Paper Corn: Un principe per Natale – Royal baby

 

 

Titolo originale: A Christmas Prince: The Royal Baby
Anno:  2019
Genere: Commedia romantica
Regia: John Schultz

Un principe per Natale: Royal Baby, è il terzo e ultimo film della trilogia natalizia firmata da Jojn Schultz. È Natale in Aldovia e la bella Amber, dopo un matrimonio da favola con l’amore della sua vita, è in attesa del suo primo figlio. Mentre si destreggia tra gli obblighi a palazzo, il suo blog e i preparativi per la nascita del royal baby, qualcosa di inaspettato finisce tuttavia per metterla a dura prova. Il re e la regina, per rispettare una tradizione che ricorre ogni 100 anni, devono ospitare i regnanti di un paese lontano e firmare con loro un documento che sancisca il rinnovo di un’antica tregua tra i loro due regni.
Ma proprio quando è tutto pronto, il prezioso trattato, grazie al quale tra Aldovia e Penglia esiste la pace da oltre 600 lunghi anni, scompare. A complicare ulteriormente la situazione, è una terribile maledizione che grava sulla famiglia reale: se la sacra tregua sarà infranta, il primogenito subirà un maleficio. Richard e Amber hanno a disposizione fino alla mezzanotte della vigilia di Natale per ritrovare il documento e firmarlo prima che sia troppo tardi…

 

 

La mia maratona di commedie romantiche su Netflix non poteva che proseguire con l’ultimo film della trilogia natalizia Un principe per Natale, questa volta l’Aldovia è alle prese con un lieto evento, la nascita del futuro erede al trono, ma non solo, anche un’imminente crisi diplomatica da sventare.

È da un paio di settimane che sono bloccata con la visione dei film natalizi, neanche a farlo apposta più si avvicina il Natale più ho messo in pausa questo genere; forse ho iniziato davvero troppo presto ma avevo davvero bisogno di una dose di magia e divertimento e la trilogia di Un principe per Natale mi ha regalato tanto buonumore.

Un principe per Natale – Royal baby non è di certo un film da Premio Oscar, come del resto gli altri due episodi della serie e tutti i film di questo genere, si tratta di una storia romantica e frizzante destinata a intrattenere e divertire, per me il film riesce perfettamente a raggiungere questi due obbiettivi. Inoltre le atmosfere natalizie sono rese in modo a dir poco spettacolare e opulento, meravigliose decorazioni in ogni dove e una cornice alpina fatta di neve, montagne e foreste. Insomma, ovviamente non tutti possono avere la fortuna di vivere il Natale in un posto da sogno ma un po’ di immaginazione non guasta mai, di certo non guasta ammirare brevemente spettacolari paesaggi.

 

 

Abbiamo lasciato Amber e Richard felicemente sposati nello scorso film, ora un altro lieto evento è alle porte, la nascita del primo erede al trono di Aldovia, sarà un maschietto oppure una femminuccia? Nonostante il sesso del bambino sia tenuto segreto fino alla fine del film, è molto semplice indovinare di che colore sarà il fagottino. I protagonisti in questa nuova avventura, oltre ad attendere l’imminente nascita, dovranno impegnarsi al massimo per sventare una disastrosa crisi diplomatica. Di che cosa si tratta? Proprio alla Vigilia del 2019, i sovrani dei regni di Aldovia e Penglia dovranno entro la mezzanotte rinnovare le firme al trattato di pace siglato per la prima volta 600 anni fa, una tradizione fondamentale che si ripete ogni 100 anni.

Al castello arrivano i sovrani di Penglia, il re di questo regno lontano sembra essere una persona bonaria e solare, al contrario la regina pare proprio una donna rigida e fredda che non vede l’ora di tornare nelle sue terre. Quando tutto è pronto per la cerimonia della firma ovviamente qualcosa va storto, il prezioso trattato custodito in un contenitore sigillato sparisce misteriosamente nel castello; il sabotatore da trovare è a corte, infatti tutti sono bloccati nella suntuosa dimora da una bufera di neve. Non sarà così facile trovare il vecchio trattato, l’ansia di sventare una possibile crisi diplomatica sarà acuita da una presunta maledizione che in caso di mancata filma colpirà il primogenito del regno colpevole del disastro, in questo caso l’Aldovia. Le cose ovviamente andranno alla fine per il meglio grazie alla collaborazione di tutti i protagonisti e a un’intuizione di Amber.

Un principe per Natale – Royal baby è un film natalizio davvero carino, mi è piaciuta l’idea di Netflix di costruire una piccola serie di questo genere; io ho scoperto recentemente questi film quindi lì ho guardati in qualche settimana, pensando però sarebbe stato carino nel periodo natalizio per qualche anno ritrovare le atmosfere e i protagonisti di una storia che regala buonumore e divertimento.

 

Al prossimo film!

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente The Fate of the Tearling di Erika Johansen | Recensione di Deborah Successivo The Whispering Room: Complici senza destino di Valentina Mattia