Old but Gold: Le fatiche di Hercule Poirot di Agatha Christie

Agatha Christie, pseudonimo di Agatha Miller (Torquay, 1890 – Wallingford, 1976), è la più famosa giallista al mondo e una delle più prolifiche scrittrici di ogni tempo: ha al suo attivo circa ottanta opere, tradotte in più di cento lingue e vendute in oltre due miliardi di copie. Oltre ai gialli e alle opere teatrali, ha scritto sei romanzi d’amore, un’autobiografia e un libro di viaggio. Nel 1971 ha ricevuto il più alto riconoscimento britannico, divenendo Dama dell’Impero.

 

L’appartamento di Hercule Poirot era arredato in uno stile essenzialmente moderno. Scintillava di cromature. Le sue poltrone, per quanto confortevolmente imbottite, avevano una linea squadrata e senza compromessi. Proprio al centro di una di queste poltrone stava seduto, ordinato e composto, Hercule Poirot. Di fronte a lui, in un’altra poltrona, sedeva il dottor Burton, professore dell’All Souls, intento a sorseggiare con aria da intenditore un bicchiere di Chateau Mouton Rothschild offertogli da Poirot. Non c’era niente di ordinato e composto nel dottor Burton. Era grassoccio, trasandato e, sotto un ciuffo di capelli bianchi, il faccione rubizzo irradiava bonarietà. Aveva una risatina chioccia, profonda e un po’ ansante e l’abitudine di ricoprire se stesso e quanto gli stava intorno di cenere di tabacco. Invano Poirot lo circondava di portacenere.

 

Poirot

Editore: Libri Mondadori
Data di uscita: 1 settembre 2020
Pagine: 972
Prezzo: 25.00 €

 

Tutte le avvincenti indagini di Hercule Poirot, il piccolo detective belga dalle infallibili “celluline grigie”, nato dalla fantasia di Agatha Christie sono qui raccolte in un unico volume nel quale la vocazione narrativa della Regina del Giallo si esprime al suo meglio: storie che coinvolgono il pubblico in un raffinatissimo gioco di intelligenza accompagnate da raffinate illustrazioni d’epoca in bianco e nero.

 

 

Paletta e scopino alla mano, è ora di tornare a rispolverare un grande classico dalla nostra libreria Old But Gold firmato dalla penna di Agatha Christie, Le fatiche di Hercule PoirotSono sempre più felice di aver acquistato il drago dedicato ai racconti del mio amato investigatore, covo in segreto il sogno di vedere pubblicati altri draghi con tutti i romanzi della Christie ma soprattutto quelli con Poirot come protagonista. Non ci posso fare niente il fascino e la presunzione delle celluline grigie mi hanno conquistata ormai da diverso tempo.

Dopo Quattro casi per Hercule Poirot è stata l’ora di iniziare un nuovo insieme di racconti Le fatiche di Hercule Poirotuna raccolta molto simile alla primissima che avevo letto, Poirot indaga, composta da 12 casi piuttosto brevi. Questa raccolta mi è piaciuta tantissimo, un po’ meno rispetto a Quattro casi per Hercule Poirot trattandosi di racconti brevi e di conseguenza meno approfonditi. Poirot vorrebbe mettere un punto alla sua carriera di investigatore privato e ritirarsi in campagna a coltivare zucche, ma prima di potersi dedicare al giardinaggio decide di accettare gli ultimi dodici casi. I casi in questione devono assolutamente essere particolari, particolari non nel senso di essere estremamente complessi ma in qualche modo devono essere collegati alle dodici fatiche di Ercole, solo in modo spettacolare il nostro amato Hercule avrebbe potuto abbandonare il mondo del crimine.

 

 

Mi è piaciuto moltissimo il paragone tra le fatiche di Ercole e i nuovi dodici casi accettati da Poirot, mi sono piaciuti i collegamenti che Agatha Christie ha trovato per far quadrare come sempre tutto quanto al meglio.

In generale i dodici racconti appartenenti a Le fatiche di Hercule Poirot mi sono piaciuti molto, se devo scegliere quello che mi ha presa un po’ meno è stato Le stalle di Augia”, qui in particolare c’è stata poca azione e tanta politica. Invece i miei preferiti sono stati L’idra di Lerna”, Il cinghiale di Erimanto”, Gli uccelli stinfali”, Il toro cretese”, Il gregge di Gerione” e “La cattura di Cerbero”. Tutti questi racconti hanno saputo tenermi con il fiato sospeso e avrei davvero desiderato che fossero più corposi, proprio come un piccolo romanzo. Sono contenta di essere stata beffata diverse volte dalla Christie anche se si trattava di racconti, ho anche azzeccato però diversi colpevoli e/o soluzioni. Agatha Christie si conferma ancora una volta una garanzia, proprio come il mio investigatore preferito Hercule Poirot, fino a ora non sono mai stata delusa da una sua lettura né sotto forma di romanzi né di racconti. Non vedo l’ora di iniziare la prossima raccolta!

 

Al prossimo classico!

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Coffee Break: Da settembre in arrivo due nuove opere di Junji Ito Successivo Ti aspetto a Central Park di Felicia Kingsley | Recensione di Deborah