Paper Corn: Love Hard di Hernán Jiménez García (2021)

 

 

Titolo originale: Love Hard
Anno: 2021
Genere: Commedia, sentimentale
Regia: Hernán Jiménez García

Natalie è una ragazza di Los Angeles, in un giornale ha una rubrica molto apprezzata dedicata alle sue sfortune in amore. Natalie desidera fortemente trovare l’uomo giusto, per farlo si affida a un app d’incontri che le regala continue e continue delusioni, la giovane però non si arrende e desidera fare un ultimo tentativo che in realtà sembra proprio essere finalmente quello giusto. La protagonista viene messa in contatto con un bellissimo ragazzo che vive a più di cinquemila chilometri di distanza, iniziano a conoscersi attraverso messaggi, chiamate e sembra proprio che i loro interessi coincidano in tutto e per tutto, che sia finalmente arrivata l’ora dell’amore per Natalie? Tutti questi fattori spingono la ragazza a partite sotto le feste per Lake Placid, un’allegra cittadina di montagna dove vive il bel Josh, sicura che la sua visita a sorpresa presto si trasformerà in un meraviglioso viaggio romantico e nell’inizio di un qualcosa di più importante.

 

 

I don’t want a lot for Christmas There is just one thing I need… ho proseguito con la visione di film natalizi, nell’attesa dell’approdo di tanti nuovi titoli sulla piattaforma mi sono buttata su Love Hard, una commedia sentimentale arrivata molto prima del periodo delle feste ma che guardando la classifica sta riscuotendo un grande successo in Italia.

Io personalmente sono già entrata nel mood natalizio, sono una di quelle persone che potrebbe tranquillamente fare l’albero di Natale ad agosto, perché sì bello farlo a Sant’Ambrogio ma è ancora più bello farlo quando mi pare! Quindi senza troppe remore mi sono tuffata nella seconda commedia natalizia dell’anno attratta dalla novità, dall’atmosfera e da Nina Dobrev. Ho seguito l’attrice ai tempi d’oro di The Vampire Diaries, ero davvero curiosa di vederla in una veste completamente diversa e devo dire che in fondo non mi è dispiaciuta. Invece Love Hard mi ha lasciato qualche piccolo dubbio a livello di film, si è rivelata una storia piacevole, a tratti divertente e a tratti effettivamente tenera, una pellicola dalla trama molto prevedibile come di solito avviene con questo genere ma in grado di regalare un po’ di allegria. Quello che non mi ha convinta pienamente è l’amore che sboccia alla fine, non so, mi è sembrata davvero poco veritiera la coppia, però dall’altra parte è molto bello che sia finito così, e davvero molto prevedibile!

 

 

Natalie è una ragazza di Los Angeles, in un giornale ha una rubrica molto apprezzata dedicata alle sue sfortune in amore. Natalie desidera fortemente trovare l’uomo giusto, per farlo si affida a un app d’incontri che le regala continue e continue delusioni, la giovane però non si arrende e desidera fare un ultimo tentativo che in realtà sembra proprio essere finalmente quello giusto. La protagonista viene messa in contatto con un bellissimo ragazzo che vive a più di cinquemila chilometri di distanza, iniziano a conoscersi attraverso messaggi, chiamate e sembra proprio che i loro interessi coincidano in tutto e per tutto, che sia finalmente arrivata l’ora dell’amore per Natalie? Tutti questi fattori spingono la ragazza a partite sotto le feste per Lake Placid, un’allegra cittadina di montagna dove vive il bel Josh, sicura che la sua visita a sorpresa presto si trasformerà in un meraviglioso viaggio romantico e nell’inizio di un qualcosa di più importante. Peccato che Josh non è il Josh che Natalie credeva essere, infatti si trova davanti un giovane asiatico che ha deciso di fare catfishing, utilizzando photoshop e soprattutto le immagini di un amico d’infanzia. Sconvolta dalla scoperta Natalie quella sera stessa si ubriaca in un pub della zona dove però incontrerà Tag, il “vero Josh”, da quel momento strinerà un accordo con Josh: se lui l’avesse aiutata a conquistare Tag lei avrebbe finto con la sua famiglia di essere la sua ragazza. Insomma, quanto può iniziare nel verso giusto una conoscenza basata su bugie e fraintendimenti?

Love Hard è una commedia simpatica, un film allegro carino da guardare in questo periodo, senza ovviamente avere troppe pretese!

 

Al prossimo film!

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente La ragazza giusta di Elizabeth Jane Howard | Recensione di Deborah Successivo Buonanotte, signor Tom di Michelle Magorian | Recensione di Deborah