Let’s talk about: La cattedrale di Jasper di Cristiano Pedrini

Instagram: @brivididicarta | @stambergadinchiostro

“Per molti la dignità era qualcosa che credevano di aver barattato per sempre con l’idea di poter essere semplicemente notati e aiutati.”

Pagine: 116

Acquistalo subito: La cattedrale di Jasper

Editore: Self Publishing
Data di uscita: 5 Maggio
Prezzo: € 12,00

Federico, un trentenne italiano di successo, vive la sua vita chiuso nella prigione della sua anima e del suo lavoro. Quando conosce attraverso a una chat Jasper, trasferitosi dall’Inghilterra per un corso di studi universitari, sa di non poter sperare molto per loro, ma quando il giovane ragazzo si materializzerà nella sua vita accendendo in lui mille emozioni, si troverà costretto a respingerle proprio per il terrore di ferirlo. Jasper ama la sua terra, le sue leggende, i suoi castelli e la sua cattedrale.

Federico, esperto di marketing per una casa editoriale non conosce le sfumature della vita né crede di sapersi emozionare per l’arte e la storia… Cosa potrà unirli e aprire i loro cuori?

“La sua spontaneità lacerò la tela opprimente che aveva tormentato gli ultimi giorni della sua esistenza e, come un taglio di Fontana, ora da quello squarcio vedeva emergere dall’oscurità una nuova realtà…”

Source: Henrietta Harris

Mi conoscete, non sono la classica romanticona che perde la testa per i romanzi rosa o di qualsiasi sotto sfumatura del genere, però ci sono autori che riescono a rendere piacevole il dedicarsi alla lettura di questo stampo, uno di questi è Cristiano Pedrini, scrittore che con spontaneità è sempre riuscito a scaldarmi il cuore. Non a caso, se sfogliate le mie recensioni, vedrete che lui è l’unica costante che mi permetto ogni tanto di leggere.

Questa volta avevo fra le mani un romanzo ancora inedito, sbarcato da poco sugli store on-line, si tratta de “La cattedrale di Jasper”, nuovo lavoro di Pedrini che esplora fino in fondo i pregiudizi derivanti dall’orientamento sessuale, il rovescio della medaglio che spesso non si vede in altri libri dello stesso genere, dove di solito si esalta più l’aspetto erotico o eccessivamente smielato che quello sociale.

Nel 2018 dovrebbe essere scontato che non vi siano differenze di genere o riguardanti l’orientamento sessuale di un individuo, ma sfortunatamente non è così. Sempre più persone cadono vittima di bullismo che sfocia in atteggiamenti di pura violenza, mostrando soltanto il lato negativo della nostra società. Non a caso continuano ad esserci ragazzi, anche giovani, discriminati e che si aggrappano all’idea che soltanto la morte possa porre fine alle loro sofferenze.

“Jasper Wales sei davvero reale oppure tra un po’ mi sveglierò nel mio letto, accorgendomi che era tutto un sogno?”

Credit: Henrietta Harris

Federico è un uomo di trent’anni con una mentalità diversa da quella delle persone della sua età, dedica anima e corpo al suo lavoro, ma respinge qualsiasi persona pur di non far conoscere il vero sé stesso. A volte capita nella vita che per riuscire ad aprirsi e accettarsi per quello che si è si abbia bisogno di una spinta, quella scintilla in grado di accendere il suo animo spento è Jasper Wales, uno studente universitario, un volto fra tanti, che però nasconde in realtà un’anima sofferente.

Per Federico aprirsi è già difficile, figuriamoci con qualcuno che è invece spontaneo ed è costantemente alla ricerca di un contatto, un modo per aprire un dialogo e riuscire a scorgere oltre la corazza. Nonostante l’abisso fra i due personaggi, rappresentato in particolar modo dall’età, i due si ritrovano ad affrontare insieme un percorso ad ostacoli, quello delle persone che non vedono oltre l’apparenza ma si fermano all’aspetto esteriore di una cosa.

È come se fosse inconcepibile amare una persona dello stesso sesso e soprattutto più giovane. Che cosa c’è di così sbagliato nell’innamorarsi di una persona? Se fossero stati un uomo e una donna probabilmente sarebbe stato evidente la differenza d’età, più che la coppia in sé. Invece per Jasper e Federico è difficile mostrarsi agli occhi di tutti, è scontato il giudizio popolare e affrettato, l’importante è sempre giudicare prima di conoscere.

“Invisibile forse per gli altri ma non per lui. Il peso di sentirsi fuori posto, di essere già stato etichettato in qualche modo esecrabile, stava accompagnando i suoi passi incerti.”

Credit: Henrietta Harris

Questa volta l’autore ci risucchia all’interno di una storia amara nella quale neanche l’amore riesce ad addolcire l’amarezza della vita, è una storia che potrebbe essere reale e come al solito lui riesce a dipingerla in maniera intensa, esplorando fino in fondo la psiche dei suoi protagonisti. Anche lo sfondo si anima, così come il passato di Jasper e il presente di Federico.

Erigere una cattedrale che possa racchiudere il meglio di Jasper, dalle mura spesse e che sottolinei allo stesso tempo la sua bellezza, è il compito che si prefigge Federico. Un compito per niente semplice, ma come ci hanno sempre insegnato non è importante la meta bensì ciò che si impara lungo il percorso, in questo senso entrambi hanno molto da insegnarci.

Un mondo in cui non c’è spazio per i sogni è già inconcepibile, a mio parere, ma lo è anche uno dove bisogna nascondersi per poter vivere ed essere accettati.

La cattedrale di Jasper sembrerà crollare da un momento all’altro eppure, ciò nonostante, dimostrerà di essere resistente al tempo e alle intemperie, temprando le sue mura contro le affilate follate del vento.

May the Force be with you!
Precedente TGIF – Book Whispers #40: I libri consigliati di questa settimana Successivo Review Party: Frammenti d'Infinito di Paola Catozza