Review Party: L’amore mi chiede di te di Lucrezia Scali

#Review Party

dal 23 ottobre in tutte le librerie

 

Perché se il pane sta bene con tutto, la marmellata no. Appartenevamo a due  mondi differenti, troppo lontani per incontrarsi.

 

Il romanzo – la trama

Autrice: Lucrezia Scali
Editore: Newton Compton Editore
Genere: Narrativa, Narrativa romantica
Pagine: 310
Prezzo: 10,00 €


acquistalo subito: 
L’amore mi chiede di te

Roccamonte è una cittadina tranquilla, dove non succede mai molto. Per questo fa notizia anche l’apertura di una tisaneria: a gestirla è Selva, una ragazza arrivata da poco in paese. Considerata strana sin da piccola, per i suoi gusti diversi dalle coetanee, Selva ha un dono particolare: è brava ad aiutare chi è in difficoltà. Per qualsiasi problema, lei ha pronto un rimedio a base di erbe. Enea è il primo cittadino di Roccamonte: disponibilissimo con tutti, gentile e cordiale. Eppure assolutamente restio a lasciarsi coinvolgere. Tanto meno da Selva, con la quale Enea non sembra avere niente in comune. Ma nonostante si ripeta che deve starle alla larga, non può negare, almeno a se stesso, di esserne attratto. Quando finalmente tra i due sta per nascere qualcosa e lui pare deciso a lasciarsi andare, qualcuno fa ritorno in paese… Qualcuno che appartiene al passato di Enea.

 

Recensione:

Lettori benvenuti!

eccoci qui per il nostro nuovo viaggio tra carta e inchiostro, oggi approdiamo a L’amore mi chiede di te, scritto da Lucrezia Scali ed edito da Newton Compton Editore. Il romanzo mi ha catturata, coinvolta in un vortice di emozioni, e guarita dal “blocco del lettore”! Siete pronti per conoscerlo meglio? Vi ricordo che da oggi è disponibile nelle librerie e store online.

 

Ed è in quel momento che dovresti tirare fuori il coraggio per dire basta. Per non restare intrappolata in un amore che ti avvelena e ti trasforma in una donna spezzata.

 

Lo stile di scrittura di Lucrezia mi ha catturata e trasportata nel mondo magico di Selva, mi ha fatto innamorare della storia e dei suoi personaggi. Ho trovato le ambientazioni molto suggestive e romantiche, Roccamonte è il paesino in cui tutti sogniamo di vivere. Vorrei tanto che il paese dove abito fosse un pó così, caratterizzato da unione e solidarietà tra gli abitanti. La chiave che mi ha fatto amare questo romanzo solo leggendo la trama è stata la tisaneria di Selva, tè e tisane sono la mia passione, non sono di certo brava con le erbe ma berrei piacevoli intrugli tutto il giorno!

 

Perché, dopo ogni volta che la incontravo, mi sentivo più felice dei giorni in cui la evitavo. Non mi succedeva da moltissimo tempo, di sentirmi di nuovo un uomo.

 

Selva, la protagonista, è una giovane ragazza di ventisei anni, coraggiosamente sceglie di mettersi in gioco ed inseguire il suo sogno: aprire una tisaneria. Selva è stata cresciuta dalla nonna Olimpia, e come lei ha sempre mostrato il dono di capire al volo i problemi degli altri, ascoltarli ed aiutarli con una risana a base di erbe. Negli anni la sua diversità la ha allontanata dalla propria famiglia, Selva cresceva senza l’affetto e le attenzioni che meritava. Veniva spesso “scaricata” da nonna Olimpia, lei con dedizione le insegnò ogni segreto riguardo le erbe. Mi è piaciuto molto l’idea di far risaltare la figura della nonna nella vita della giovane, mostrare come loro donano amore incondizionato. La passione per le erbe trovo sia una caratteristica molto particolare che dona a Selva quel tocco in più. Ho adorato il suo personaggio, nonostante di solito ho meno empatica verso le figure femminili.

 

Invece, quando si parla di sentimenti non dovrebbe esistere imbarazzo. Non è una vergogna mostrare quello che viene dal cuore.

 

Inseguendo il proprio sogno, sotto la guida della nonna defunta, Selva decide di lasciare Torino e trasferirsi nel piccolo comune di Roccamonte, dove aprirà la propria tisaneria. I primi giorni furono molto difficili, il paese intero la guardava con diffidenza perché era una forestiera. È stato molto bello vedere come con il tempo Selva venne integrata dalla comunità, e il suo particolare Neko cafè iniziò ad essere frequentato abitualmente. L’obbiettivo di Selva era quello di riprendere in mano la propria vita e voltare pagina con un nuovo inizio.

 

Se solo provassi a spiegarlo, non gli renderei giustizia. Perché, davvero, per certe cose così belle non hanno ancora inventato le parole giuste.

 

Nel percorso verso la rinascita Selva incontra Enea, il giovane sindaco di Roccamonte. Enea si mostra freddo e distante, fugge da Selva quando, a causa di un temporale, si rifugia nel suo negozio. Il sindaco è stato subito stregato dalla bellezza ed unicità della nuova concittadina, ma gli ricorda una persona che gli ha spezzato il cuore. Il giovane ha impiegato due anni per inibire le proprie emozioni ed i propri sentimenti. Scopriremo un duro e difficile passato di sofferenza che ha portato Enea ad indurire il proprio cuore. Resistere a Selva sembra impossibile perché più vorrebbe stare alla larga dalla donna, più lo invade la consapevolezza di quanto stare con lei gli faccia bene. La storia tra Enea e Selva è una storia davvero romantica, sboccia come un tenero fiore a primavere ed è bellissimo leggere di questo amore. Sembra agli occhi del lettore una storia reale e non artefatta, anche se non mancheranno le difficoltà. Riuscirà Selva ad essere il vento che porterà aria nuova nella vita di Enea?

 

Perché quella sua testa matta era riuscita a darmi ricredere. Le favole non erano solo finzione, potevi essere tu l’autore di una fiaba scritta per te stesso e regalarti un lieto fine.

 

Lettori, non voglio rivelarvi troppo di L’amore mi chiede di te perché è uno di quei romanzi da vivere in prima persona, da gustare una pagina alla volta. È una storia che ti lascia con la voglia di ricominciarla subito; è fatta di sentimenti, amore, coraggio, rivincita e lieto fine. Sono questi gli ingredienti che sceglierei se dovessi preparare un infuso dedicato a questo romanzo.

 

 

Al prossimo viaggio!

 

 

May the Force be with you!
Precedente Amore a prima copertina – Cover love #15 Successivo Recensione: Il museo delle mie cose di Emma Lewis (Edizioni Clichy)