Old but gold: L’Imbustatorie. Fogli d’autore #3 – Sogno (ABEditore)

Instagram: @brivididicarta | @stambergadinchiostro

Oggi vi parlo del Sogno, quel mezzo che ci permette di entrare in mondi sconosciuti, librarci nei cieli più alti e nuotare nei mari più profondi: ABEditore ci porta per mano in queste avventure con cinque racconti d’autore.

4 buste, 4 temi, 5 racconti in ogni bustina.

Visita il sito: L’imbustastorie – Fogli d’autore

Editore: ABeditore
Collana: L’Imbustatorie
Traduzione: Federica Bruniera, Margaret Petrarca, Rosangela Amato, Antonella Castello

La nuova serie di imbustastorie comprende 4 buste tematiche, ognuna delle quali avrà al suo interno 4 o 5 storie, tutte appartenenti a scrittori celebri (ci sono Dickens, Stevenson, Kafka, Woolf, …). Anche questi racconti sono tradotti dai professionisti della “Bottega dei Traduttori”. Ogni foglio vestirà la caratteristica grafica di ABEditore, con la carta effetto “invecchiato” che conferisce al progetto la tipica peculiarità un po’ vintage.

A volte capita di fare sogni bizzarri, di quelli che una volta svegli lasciano quel retrogusto amaro in bocca, come se rimanesse in sospeso una domanda che per qualche ragione si ha quasi paura di porsi una volta aperti gli occhi: “Era tutto un sogno?”.

A chiunque sarà capitato almeno una volta nella vita di ritrovarsi intrappolato in questo limbo cognitivo che si attraversa al proprio risveglio, quella sensazione di trovarsi nel posto sbagliato anche se ci si rende conto piano piano che in realtà quello è il vero posto a cui si appartiene, la vita da svegli, ma questa consapevolezza ci accarezza solo dopo qualche minuto che ci siamo posti quella strana domanda. Le atmosfere fumose dei sogni e le situazioni inverosimili sembrano quasi una realtà più vivida della mostra vera vita e quando questo accade rischiamo di rimanere intrappolati con la nostra mente nel sogno di poco prima.

I cinque autori di dell’imbustastorie di oggi ci accompagnano proprio alla scoperta del mondo dell’inconscio, lo stesso dell’incubo ma che in un certo senso sembra riservare qualcosa di piacevole una volta svegliati, anche se non è sempre così.

Le imbustastorie di oggi sono firmate da O.Henry, Maupassant, Kafka, Cao Xuequin e Gustav Weil, i nostri cinque ciceroni del mondo onirico che si apprestano a parlarci di cinque tipi di sogni ben diversi fra loro, cinque miscele di fantasia e realtà che possono far correre lunghi brividi dietro la schiena di chi legge e, a volte, lasciarlo a bocca aperta.

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Inutile dire che abbiamo di fronte a noi cinque maestri, tutti tradotti per noi da La bottega dei traduttori, un formidabile gruppo di persone che sono capaci di riportare fino a noi le voci dei maestri del passato con la semplicità e la perizia di chi sa veramente cosa vuol dire tradurre un racconto. Con queste cinque storie però ci addentriamo in un mondo tanto luminoso quanto pericoloso, perchè come ho già detto nulla è ciò che sembra e quello che pare vero e tangibile può crollare sotto il nostro tocco come un castello di sabbia asciutta.

In questa raccolta i sogni prendono diverse sfumature, tutte diverse ma egualmente terrificanti, infatti si passa dai sogni ad occhi aperti a quelli in loop infinito che non smettono mai di ripetersi, dai sogni di piacere a quelli rivelatori e alle profezie.
I sogni infatti possono avere diversi significati e scopi e a volte quando la notte ci “porta consiglio” capita che lo faccia proprio in questo modo, portando la carezza di Morfeo sul nostro viso così che, liberi dal velo della ragione, la nostra mente possa riflettere in maniera naturale ed istintiva su ciò che ci attende.

Se da un lato però sognare vuol dire ricevere risposte sulla propria vita dall’altro può anche diventare un modo  per evadere dalla tristezza che ci attanaglia da svegli, una vera e propria medicina alle sofferenze della visione cosciente del nostro vivere.

Ancora una busta ci separa dalla fine del nostro viaggio, ma se da una parte ho cercato di distillare questi nostri appuntamenti per allontanare il più possibile questo momento, dall’altra mi rendo conto che ad un certo punto bisogna accettare la fine, perchè è proprio quello il momento in cui inizia la prossima storia. La nostra meta è ormai vicina e non ci resta che darci appuntamento alla nostra ultima tappa, l’incubo, quel mondo oscuro che ci fa tanta paura e non ha pietà di noi nemmeno quando dormiamo.

Buona lettura.

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di ABeditore per la copia omaggio.

 

May the Force be with you!
OLD BUT GOLD

Informazioni su Sandy Mercado

Per quanto mi impegni a leggere di tutto, prediligo sempre e comunque il buon caro thriller, un bel giallo e perché no, un noir vecchio stile. Capiterà quindi spesso che troviate tra le mie recensioni queste sfumature. Stesso discorso per i film.

Precedente La cuccia di Lea - #CR: La donna del ritratto di Kate Morton Successivo TGIF – Book Whispers #56: I libri consigliati di questa settimana