Obsidian di Jennifer L. Armentrout | Recensione di Deborah

 

 

 

 

 

OBSIDIAN

“Stammi bene a sentire” disse lui, facendo un passo avanti. 
Io indietreggiavo e lui avanzava, finché non mi ritrovai con le spalle contro uno degli alberi più alti.
DAemon chinò la testa e quegli occhi di un verde così innaturale inghiottirono tutto.

 

Titolo originale: Obsidian

Autore: Jennifer L. Armentrout

Ediore: Gunti

Collana: YA

Serie: Lux

Prezzo: 6.90 €

Pagine: 311

Acquistalo subitoObsidian (Lux Vol. 1)

 

Trama:

Katy, una book blogger diciassettenne,
si è appena trasferita in un paesino soporifero del West Virginia, rassegnandosi a una noiosa vita di provincia. Noiosa finché non incrocia gli occhi verdissimi e il fisico da urlo del suo giovane vicino di casa: Daemon Black è la quintessenza della perfezione. Poi quell’incredibile visione apre bocca: arrogante, insopportabile, testardo e antipatico. Fra i due è odio a prima vista. Ma un giorno Daemon salva Katy da un’inspiegabile aggressione, bloccando il tempo con… un flusso sprigionato dalle sue mani. Sì, il ragazzo della porta accanto è un alieno. Un alieno bellissimo invischiato in una faida galattica, e ora anche Katy, senza volerlo, c’è dentro fino al collo. L’unico modo per sopravvivere è stare incollata a Daemon. Sempre che lei non lo uccida prima…

 

Recensione:

Ciao lettori!

per il nostro appuntamento libroso del martedì voglio parlarvi del primo romanzo della serie Lux, Obsidian. Si tratta di un libro YA, paranormal romance insomma, scritto da Jennifer L. Armentrout ed edito da Giunti Editore. Da quando è iniziata la nostra avventura alla Stamberga ho sempre voluto dedicare uno spazio a questo romanzo, ci è voluta la terza rilettura per riuscirci! Ricordo di aver parlato con Anaëlle di questa saga, della videorecensione molto negativa che me l’aveva fatta scoprire e delle mia curiosità lasciata sempre in sospeso. Comunque, la mia migliore amica mi ha proposto di avventurarci insieme nel mondo popolato dagli alieni. Cosa dire, l’idea mi è subito piaciuta un sacco e ci siamo lanciate! E niente, da una lettura senza aspettativa, anzi, con tantissimi dubbi, è entrato di prepotenza nelle mia cerchia di libri preferiti. Sono rimasta sorpresa dall’effetto che mi ha fatto, sono partita prevenuta, ero già convinta che fosse una trashata pazzesca e invece ho adorato questa storia! Tra l’altro quell’estate cercavo in una Giunti un libro da leggere in spiaggia, proprio da battaglia che mi tenesse compagna, la scelte era Obsidian o Strarcrossed (che non mi è proprio piaciuto!) e ho optato per quest’ultimo. Dopo questa ingombrante premessa iniziamo a sfogliare il romanzo. La struttura della storia è la classica, diciamo, dei libri di questo genere: abbiamo un protagonista asociale che si trasferisce in una cittadine dispersa, mille difficoltà per ambientarsi con i compagni di scuola, conosce un figo pazzesco che la rifiuta e allontata, lo stesso manzo si rivela una creatura soprannaturale, scoppia l’ammore e viene ostacolato da un cattivone, relazione incerta e nemico sconfitto! Una cosa diversa nella storia Lux è il paranormal, non ci troviamo di fronte a vampiri, streghe, licantropi ma bensì agli alieni. Ero molto curiosa di vedere come fosse leggere di creature diverse dal solito target. Lo stile di scrittura della Armentrout è semplice, sembra davvero che una ragazza di diciassette anni racconti la storia, con questo non lo voglio banalizzare perché per me è stato coinvolgente ed accattivante, (mi ha fatto amare un romanzo su cui nutrivo ventordicimila dubbi!) non è risultato artefatto ed eccessivo come mi è capitato di constatare in altri romanzi dove stonava un certo stile. Positivissimi i personaggi e le loro caratterizzazioni, accurate e minuziose, sia a livello fisico che caratteriale. Mi è piaciuta tantissimo è stata la protagonista, Katy. Non è la solita ragazza ameba, smidollata che viene travolta dagli eventi, che viene oppressa e rimane impassibile; è una ragazza esplosiva, schietta che non si lascia facilmente mettere i piedi in testa, come si suol dire. Daemon, il protagonista maschile, è sexy, intrigate, affascinante, lo stronzo perfetto da cui ci faremo tutte ammaliare. Ammetto che non mi sono mai piaciuti così tanto i personaggi del genere. La storia in sé è carina, è vero che è popolata da cliché ma non può non catturarti. In breve: dopo il trasferimento in West Virgina, Katy sarà alle prese con l’ambientarsi nella nuova realtà, cercherà di rifugiarsi nei libri e nel suo blog, ma sarà spinta dalla madre a socializzare. Conoscerà così i suoi vicini di casa, Daemon e Dee Black; con il primo avrà un apparente rapporto di odio e la seconda diventerà la sua migliore amica. Strane sparizioni inizieranno a sconvolgere il placido paesotto, Katy sarà coinvolta sempre più a fondo in questi misteri. Obsidian è il primo volume della saga Lux, fa da introduzione a tutta la storia. Vi anticipo che le problematiche saranno un continuo crescendo!

 

 

 

 

Salva

May the Force be with you!
Precedente Recensione: La valigia rosa di Susie Morgenstern e Serge Bloch Successivo #Segnalazione: Le novità di Clichy in libreria dal prossimo 30 Marzo