#proiettilidicarta: Il quadro segreto di Leonardo di Fabio Delizzos

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Dopo un periodaccio finalmente ritorno sulla stamberga a parlare di un nuovo libro, il mio primo approccio con Fabio Delizzos e il suo “Il quadro segreto di Leonardo”, edito da Newton Compton.

Data di uscita: 19 Settembre

Acquistalo subito: Il quadro segreto di Leonardo

Editore: Newton Compton Editori
Collana: Nuova narrativa Newton
Genere: Thriller storico

Prezzo: € 2,99 | € 9,90
Pagine: 336

Roma, 1516. Nella vita di Leonardo da Vinci c’è una donna, affascinante e misteriosa. Una donna con un dono speciale che, insieme alla sua bellezza, suscita le brame di uomini potenti. Leonardo fa di tutto per proteggerla e spera di riuscire presto a portarla con sé in Francia. Una notte, nei pressi di Castel Sant’Angelo, è testimone involontario di un omicidio. Sulle prime sembrerebbe un caso di ordinaria criminalità, ma qualcosa di oscuro si sta invece muovendo nell’ombra: un antico segreto è stato violato e un oggetto molto prezioso è stato rubato da un monastero. Leonardo è chiamato dal cardinale Bernardo Dovizi da Bibbiena a indagare sull’accaduto, per rintracciare gli artefici del furto: ma più scava in quel mistero, più si convince che c’è un collegamento tra i furti e l’omicidio cui ha assistito. Eventi terribili stanno per abbattersi su Roma e la donna che ama potrebbe essere in serio pericolo. Ha così inizio, per Leonardo, una corsa contro il tempo tra tetre sale anatomiche, meandri di antichi monasteri e misteri biblici. Riuscirà a scongiurare la minaccia che incombe sulla Città Eterna e sulla donna che ama?

Sono andata a caccia di misteri con un compagno di viaggio diverso dal solito, un inventore e maestro di molteplici arti che non ha bisogno di presentazioni: Leonardo da Vinci. A spasso per il 1500, in una Roma dal fascino rinascimentale, mi sono imbattuta in qualcosa di inaspettato, un viaggio di sola andata verso un’epoca lontana in cui l’intrigo e il sangue si riversavano sulle strade. Ma andiamo per gradi.

Esce oggi per Newton Compton Editori il nuovo romanzo di Fabio Delizzos, “Il quadro segreto di Leonardo”,  il sacro Graal dei misteri, ovvero quello potremmo definire l’essenza della vita, un segreto a lungo taciuto e per il quale si è disposti ad uccidere pur di averlo. Ed è questo quello che succede, ma sfortunatamente per il criminale occhi indiscreti e curiosi lo osservano compiere il misfatto innescando una pericolosa reazione a catena che porterà i protagonisti sulle tracce di qualcosa che non avrebbero mai immaginato che potesse esistere.

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Quando l’oggetto viene trafugato Leonardo si ritrova ad investigare sul furto ed è sulla strada verso la luce che si scoprono le origini di questo misterioso “elisir” in grado di riportare in vita i morti. Come se non bastasse, a rendere ancora più insidiosa la sua caccia è una donzella in pericolo, Honda, dotata di un acume particolare e di una spiccata sensibilità che Leonardo inizia a trovare affascinante. Durante il loro percorso alla ricerca di una via di fuga per poter finalmente raggiungere la Francia, Leonardo scopre tutte le qualità di Honda, imparando ad apprezzare soprattutto la sua capacità di “predire” il futuro e il suo coraggio nel vivere costantemente sul filo del rasoio. 

Fabio Delizzos, prolifico scrittore sardo, racconta una storia avvincente che ingrana sin dalla prima pagina, mettendo in moto i suoi ingranaggi senza mai fermarsi o deviare dalla meta e devo ammettere che il risultato è straordinario, proprio come il personaggio principale, Leonardo da Vinci, un uomo che nonostante la sua grandezza si mostra in tutta la sua umiltà e intelligenza, dando prova di un lato del suo carattere che non conoscevo e che mi ha colpito. Svestito della sua grandezza si arriva fino in fondo all’animo di da Vinci in una corsa contro il tempo in cui si rischia il tutto e per tutto pur di fermare una catastrofe.

“Il quadro segreto di Leonardo” è un enigma che va decifrato un pezzo per volta, indizio dopo indizio su una strada lastricata d’oro, mistero e religione.

«La grandezza di Leonardo era pari solo alla sua umiltà. […] Non si vantava mai del suo ingegno straordinario, e in lui non c’era traccia di arroganza».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente La cuccia di Lea: Siamo riflessi di luce di Samuel Miller Successivo Paper Corn: Il Re Leone di Jon Favreau (2019)