di lunedì va tutto più veloce, mi gusto un momento di quiete prima della “tempesta”. Per fortuna non mancano un po’ di ottimismo e della buona musica. Ma parliamo invece di letture, oggi voglio presentarvi un nuovo titolo in arrivo per la collana di LAINYA di Fazi Editore, si tratta de “Il mare senza stelle” di Erin Morgenstern in arrivo questo 16 luglio con la traduzione di Donatella Rizzati.

Data di uscita: 16 Luglio

Acquistalo subito: Il mare senza stelle

Editore: Fazi Editore
Collana: LAINYA
Traduzione: Donatella Rizzati
Genere: YA

Prezzo: € 18,50
Pagine: 400

Zachary Ezra Rawlins è uno studente del Vermont che un giorno trova un libro misterioso nascosto fra gli scaffali della biblioteca universitaria. Mentre lo sfoglia, affascinato da racconti di prigionieri disperati, collezionisti di chiavi e adepti senza nome, legge qualcosa di strano: fra quelle pagine è custodito un episodio della sua infanzia. È soltanto il primo di una lunga catena di enigmi. Una serie di indizi disseminati lungo il suo cammino – un’ape, una chiave, una spada – lo conduce a una festa in maschera a New York, poi in un club segreto e infine in un’antica libreria sotterranea. Là sotto trova ben più di un nascondiglio per i libri: ci sono città disperse e mari sterminati, amanti che fanno scivolare messaggi sotto le porte e attraverso il tempo, storie bisbigliate da ombre. C’è chi ha sacrificato tutto per proteggere questo regno ormai dimenticato, trattenendo sguardi e parole per preservare questo prezioso archivio, e chi invece mira alla sua distruzione. Insieme a Mirabel, un’impetuosa pittrice dai capelli rosa, e Dorian, un ragazzo attraente e raffinato, Zachary compie un viaggio in questo mondo magico, attraverso miti, favole e leggende, alla ricerca della verità sul misterioso libro. Ma scoprirà molto di più.

DOLCI RIMPIANTI
Tanto tempo fa…

C’è un pirata nel sotterraneo.
(Il pirata è una metafora, ma anche una persona).
(Il sotterraneo potrebbe essere considerato, a buon diritto, una prigione).
Il pirata era stato imprigionato lì a causa di numerosi atti di natura piratesca, considerati abbastanza criminosi per essere puniti dai non-pirati che decidono questo genere di cose.
Qualcuno disse di gettare via la chiave, ma la chiave è appesa a un anello ossidato che è attaccato a un gancio sulla parete vicina.
(Abbastanza vicina da poterlo vedere da dietro le sbarre. La libertà rimaneva in vista, ma fuori portata, lasciata lì come monito per il prigioniero. Nessuno lo ricorda, adesso dal lato-chiave delle sbarre. Il meticoloso disegno psicologico dimenticato, distillato in abitudine e convenienza).
(Il pirata se ne rende conto, ma si astiene dal fare commenti).
La guardia siede su una sedia accanto alla porta e legge polizieschi a puntate su un giornale scolorito, sognando di essere una versione di se stesso idealizzata, romanzesca. E intanto si chiede se la differenza fra pirati e ladri sia soltanto una questione di navi e cappelli.

Classe 1978, è un’artista multimediale americana. Nata in Massachusetts, vive a New York. Il Mare Senza Stelle è il suo secondo romanzo.



Per questo appuntamento è tutto. Alla prossima!

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Araldi del vuoto: Il parassita di Arthur Conan Doyle (Caravaggio Editore) Successivo A caccia con Lea – Pancia in dentro e naso in fuori: Missione #95