Paper Corn: Jingle Jangle: un’avventura natalizia

 

 

Titolo originale: Jingle Jangle: A Christmas Journey
Anno:  2020
Genere: Fantasy, musical
Regia: David E. Talbert

 

Decenni dopo essere stato tradito dal suo fidato apprendista, un giocattolaio ormai infelice ritrova la speranza quando una nipote curiosa e gentile entra nella sua vita. Guarda tutto ciò che vuoi.

 

 

 

La mia maratona di film e commedie romantiche natalizie su Netflix si è interrotta, ho guardato davvero tanti film di questo genere da metà novembre in poi e solo Jingle Jangle durante le vacanze natalizie. Strano! Forse sono partita un po’ troppo in anticipo, sicuramente per quest’anno credo che mi fermerò con la visione di questo genere di film, mi auguro però di riuscire presto a ritagliarmi spazio ogni tanto per vedere film come ho fatto durante il 2020.

Il trailer di Jingle Jangle mi ha colpita subito tantissimo, già da quelle poche immagini mi è sembrato un film molto accattivante per il periodo natalizio, atmosfere avvolgenti e fiabesche, colori sgargianti e un generoso pizzico di magia. La cosa però che non mi era per niente chiara è che si trattasse di un musical, mea culpa non ho approfondito per niente, ho visto il trailer e deciso di premere “play”. Purtroppo personalmente non sono molto fan dei musical, non mi piace l’idea che durante un film all’improvviso i personaggi si mettano a cantare e ballare, anche se nonostante queste mie considerazioni personali in un film natalizio sono riuscita ad apprezzarlo.

 

 

Jingle Jangle è un musical fantasy ambientato in un paese fiabesco dalle atmosfere magiche e natalizie; il film inizia con una nonna che racconta una fiaba ai suoi due nipotini leggendola da un libro magico. La storia narra di Jeronicus Jangle il più grande inventore di giocattoli del mondo, il protagonista aveva da poco effettuato una scoperta sbalorditiva che era in grado di animare i giocattoli, sarebbe stata una vera e propria rivoluzione. Jeronicus era pronto a mettere il lavoro in pausa per dedicarsi totalmente alla sua famiglia, avrebbe lasciato il negozio in mano al suo apprendista se quest’ultimo non lo avesse tradito rubandogli il libro delle invenzioni. Dopo questo tradimento e la morte della moglie l’inventore cade in un’oscura depressione che lo spinge ad allontanare da sé la sua unica figlia. La magia del negozio di Jeronicus Jangle sparisce e il locale si trasforma negli anni in un cencioso banco dei pegni fino a che non fa la sua comparsa la nipote di Jeronicus. La giovane possiede il genio creativo del nonno, insieme a un altro giovanissimo inventore aiuteranno Jangle a riaccendere la speranza e riappropriarsi della sua passione e della magia.

Jingle Jangle è un film molto particolare, mi è piaciuto molto che quasi tutti gli attori sono afroamericani presentati come semplici personaggi senza che ci siano questioni riguardanti il colore della pelle. Jingle Jangle è un racconto natalizio davvero carino, ricco di magia, fantasia e una bella morale.

 

Al prossimo film!

 

 

May the Force be with you!
FILM , ,

Informazioni su Deborah

Io sono Deborah, una ragazza sognatrice e fantasiosa; con una grande passione per i libri, i film e la scrittura. Sono una ragazza dinamica e attiva, ma quando sento nominare la parola “maratona” mi vedo sul divano con coperta e popcorn a guardare puntate su puntate di serie tv, o la saga completa dei film di Harry Potter!

Precedente Let's talk about: Romanzo d’estate di Elisa Averna (Eretica Edizioni) Successivo A caccia con Lea – Pancia in dentro e naso in fuori: Missione #100