Paper Corn: Un safari per Natale di Ernie Barbarash (2019)

 

 

Titolo originale: Holiday in the wild
Anno:  2019
Genere: Commedia, romantico
Regia: Ernie Barbarash

Dopo la partenza del figlio per il college, la newyorkese Kate Conrad organizza una… seconda luna di miele assieme al marito il quale la lascia. Nonostante l’accaduto, Kate decide di partire da sola per un safari in Africa e, durante una deviazione attraverso lo Zambia, aiuta Derek Holliston – il pilota del suo aereo – a soccorrere un piccolo di elefante destinato all’abbandono. Mentre sono in un santuario per pachidermi, i due lo curano e riescono a rimetterlo in sesto, e Kate ne approfitta per prolungare il suo soggiorno fino al periodo natalizio. Un nuovo amore è in arrivo: tornerà a casa o deciderà di far durare questa avventura tutta una vita?

 

 

Appena mi sono imbattuta in questo titolo non ho saputo resistere, dove ci sono gli animali ci sono anche io! Un safari per Natale è una commedia dolce e romantica, un film di intrattenimento che ci mostra meravigliosi scorci africani ma soprattutto delle creature incredibili: gli elefanti.
Sono stata particolarmente felice di immergermi in questo film e vedere come l’uomo infondo sa prendersi cura della natura e dei suoi abitanti più deboli. Sia chiaro, l’uomo purtroppo per la maggior parte è assassino e distruttore, e questo gli elefanti e gli altri animali lo sanno bene, costretti ad essere uccisi chi per l’avorio e chi per essere esposto come trofeo. Mi piace pensare che in questo ambito esistano anche molte storie a lieto fine, mi scalda il cuore vedere come è possibile cooperare e intessere una relazione di fiducia, rispetto e amicizia tra specie diverse.

 

 

Kate Conrad e il marito hanno appena salutato il loro unico figlio partito per intraprendere la grande avventura del college; la loro relazione non è più calorosa come un tempo per cui Kate decide a sorpresa di prenotare una seconda luna di miele in Africa, nella speranza di riaccendere l’amore sopito. Purtroppo però l’amore è finito ormai da tempo e Kate riceve subito il benservito, triste e amareggiata nonostante non sia più innamorata del marito la protagonista decide comunque di partire da sola per intraprendere questo viaggio. Kate è una donna forte e brillante che ha scelto di annullare sé stessa e il suo lavoro per sostenere il marito nella sua carriera e crescere loro figlio; Kate desidera tornare ad essere una veterinaria.

Atterrata in Zambia Kate si rende conto che non sarà per niente facile cercare di voltare pagina, tutto è organizzato e prenotato per due; inoltre il frizzante incontro con Derek in hotel non aiuterà per niente la protagonista in questo senso. Il giorno dopo Kate è pronta per vivere il suo Safari a cinque stelle, scopre però che il pilota che la porterà a scoprire le meraviglie dello Zambia è proprio l’impertinente Derek che in volo la obbligherà a fare una deviazione.

 

 

La deviazione ha portato alla scoperta di un elefantessa uccisa dai bracconieri e di un cucciolo, ormai orfano, destinato alla morte. Kate e Derek avvicinano l’elefantino e chiamano in aiuto il santuario degli elefanti della zona nel quale l’uomo è attivo, prestato il primo soccorso in Kate si risveglia la passione sopita per il suo lavoro e non può far altro che seguire il cucciolo rinunciando al lussuoso Safari. Kate decide di fermarsi a dare una mano il più possibile con gli elefanti, al centro hanno innumerevoli pachidermi ai quali prestare cure e il veterinario passa per visite saltuarie. Kate viene accolta con entusiasmo e calore dalla comunità che si occupa di salvare gli elefanti, presto la protagonista diventa una persona di famiglia. Kate si sente finalmente viva, torna ad essere sé stessa e inizia ad avvicinarsi in modo particolare a Derek; in questo clima di positività e soddisfazione la donna sceglie di prolungare il suo soggiorno in Africa. Dopo Natale a malincuore Kate decide di tornare a New York da suo figlio, ma una porzione grande del suo cuore rimarrà per sempre in Africa, legata agli elefanti dei quali si è presa cura e alla sua nuova famiglia. Inoltre presto scoprirà che gli elefanti avranno ancora bisogno del suo aiuto e capirà che prendersi cura di cani e gatti dell’alta società non la rende così felice come sperava.

Un safari per Natale è una commedia davvero dolce che ci permette di viaggiare con la fantasia in luoghi fantastici e avvicinarci virtualmente ad animali a dir poco meravigliosi.

 

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Let’s talk about: Il corpo di Carol Ellis (Piemme) Successivo Il segreto di Ippocrate di Isabella Bignozzi | Recensione di Deborah