Paper Corn: Nei panni di una principessa – ci risiamo!

 

 

Titolo originale: The princess switch: Switched Again
Anno:  2020
Genere: Commedia romantica
Regia: Michael Rohl

Quando l’incoronazione natalizia di Margaret complica la sua vita sentimentale, la sosia Stacy cerca di salvarla, ma un’altra sosia rischia di rovinare i piani…

Due anni dopo gli eventi narrati nel capitolo precedente, ritroviamo Stacy De Novo felicemente sposata con il principe Edward di Belgravia. Ma la felicità in amore non sembra essere riservata a tutti: infatti, la relazione a distanza tra la duchessa Margaret Delacourt (perfettamente identica a Stacy) e Kevin si è interrotta bruscamente. Ma gli imprevisti (anche piacevoli) sono sempre possibili.

 

Lo scorso weekend ho proseguito la mia maratona di commedie romantiche natalizie su Netflix, come poteva non essere Nei panni di una principessa – ci risiamo! la mia scelta? Il nuovo film di Vanessa Hudgens è approdato da pochi giorni sulla piattaforma di streaming e ovviamente io ne ho subito approfittato per proseguire l’avventura.

Devo ammettere che mi aspettavo un po’ di più da questo titolo, non ho provato il calore sperimentato con il primo film però tutto sommato non mi è dispiaciuto. Mi ha fatto molto piacere tornare a Belgravia in compagnia di Stacy, Edward, Margaret e Kevin, anzi forse è meglio dire mi ha fatto molto piacere approdare a Montenaro. La storia è carina, riesce a intrattenere ma ovviamente non sorprende; non che questo genere di film siano sorprendenti ma la scorsa avventura era riuscita ad appagare maggiormente la mia ricerca di una pellicola romantica, frizzante e natalizia. Personalmente mi chiedo quanto ancora riuscirò a sopportare la visione ininterrotta di commedie romantiche di Natale, in questo momento sono già a quota sei film e manca ancora un mese per arrivare al 25 dicembre! Vuoi poi durante le vacanze non continuare a ricercare la magia dello spirito natalizio?

La trama è carina, piuttosto prevedibile ma comunque godibile se si è interessati a vedere un film del genere, mi aspettavo un nuovo scambio tra Stacy e Margaret, ma di certo non mi aspettavo una terza Vanessa Hudgens! Questa scelta personalmente non mi ha fatto impazzire anche se nel contesto di questo film ci può stare, quello che non mi è molto piaciuto è come Stacy abbia cercato in tutti i modi di far tornare insieme Kevin e Margaret, mi è sembrato un comportamento forzato e poco maturo. Meravigliose e opulenti le atmosfere natalizie, adoro sognare di trasformare casa in una sorta di villaggio di Babbo Natale.

 

 

Stacy è felicemente sposata con il principe Edward di Belgravia, l’amore però sembra essersi interrotto per l’altra coppia nata nello scorso film, Margaret e Kevin. Stacy ed Edward sono entrambi molto impegnati, talmente tanto che sembra molto difficile per i due ritagliarsi pochi momenti di intimità da condividere, per fortuna l’incoronazione di Margaret come regina di Montenaro è alle porte. Stacy e il suo principe partono per presenziare alla grande cerimonia, la protagonista però decide di fare tappa a Chicago per convincere Kevin e la figlia ad andare a Montenaro. I quattro si ritrovato sotto il magnifico tetto del palazzo reale, inizierà a essere messo in atto il piano per tentare di riaccendere l’amore tra Kevin e Margaret, ma le questioni politiche sapranno come mettere i bastoni tra le ruote ai protagonisti; aggiungiamo agli ingredienti anche un consigliere avaro e una cugina spiantata. Una tranquilla e sfarzosa cerimonia d’incoronazione si trasformerà in un evento ricco di piacevoli e spiacevoli imprevisti. Mi è piaciuta tantissimo l’apparizione fugace del re e della regina di Aldovia, protagonisti della serie Un principe per Natale.

Nei panni di una principessa – ci risiamo! è un film di Natale molto carino, nonostante il primo film mi sia piaciuto di più mi ha fatto piacere continuare questa storia in un periodo dove la speranza e l’allegria non sono mai abbastanza.

 

Al prossimo film!

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Close-Up #43: Gocce di Mediterraneo. Scorci poetici di Sara Bortoluz Successivo Tea time: sono arrivate in libreria le Romane di Paolo Geremei